A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z  

              [Sort by number of followers]   [Restore default list]

  Subjects -> CONSERVATION (Total: 142 journals)
Showing 1 - 37 of 37 Journals sorted alphabetically
Advanced Sustainable Systems     Hybrid Journal   (Followers: 5)
African Journal of Ecology     Hybrid Journal   (Followers: 16)
African Journal of Range & Forage Science     Hybrid Journal   (Followers: 13)
African Journal of Wildlife Research     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
AICCM Bulletin     Hybrid Journal   (Followers: 1)
Ambiens. Revista Iberoamericana Universitaria en Ambiente, Sociedad y Sustentabilidad     Open Access   (Followers: 1)
American Journal of Rural Development     Open Access   (Followers: 9)
American Museum Novitates     Open Access   (Followers: 5)
Animal Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 48)
Aquaculture, Aquarium, Conservation & Legislation - International Journal of the Bioflux Society     Open Access   (Followers: 7)
Aquatic Conservation Marine and Freshwater Ecosystems     Hybrid Journal   (Followers: 43)
Arcada : Revista de conservación del patrimonio cultural     Open Access   (Followers: 1)
Archeomatica     Open Access   (Followers: 9)
Arid Land Research and Management     Hybrid Journal   (Followers: 10)
Asian Journal of Sustainability and Social Responsibility     Open Access   (Followers: 4)
Australasian Plant Conservation: Journal of the Australian Network for Plant Conservation     Full-text available via subscription   (Followers: 4)
Biodiversity and Conservation     Open Access   (Followers: 246)
Biological Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 383)
Business Strategy and the Environment     Hybrid Journal   (Followers: 13)
Catalysis for Sustainable Energy     Open Access   (Followers: 11)
Challenges in Sustainability     Open Access   (Followers: 11)
Chelonian Conservation and Biology     Hybrid Journal   (Followers: 9)
Conservación Vegetal     Open Access  
Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 29)
Conservation Biology     Hybrid Journal   (Followers: 342)
Conservation Genetics     Hybrid Journal   (Followers: 21)
Conservation Science     Open Access   (Followers: 28)
Conservation Science and Practice     Open Access  
Diversity and Distributions     Open Access   (Followers: 44)
Earth's Future     Open Access   (Followers: 5)
Eastern European Countryside     Open Access   (Followers: 2)
Eco-Entrepreneur     Open Access  
Ecological Economics     Hybrid Journal   (Followers: 207)
Ecological Psychology     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Ecological Restoration     Full-text available via subscription   (Followers: 23)
Ecology and Evolution     Open Access   (Followers: 100)
Ecology and Society     Open Access   (Followers: 52)
Environment and Natural Resources Journal     Open Access   (Followers: 1)
Environment and Planning E : Nature and Space     Hybrid Journal   (Followers: 1)
Environmental and Resource Economics     Hybrid Journal   (Followers: 26)
Environmental and Sustainability Indicators     Open Access   (Followers: 3)
Environmental Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 61)
Ethnobiology and Conservation     Open Access   (Followers: 3)
European Countryside     Open Access   (Followers: 1)
Forest Policy and Economics     Hybrid Journal   (Followers: 23)
Forum Journal     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Frontiers in Ecology and Evolution     Open Access   (Followers: 45)
Functional Ecology     Hybrid Journal   (Followers: 52)
Future Anterior     Full-text available via subscription  
Global Ecology and Biogeography     Hybrid Journal   (Followers: 74)
Global Ecology and Conservation     Open Access   (Followers: 17)
Human Dimensions of Wildlife: An International Journal     Hybrid Journal   (Followers: 6)
Ideas in Ecology and Evolution     Open Access   (Followers: 11)
In Situ. Revue des patrimoines     Open Access   (Followers: 1)
Indonesian Journal of Conservation     Open Access  
Indonesian Journal of Sustainability Accounting and Management     Open Access   (Followers: 1)
Interações (Campo Grande)     Open Access  
Interdisciplinary Environmental Review     Hybrid Journal   (Followers: 3)
International Journal of Architectural Heritage: Conservation, Analysis, and Restoration     Hybrid Journal   (Followers: 10)
International Journal of Biodiversity and Conservation     Open Access   (Followers: 4)
International Journal of Biodiversity Science and Management     Open Access   (Followers: 9)
International Journal of Environment and Pollution     Hybrid Journal   (Followers: 3)
International Journal of Global Energy Issues     Hybrid Journal   (Followers: 8)
International Journal of Social Ecology and Sustainable Development     Full-text available via subscription   (Followers: 10)
International Journal of Sustainable Development     Hybrid Journal   (Followers: 17)
International Journal of Sustainable Development and World Ecology     Hybrid Journal   (Followers: 14)
International Soil and Water Conservation Research     Open Access   (Followers: 3)
Intervención     Open Access   (Followers: 1)
Journal for Nature Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 31)
Journal for the Study of Religion, Nature and Culture     Hybrid Journal   (Followers: 13)
Journal of Cultural Heritage Management and Sustainable Development     Hybrid Journal   (Followers: 10)
Journal of East African Natural History     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
Journal of Ecology and The Natural Environment     Open Access   (Followers: 4)
Journal of Industrial Ecology     Hybrid Journal   (Followers: 15)
Journal of International Wildlife Law & Policy     Hybrid Journal   (Followers: 4)
Journal of Natural Resources Policy Research     Hybrid Journal   (Followers: 10)
Journal of Paper Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Journal of Rural Studies     Hybrid Journal   (Followers: 18)
Journal of Sustainable Mining     Open Access   (Followers: 3)
Journal of the American Institute for Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 4)
Journal of the Institute of Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 28)
Journal of Threatened Taxa     Open Access   (Followers: 2)
Journal of Urban Ecology     Open Access   (Followers: 5)
Julius-Kühn-Archiv     Open Access  
Lakes & Reservoirs Research & Management     Hybrid Journal   (Followers: 14)
Landscape and Urban Planning     Hybrid Journal   (Followers: 34)
Madagascar Conservation & Development     Open Access   (Followers: 3)
Madera y Bosques     Open Access  
Media Konservasi     Open Access   (Followers: 1)
Monographs of the Western North American Naturalist     Full-text available via subscription  
Natural Resources and Conservation     Open Access   (Followers: 5)
Natural Resources Forum     Hybrid Journal   (Followers: 7)
Nature Conservation     Open Access   (Followers: 36)
Nature Sustainability     Hybrid Journal   (Followers: 12)
Natureza & Conservação : Brazilian Journal of Nature Conservation     Open Access  
Neotropical Biology and Conservation     Open Access   (Followers: 2)
Nepalese Journal of Development and Rural Studies     Open Access  
Northeastern Naturalist     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Northwestern Naturalist     Full-text available via subscription  
Novos Cadernos NAEA     Open Access   (Followers: 1)
npj Urban Sustainability     Open Access   (Followers: 2)
Nusantara Bioscience     Open Access   (Followers: 4)
Ocean Acidification     Open Access   (Followers: 6)
One Ecosystem     Open Access  
Oryx     Hybrid Journal   (Followers: 18)
Pacific Conservation Biology     Full-text available via subscription   (Followers: 2)
Park Watch     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Proceedings of the Academy of Natural Sciences of Philadelphia     Full-text available via subscription   (Followers: 4)
Process Integration and Optimization for Sustainability     Hybrid Journal  
Rangeland Journal     Hybrid Journal   (Followers: 4)
Recursos Rurais     Open Access   (Followers: 1)
Recycling     Open Access  
Resources, Conservation & Recycling     Hybrid Journal   (Followers: 24)
Resources, Conservation & Recycling : X     Open Access   (Followers: 2)
Restoration Ecology     Hybrid Journal   (Followers: 47)
Revista de Ciencias Ambientales     Open Access   (Followers: 2)
Revista de Direito e Sustentabilidade     Open Access  
Revista Meio Ambiente e Sustentabilidade     Open Access   (Followers: 1)
Revista Memorare     Open Access  
Rural Sustainability Research     Open Access   (Followers: 4)
Savana Cendana     Open Access  
Society & Natural Resources: An International Journal     Hybrid Journal   (Followers: 21)
Socio-Ecological Practice Research     Hybrid Journal  
Soil Ecology Letters     Hybrid Journal  
Southeastern Naturalist     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Southern Forests : a Journal of Forest Science     Hybrid Journal   (Followers: 4)
Studies in Conservation     Hybrid Journal   (Followers: 14)
Sustainable Earth     Open Access  
Sustainable Environment Agricultural Science (SEAS)     Open Access  
Sustentabilidade em Debate     Open Access  
Tanzania Journal of Forestry and Nature Conservation     Full-text available via subscription   (Followers: 2)
The American Midland Naturalist     Full-text available via subscription   (Followers: 11)
The Southwestern Naturalist     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Tropical Conservation Science     Open Access   (Followers: 2)
Tropical Ecology     Hybrid Journal  
VITRUVIO : International Journal of Architectural Technology and Sustainability     Open Access  
Water Conservation Science and Engineering     Hybrid Journal   (Followers: 2)
Western North American Naturalist     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Wildfowl     Open Access   (Followers: 11)
Wildlife Australia     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Wildlife Research     Hybrid Journal   (Followers: 15)
World Review of Entrepreneurship, Management and Sustainable Development     Hybrid Journal   (Followers: 3)

              [Sort by number of followers]   [Restore default list]

Similar Journals
Journal Cover
Archeomatica
Number of Followers: 9  

  This is an Open Access Journal Open Access journal
ISSN (Print) 2037-2485
Published by A&C2000 Homepage  [1 journal]
  • Gestire e salvaguardare i rischi del Patrimonio Culturale

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Il Progetto Strategico FIRESPILL https://www.italy-croatia.eu/web/firespill è finanziato dal programma Interregionale Italia – Croazia con un budget complessivo di € 16.492.800 e punta a rendere più efficaci i sistemi di gestione delle emergenze (EMS), migliorando la preparazione e il coordinamento degli attori che intervengono nella gestione dei disastri naturali e di origine antropica, rafforzando la consapevolezza dei cittadini sulla prevenzione dei rischi e la gestione delle crisi. Oltre all’Agenzia per la Ricostruzione della Regione Emilia – Romagna, vi prendono parte le Regioni del territorio italiano eleggibile: Abruzzo, Friuli Venezia-Giulia, Marche, Puglia e Veneto e le Contee croate di Split - Dalmazia (che rappresenta il Lead Partner, RERA S.D.), Istria, Zara, Sibenik-Knine Dubrovnik.
      PubDate: Wed, 12 May 2021 18:38:17 +020
       
  • Interactive Culture Experience, una piattaforma di gamification per la
           cultura

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Secondo una delle definizioni più note, la gamification è “l’utilizzo di elementi di game design in contesti diversi dal gioco” (Deterding Sebastian, 2011). Ovvero, l’applicazione di meccaniche di gioco e tecniche specifiche di game design per ingaggiare e motivare gli utenti ad eseguire determinati azioni e a raggiungere determinati obbiettivi. La gamification usa l’interattività concessa dalle tecnologie digitali e, attraverso il divertimento (o entertainment/edutainment), rappresenta uno strumento estremamente efficace in grado di veicolare contenuti e messaggi di vario tipo mettendo al centro l’utente e il suo coinvolgimento attivo.
      PubDate: Wed, 12 May 2021 18:29:40 +020
       
  • Archeo-geofisica: il futuro vede il passato

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Diversi strumenti presi dalla geofisica applicata vengono sfruttati appieno e con grande interesse dagli archeologi. I più innovativi non si lasciano scappare la strumentazione più performante. L’Università di Ferrara – con il prof. Enzo Rizzo e la prof.ssa Rachele Dubbini – in collaborazione con il dott. Luigi Capozzoli del CNR IMAA stanno studiando un sito a Bocca delle Menate (Comacchio) alla ricerca di aree di interesse archeologico.
      PubDate: Wed, 12 May 2021 18:23:01 +020
       
  • Stazione Totale Stonex R20 per l’Archeologia

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Stonex R20 è una stazione totale che combina funzionalità e affidabilità. Leggera e maneggevole è un compagno perfetto per i rilievi in campo. Le performance di misura sono ottime fino a 5000m con prisma, 600m senza prisma e 2” di accuratezza angolare. Il telescopio ad alte prestazioni, con il reticolo illuminabile, fornisce la miglior qualità di mira in qualsiasi condizione ambientale. I programmi a bordo la rendono adatta a qualsiasi lavoro. Che il lavoro sia un semplice rilievo o un picchettamento, R20 ti aiuterà sempre grazie ad un'interfaccia semplice e ad un menù di navigazione chiaro ed intuitivo. In alternativa, è possibile collegare a Stonex R20 un dispositivo esterno tramite connessione Bluetooth ed utilizzare il software da campo che si ha già in dotazione.
      PubDate: Tue, 11 May 2021 17:21:46 +020
       
  • MuseumAtNightChallenge: i musei si accendono di notte sui social

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Cosa succede nei musei, quando le porte si chiudono?  Di recente è nata una curiosa challenge tra i musei italiani e d'oltralpe, che permette alle persone di poter entrare virtualmente nei musei di notte.
      PubDate: Mon, 10 May 2021 21:11:12 +020
       
  • Equipaggiamento di un guerriero germanico del II-IV secolo d.C.: oltre la
           ricostruzione digitale.

    • Authors: Maria Chiara Spiezia
      Abstract: L'analisi computerizzata che impiega modelli 3D di vestiti è ampiamente utilizzata nel design dell'abbigliamento contemporaneo. I vuoti d'aria e le aree di contatto tra il corpo e gli indumenti vengono misurati per garantire che si adattino al fruitore. I programmi informatici possono visualizzare la deformazione dei materiali tessili e la pressione che i medesimi esercitano sul corpo, inoltre un software specifico può modellare il trasferimento di calore per prevedere come i vestiti proteggeranno chi li indossa dalle temperature estreme.Le tecnologie digitali vengono utilizzate anche per ricostruire abiti e tessuti storici, in particolare quelli provenienti da un contesto archeologico, che possono presentarsi incompleti, danneggiati o fragili. Il potenziale della tecnologia - come la computer grafica (CG) e la progettazione assistita da computer (CAD) – sino a oggi è stato esperito solamente in  modo parziale.Un caso di studio interessante sull'uso di queste tecnologie è in corso di pubblicazione sul Journal of Cultural Heritage, da Aleksei Moskvinb, Martijn A. Wijnhovena, Mariia Moskvinab. La ricerca dimostra che le ricostruzioni digitali non sono solo visualizzazioni scientifiche, ma nuovi e potenti strumenti di ricerca da cui possono scaturire nuove intuizioni sui manufatti archeologici.Lo studio si è soffermato sull'equipaggiamento di un guerriero germanico del II-IV secolo d.C:  la panoplia composta da pantaloni, tunica, scarpe, una cotta di maglia, un indumento sotto l'armatura e una cintura. Per esaminare come i capi di abbigliamento interagiscano insieme sono state formulate diverse ipotesi.Nell’iconografia, la cotta di maglia è spesso mostrata con una cintura. Finora non era mai stato studiato in che modo la cintura interagisse con la cotta di maglia in condizioni sia statiche che dinamiche. Nella ricerca si sono confrontate due ipotesi. La prima che la cintura trasferisse parte del peso della cotta di maglia dalle spalle verso la vita. La seconda che l'uso della cintura contribuisse a ridurre il momento di inerzia della cotta di maglia rendendo più facile il movimento del guerriero.Il lavoro è stato suddiviso in due fasi principali: nella prima il costume è stato ricostruito in realtà virtuale, durante la seconda fase sono stati applicati strumenti CAD (Computer Aided Design) e CG  Computer Graphics per caratterizzare l'analisi della sollecitazione e della deformazione per analizzare i modelli 3D e ottenere i dati a favore o contro le ipotesi formulate. In un primo momento sono stati selezionati i reperti archeologici che compongono il costume del guerriero germanico del II-IV secolo d.C.  Per la cotta di maglia è stata scelta quella denominata di Vimose in Danimarca (National Museum Copenhagen, inv. No. C 1078). Questa armatura risale al 150–220 d.C. ed è nota per il suo eccellente stato di conservazione. Il ritrovamento non avvenne durante uno scavo archeologico, ma grazie ad addetti che trascinavano una rete di raccolta lungo il fondo della torbiera di Vimose. La cotta di maglia è quasi del tutto completa e flessibile e denuncia solamente qualche danno risultato di una distruzione intenzionale. In effetti la pratica della distruzione deliberata era una caratteristica comune nei cosiddetti sacrifici di bottini di guerra. La ricostruzione digitale della cotta di maglia di Vimose è trattata in una precedente pubblicazione di due degli studiosi Wijnhoven e Moskvinab.Diversamente, la tunica e i pantaloni ricostruiti provengono entrambi dal sacrificio del bottino di guerra a Thorsberg, nel nord della Germania. Proprio come a Vimose, la palude di Thorsberg conteneva migliaia di oggetti, principalmente militari, depositati sul fondo di un lago. La maggior parte dei manufatti provenienti da quest’aria risale alla prima metà del III secolo d.C.La cintura ricostruita invece proviene da un altro sito simile: Illerup Ådal, in Danimarca.Per la ricostruzione delle scarpe sono state scelte quelle di Obenaltendorf in Germania trovate ai piedi di un corpo maschile dalla torbiera maschile. Sono risalenti approssimativamente al III secolo d.C e riprendono la tipica calzatura della regione germanica durante quel periodo.Il passaggio successivo alla scelta dei reperti archeologici è stato l’utilizzo della tecnologia di morphing 3D per la modellazione di un avatar del guerriero germanico, sulla base di informazioni archeologiche e di tabelle di dimensionamento contemporanee. Quindi è stata effettuata la ricostruzione degli oggetti in realtà virtuale con l’utilizzo di due tipi di simulazione al computer: simulazione del tessuto per la tunica, i pantaloni e le scarpe; e una simulazione multi-specie di tessuto e corpo rigido per la cotta di maglia. Per eseguire un’analisi dello sforzo si è passati alla modellazione di un oggetto aggiuntivo, ovvero una rappresentazione semplificata del cappotto di maglia per comprendere l'influsso della cintura sul mantello e altri calcoli aggiuntivi. Infine sono state effettuate le analisi del costume ricostruito in un programma software di adattamento virtuale per vedere il comportamento degli abiti sul corpo del guerriero mentre combatteva con armi diverse. AVATAR_2jpg.jpg                                              Fig. 2 - Avatar del guerriero germanico in diverse pose.Per la ricostruzione e lo studio del costume sono stati utilizzati cinque programmi software: Clo3D, Unreal Engine, Blender, Range e PicPick. Per modellare l'avatar, ricostruire gli indumenti e simulare ...
      PubDate: Fri, 07 May 2021 20:29:16 +020
       
  • After The Damages Summer School: gestione, prevenzione e mitigazione del
           rischio

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Un corso intensivo ad ampio spettro per la prevenzione, mitigazione e gestione del rischio per l'intervento sull'ambiente costruito. “After the Damages” è il corso intensivo di alta formazione tenuto da esperti nazionali e internazionali, tecnici e policy maker, sulla riduzione e gestione del rischio correlato all’impatto di eventi calamitosi naturali e antropici sul territorio urbanizzato. Il corso offre una formazione intensiva – somministrata online, in forma sincrona e asincrona, e attraverso l'attività sul campo in sopralluoghi virtuali tematici – comprendendo sia i concetti fondamentali, sia gli strumenti aggiornati per la riduzione del rischio di catastrofi, focalizzando l'attenzione sui molteplici rischi naturali, inclusi eventi composti ed effetti a cascata. Attraverso il ciclo del disastro (mitigazione, preparazione, risposta e recupero) ed in relazione all'interazione dei molteplici pericoli naturali con la società umana, viene esplorato il metodo di riduzione del rischio da catastrofi sul patrimonio costruito esistente.
      PubDate: Thu, 06 May 2021 11:05:03 +020
       
  • La digitalizzazione delle statue della Collezione Farnese

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Il MANN (Museo Archeologico di Napoli) ha di recente segnalato la collaborazione con la società di servizi Flyover Zone (Bloomington, Indiana, USA) per la digitalizzazione 3D di ventitrè sculture della Collezione Farnese.
      PubDate: Wed, 05 May 2021 11:56:54 +020
       
  • CIDOC 2021: Symbiosis of Tradition and Digital Technology

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: La tecnologia è passata dall'essere una sfida per un museo, un supporto, fino a divenire parte integrante dell'esperienza museale. Le tecnologie emergenti consentono e obbligano  ad adottare nuovi approcci lavorativi, integrando i metodi di pianificazione tradizionali. Come si può trarre beneficio unendo ed utilizzando al meglio entrambi gli ambiti'
      PubDate: Fri, 30 Apr 2021 12:47:52 +020
       
  • Archeomatica 1 2021 - Digitalizzazione 3D, webGIS e Archeologia Forense

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: In questo numero di Archeomatica scopriamo o ricordiamo, attraverso i suoi autori nelle diverse applicazioni, alcune abilità e facilitazioni che la georeferenziazione, la modellazione 3D, il rendering, la realtà aumentata e infine l’intelligenza artificiale consentono di svolgere in parziale automazione, ma che in tempi ancora recenti erano considerate una prerogativa della mente umana, anche geniale, enigmistica, su base neuronale, abbastanza rara e parte consistente di una formazione professionale.
      PubDate: Thu, 29 Apr 2021 17:33:10 +020
       
  • Drone thermal images for Archaeology

    • Authors: Matteo Serpetti
      Abstract: In Archeofoss 2020, Gabriele Ciccone showed how to use open source tools to elaborate thermal images and create archaeological 3S surveys and orthophotos (abstract in https://zenodo.org/record/4002961#.YHgzlOgzaUk), as part of his Phd project “Flying off-site: nuove metodologie di indagine per l’analisi dei paesaggi storici”.
      PubDate: Thu, 29 Apr 2021 15:54:23 +020
       
  • Uno studio spagnolo rivela che la diseguaglianza di genere risale al
           Neolitico

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Esiste da tempo una correlazione sociale profondamente radicata tra determinati lavori e generi biologici. Uno studio condotto dai ricercatori del Consejo Superior de Investigaciones Científicas in Spagna ha rivelato che l'associazione lavoro/genere iniziò 5.000 anni fa: i risultati supportano la tesi che la fonte delle disuguaglianze di genere è parzialmente radicata nell’Età Neolitica e nella sua colonizzazione dell'Europa da parte degli agricoltori.
      PubDate: Thu, 29 Apr 2021 13:03:42 +020
       
  • La lastra incisa di Saint-Bélec: un’antichissima mappa 3D '

    • Authors: Maria Chiara Spiezia
      Abstract: I ricercatori dell’Institut national de recherches archéologiques préventives (INRAP), quelli del Centre national de la recherche scientifique (CNRS) e i ricercatori delle università di Bournemouth e della Bretagna occidentale hanno esaminato una particolare lastra di pietra decorata, denominata di Saint-Bélec.  
      PubDate: Mon, 26 Apr 2021 18:05:52 +020
       
  • Human and Climate Change in Northern Italy

    • Authors: Matteo Serpetti
      Abstract: In Archeofoss 2020, Filippo Brandolini and Francesco Carrer presented a new FLOS-based interdisciplinary approach to see the transition from Roman into the Medieval Period (abstract in https://zenodo.org/record/4002961#.YHgzlOgzaUk). This article shows how using QGIS, GRASS GIS and R is allowed the development of a solid statistical assessment of human interaction with alluvial environments and archaeological landscape.
      PubDate: Mon, 26 Apr 2021 12:40:47 +020
       
  • Soil Erosion Risk Map for Cultural Heritage

    • Authors: Matteo Serpetti
      Abstract: In Archeofoss 2020, F. Battistin, S. De Angeli, F. V. Moresi, P. K. Fayad and M. Serpetti presented an article on RESEARCH -the European project on REmote SEnsing techniques for ARCHaeology- (abstract available at: https://zenodo.org/record/4002961#.YHgzlOgzaUk). This project aims to assess the damage caused by soil erosion to the CH, in exposed and buried archaeological areas. For this purpose a specific FLOS tool was developed, to create high resolution risk maps.
      PubDate: Mon, 26 Apr 2021 12:03:24 +020
       
  • Dov’è l’Ecce homo di Domenico Passignano'

    • Authors: Francesca Salvemini
      Abstract: Una delle riscoperte più strabilianti in tempi di pandemia, un baleno che illumina una strada così impervia: l’Ecce Homo, sottratto alla vendita in asta a Madrid (FIG. 2) a seguito del riconoscimento da parte di diversi studiosi come di un possibile autografo di Caravaggio. 
      PubDate: Sun, 25 Apr 2021 21:58:40 +020
       
  • La ceramica Nok e il miele in Africa occidentale preistorica: una
           biotecnologia

    • Authors: Maria Chiara Spiezia
      Abstract: Il miele era probabilmente un alimento molto ricercato per gran parte della storia umana. Il riconoscimento che i prodotti delle api, tra cui miele e larve, erano una fonte di alta qualità di energia alimentare, grassi e proteine, spiega la lunga storia dello sfruttamento delle api da parte delle stirpi di ominidi del neolitico.
      PubDate: Thu, 22 Apr 2021 16:45:52 +020
       
  • Rinvenuta asse di una imbarcazione antica sulla spiaggia di Grado

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Nei giorni scorsi lungo l’arenile della spiaggia di Grado, durante la regolare manutenzione da parte del personale di Grado Impianti turistici (GIT), è stata rinvenuta un’asse lignea lunga circa otto metri, larga trenta centimetri con uno spessore di 7-8 centimetri,  per le sue caratteristiche, è subito apparso come l'elemento di una imbarcazione.
      PubDate: Wed, 21 Apr 2021 17:23:28 +020
       
  • La partnership di Topcon con CyArk rafforza l’impegno a favore della
           conservazione del patrimonio culturale

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Topcon Positioning Group è lieta di annunciare la partnership con CyArk, un’importante organizzazione senza scopo di lucro impegnata nella conservazione dei siti del patrimonio culturale in tutto il mondo. 
      PubDate: Tue, 13 Apr 2021 11:48:50 +020
       
  • Baalbek Reborn: Temple, un tour virtuale tra antico e presente

    • Authors: Maria Chiara Spiezia
      Abstract: Baalbek, nella fertile valle della Beqa in Libano, a circa 65 km ad est della capitale Beirut, è uno dei principali siti archeologici del Vicino Oriente, dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità nel 1984, e uno dei luoghi più suggestivi al mondo. La sua storia risale a migliaia di anni fa, come dimostrato dagli scavi sotto l'area sacra del Tempio di Giove che hanno portato alla luce tracce di insediamenti cananei risalenti al Bronzo Medio (1700-1350 a.c.) e al Bronzo Antico  (2300 - 1700 a.c.).
      PubDate: Mon, 12 Apr 2021 11:56:47 +020
       
  • Metrology for archaeology and cultural heritage

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: La metrologia, la scienza delle misurazioni, include tutti gli aspetti sia teorici che pratici con riferimento alle misurazioni, qualunque sia la loro incertezza e in qualunque campo della scienza o della tecnologia si verificano. Di conseguenza anche il campo della valorizzazione, caratterizzazione e conservazione dei Beni Culturali è profondamente legato alle problematiche metrologiche per la raccolta, interpretazione e validazione dei dati raccolti con le diverse tecniche analitiche, fisico-chimiche, meccaniche e digitali.
      PubDate: Tue, 06 Apr 2021 14:12:36 +020
       
  • Diagnosis in Heritage Science

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract:  La Summer School, che si terrà dal 6 al 10 settembre presso il Dipartimento di Chimica dell'Università degli Studi di Pisa, prevede una settimana di studi multidisciplinari. La Scuola è destinata alla formazione di laureati (laurea magistrale), in particolare dottorandi, provenienti da diversi background formativi (laureati in materie tecnico-scientifiche e umanistiche) e si propone di fornire le competenze specifiche per avviare e sviluppare progetti per una corretta diagnosi e gestione conservativa dei Beni Culturali.
      Maggiori informazioni al sito dell'evento 
      PubDate: Tue, 06 Apr 2021 13:52:24 +020
       
  • Il Louvre virtuale cambia

    • Authors: Francesca Salvemini; Maria Chiara Spiezia
      Abstract: Il Louvre, il grande museo parigino, a causa della pandemia è chiuso da mesi. Un duro colpo per la cultura, la critica e la ricerca: ognuno che ami l’arte e’ consapevole che e’ creata per essere fruita. Ancora una volta la tecnologia va incontro all’arte, alla didattica e al turismo, si dimostra arte, e l’intera collezione parigina - composta da centinaia di migliaia di pezzi - è online, su un nuovissimo sito web, ma questa volta dedicato quasi esclusivamente al Louvre.Il database ‘Louvre Site des Collections’ contiene, infatti, oltre alle sue opere, le sculture dei giardini del Carrousel e delle Tuileries, quelle del Musée National Eugène Delacroix e le opere recuperate dopo la seconda guerra mondiale. Per la prima volta il museo, forse il più visitato dai turisti che ci sia, compare scorporato dalle basi dei dati di Catalogo dei musei francesi denominate Atlas e Joconde, da decenni accessibili alle curiosità e alla ricerca degli appassionati di tutto il mondo e create a partire dagli anni Settanta.Sul sito le schede delle opere vengono periodicamente aggiornate nel campo bibliografico dagli esperti del museo e rese disponibili all’utente con una catalogazione abbinata a strumenti anche intuitivi e semplici. Inoltre è corredato da una mappa interattiva che consente ai visitatori di addentrarsi stanza per stanza. Un avviso ai naviganti circoscrive la bibliografia, che, senza pretendere di essere selettiva o esaustiva, e’ limitata alle attività più strettamente museali.Come di consueto, le collezioni possono essere approfondite in diversi modi: ricerca semplice o avanzata, album a tema e voci smistate per dipartimento curatoriale. In aggiunta, il sito stesso del museo è stato ottimizzato e diviso in tre sezioni principali: ‘visiter’, ‘découvir’, ‘en ce moment’. «L’accessibilità è il cuore della nostra missione» ha ribadito Jean-Luc Martinez, direttore del museo, il quale è convinto che questa corsa digitale possa in qualche modo alleviare e non sostituire la mancanza di visite allo straordinario monumento francese.Come spesso accade, le revisioni parziali e gli aggiornamenti non sempre contribuiscono ad arricchire e ad approfondire la schedatura storica dell’oggetto artistico: a tutti gli esperti e’ consigliabile accedere alle più vecchie basi dati per le vicende collezionistiche dell’opera, che il criterio di obiettività dei curatori ha deontologicamente e professionalmente mantenuto in linea, anche per quanto attiene alla documentazione fotografica, con l’alta definizione adottata veramente apprezzabile, a portata di mano per tutti gli interpreti.
      A campione, tra le opere più celebri della collezione, per quanto attiene in dettaglio alla Morte della Madonna di Caravaggio, la scheda di catalogo del Louvre finalmente pubblica la sua provenienza dalla collezione di Carlo I d’Inghilterra. Dato desunto dall’edizione del 1757, con una nota di Horace Walpole, dei due manoscritti di Oxford, che si datano al 1639, del Catalogo di Abraham van der Doort, curatore della raccolta reale, che vi descriveva: “Dorcas lying dead, by Michael Angel Caravagio”, venduta ad Everhard Jabach e da questi poi a Luigi XIV, sancita la prima appartenenza nel 1607 alla raccolta Gonzaga. L’accessibilità online del dato e’ oggi confrontabile in parte con il manoscritto legato di Van der Doort conservato dal Royal Collection Trust. La perplessità derivava dal significato di ‘Dorcas’, nome greco di Tabita e dall’interpretazione di Van der Doort e, conseguentemente di Walpole, del soggetto del Transito della Vergine come di una Resurrezione di Tabita, dagli Atti degli Apostoli.
      Ora, se e’ vero che artisti italiani come Raffaello, Leonardo, Michelangelo, Tiziano o Caravaggio appartengono ad ogni cultura e anche alla lingua francese, che nei secoli li ha ‘tradotti’, appropriandosene, e’ pur vero che l’uso ha restituito nel secolo scorso il nome in lingua originale di quasi ogni artista od autore incluso negli indici di catalogo redatti dagli schedatori di ogni parte del mondo, come prima voce del nome autore identificato. Non e’ ancora così per lo strumento parigino che accoglie come nomi d’autorità: Raphael, Leonard, Michelange, Titien, Caravage, che qualunque correttore automatico tenderà oggi a correggere. In fondo in fondo, automatismo per automatismo, e’ pur vero che lo stesso correttore non muterebbe immediatamente in Delacroix il pittore che per avventura scrivessimo ‘Della Croce’. Sono banche dati storicizzate, oltre che una fonte preziosa per entrare nella cultura che le ha formate. Secondo una prassi corrente nei cataloghi museali, a chi li consulta converrà scorrere tutte le forme del nome accettate per avere una visione più completa della reale consistenza delle acquisizioni. Del resto, il catalogo museale da sempre ha accolto il principio storico dell’opera d’arte come documento inventariato, dalla quale, come dai dati della sua esposizione o meno e in quali raccolte, si dipanano le fonti biografiche sull’artista. Criterio fondamentale sotto il profilo critico, poiché il titolo soggettivo delle singole opere raramente e’ rimasto immutato nel corso del tempo, anche se solo spostate da una parte all’arte dello stesso edificio: l’iconologia e’ la disciplina storico-artistica che identifica un’opera d’arte indicizzando inoltre gli innumerevol...
      PubDate: Wed, 31 Mar 2021 20:14:55 +020
       
  • Progetto AMOR - Advanced Multimedia and Observation services for the Rome
           cultural heritage

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Il progetto AMOR - Advanced Multimedia and Observation services for the Rome cultural heritage - è una iniziativa NAIS nell'ambito del programma ARTES 20 IAP 5G per L'ART Business Applications Programme dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), cofinanziato dall'Agenzia spaziale Italiana (ASI). Le attività del progetto sono iniziate a novembre 2020 e avranno una durata di 24 mesi.
      PubDate: Mon, 29 Mar 2021 16:09:16 +020
       
  • La IA svela i segreti degli antichi manufatti

    • Authors: Maria Chiara Spiezia
      Abstract: Quando l'utilizzo del deep learning e dell'elaborazione delle immagini aiuta a ripristinare e preservare le opere antiche.Carola-Bibiane Schönlieb, austriaca, matematica e Professore di Analisi Applicata e Computazionale presso il Dipartimento di Matematica Applicata e Fisica Teorica dell'Università di Cambridge, quando iniziò il suo dottorato di ricerca in Studi di matematica 2005 uno dei suoi primi progetti fu quello di collaborare al restauro di un affresco medievale localizzato a Vienna. 
      PubDate: Fri, 26 Mar 2021 13:54:21 +010
       
  • Monitoraggio sismico in tempo reale per il Tempio di Nettuno a Paestum

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Il tempio meglio conservato della Magna Grecia da marzo 2021 è soggetto a un monitoraggio sismico continuo grazie a una collaborazione tra il Parco Archeologico di Paestum e Velia e il dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università di Salerno. Quattordici punti di misura, realizzati con sensori di ultima tecnologia, sviluppati nell’ambito della ricerca sulle onde gravitazionali, sono stati posizionati sulle parti alte dell’edifico di V sec. a.C. e nel sottosuolo, per misurare in tempo reale ogni minimo movimento della struttura millenaria. La precisione degli accelerometri è tale da poter registrare non solo attività sismiche, ma anche l’impatto del traffico e persino del vento sul tempio. Tali dati, dal momento che vengono raccolti in maniera sistematica, aiuteranno a elaborare un modello del comportamento dinamico dell’edifico e saranno fondamentali per rintracciare cambiamenti strutturali, non visibili a occhio nudo, che potrebbero rappresentare un rischio. 
      PubDate: Fri, 19 Mar 2021 19:25:48 +010
       
  • Ricostruire Palmira, anche il recupero culturale resta una priorità
           in Siria

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Cancellare il passato per minare il futuro. Il ritorno alla normalità in Siria passa anche dal recupero dei beni archeologici.
      Anche questo rientra nel bilancio di dieci anni di guerra in Siria. Nella sua marcia distruttrice, l'Isis non ha risparmiato né la vita né la cultura e ha trasformato il sito archeologico di Palmira in un teatro di esecuzione pubblica.
      PubDate: Thu, 18 Mar 2021 13:55:39 +010
       
  • Bisanzio 1200, un progetto da riprendere

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Byzantium 1200  è un importante progetto no profit volto alla ricostruzione virtuale dei monumenti dell’antica capitale dell’impero romano d’oriente, la Nea Roma – Costantinopoli. Dall’intenso lavoro di computer vision è scaturita una complessiva, potente Bisanzio che però non è mai esistita nel suo complesso, dato che i 67 monumenti ricostruiti sono stati  mostrati simultaneamente così come sono stati costruiti o modificati fino al 1200, come se fossero stati tutti per quasi mille anni adeguatamente manutenuti, circostanza irrealistica  poiché' dal 618 l'economia bizantina, con la perdita dell’Egitto, precipitò in una lunghissima crisi sistemica che, dopo alcuni effimeri periodi di ripresa nell'VIII-IX secolo, si concluderà, dopo le devastazioni e i saccheggi dei Crociati, nel 1204  e poi con la caduta della città, ridotta a rovine, e la conquista turca nel 1453. Oggi ben poco sopravvive della città romana, come si è detto distrutta, o sotto gli edifici moderni: le chiese trasformate in moschee, le mura di Teodosio, con il museo archeologico che costituisce una delle mete imprescindibili per cogliere l’anima dell’antica città.Proprio per questa ragione le ricostruzioni virtuali dei monumenti bizantini, i 67 edifici ricostruiti al computer, sono importanti. In particolare le mura, l’ippodromo, la residenza imperiale fino al XIII secolo (Gran Palazzo), il complesso imperiale di Blachernae, il palazzo del Porfirogenito, il foro di Costantino, l’Augustaion  (Augustaeum) con la colonna di Giustiniano, il monastero e la chiesa del Pantokrator  e le viste panoramiche tridimensionali dell’intera città, cui dobbiamo aggiungere sul canale Youtube di Byzantium 1200 le numerose animazioni.Il sito di Byzantium 1200 pare ormai fermo da anni e certamente l’intero progetto andrebbe aggiornato alle nuove tecnologie e ai risultati delle nuove ricerche scientifiche, sul modello del lavoro continuo di iniziative come la splendida Rome Reborn di Bernard Frischer.Su Bisanzio proponiamo oggi il video promosso da una benemerita piattaforma francese di crowdfunding dedicata alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale ,ovvero Dartagnans mousquetaire du patrimoine.Fonte: Byzantium 1200  Dartagnans
      PubDate: Wed, 17 Mar 2021 18:32:48 +010
       
  • Young Researcher in Archeometry 2021

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: YRA mira a dare ai giovani ricercatori di archeometria l'opportunità di presentare le loro ricerche in un ambiente amichevole circondato solo da giovani studenti dello stesso campo. Vuole dare il benvenuto a tutte le persone coinvolte nella ricerca archeometrica di diverse nazionalità e livelli, dagli studenti master ai primi borsisti post-dottorato.  La conferenza dei giovani ricercatori in archeometria si terrà a Évora, in Portogallo, dal 24 al 27 agosto 2021. Évora è l'unica città portoghese membro della rete delle città europee più antiche. È la capitale della regione dell'Alentejo, nel Portogallo centro-meridionale.
      PubDate: Wed, 17 Mar 2021 09:30:38 +010
       
  • Chi ci pensa agli inesplosi in mare'

    • Authors: Redazione Archeomatica
      Abstract: Interessante sessione di Archeologia Marina al 4° Convegno dei Geologi Marini. Affezionata all’evento, Codevintec ha partecipato con un paper dal titolo “L’importanza di indagini OBI-UXO accurate in mare" presentato da Nicola Catalano. Il fatto che un ordigno sia rimasto sul fondale o nascosto sotto, inesploso per anche 100 anni, non lo rende meno pericoloso. È importante elaborare uno studio del rischio - specifico per il sito di indagine – prima di qualsiasi indagine intrusiva. Cos’è il rischio mitigato, e rischio residuo? Cosa può, cosa NON può essere individuato, e qual è lo strumento adatto? Pianificare e condurre un’indagine magnetometrica mirata è uno dei mezzi più efficienti per mitigare il rischio di incorrere in un ordigno bellico inesploso (OBI, anche detto UXO).
      PubDate: Mon, 15 Mar 2021 19:00:42 +010
       
 
JournalTOCs
School of Mathematical and Computer Sciences
Heriot-Watt University
Edinburgh, EH14 4AS, UK
Email: journaltocs@hw.ac.uk
Tel: +00 44 (0)131 4513762
 


Your IP address: 3.235.236.13
 
Home (Search)
API
About JournalTOCs
News (blog, publications)
JournalTOCs on Twitter   JournalTOCs on Facebook

JournalTOCs © 2009-