A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z  

  Subjects -> PHILOSOPHY (Total: 762 journals)
The end of the list has been reached or no journals were found for your choice.
Similar Journals
Journal Cover
Nóema
Number of Followers: 1  

  This is an Open Access Journal Open Access journal
ISSN (Print) 2239-5474
Published by U of Milan Homepage  [34 journals]
  • La comunità ecologica e il legame solidale tra gli uomini.

    • Authors: Simone De Maio
      Pages: 130 - 141
      Abstract: Per superare i problemi relativi alla natura è necessario comprendere quanto essi derivino dalla società. La società contemporanea è contraddistinta dal dominio dell’uomo sull’uomo dal quale deriva la convinzione dell’asservimento della natura. Tale condizione è determinata dal capitalismo, figlio della gerarchia e del domino. In questa situazione l’Io è divenuto incapace di incontrare l’Altro ed entrare in relazione con lui. Ne segue la necessità di oltrepassare il solipsismo in cui l’individuo è chiuso e rinsaldare la relazione Io-Tu che si realizza nella comunità. La produzione perenne e il consumo costante segnano, inoltre, irrimediabilmente il rapporto tra gli uomini e la natura. La soluzione possibile deriva, come propone Ivan Illich, dalla convivialità che può realizzarsi solamente ponendo dei limiti alla produzione. Il passaggio a una società conviviale consente di rinsaldare il legame comunitario e il riconoscimento del rapporto di simbiosi con la natura.
      PubDate: 2022-02-01
       
  • Le differenze ecologiche

    • Authors: Luca Fabbris
      Pages: 1 - 13
      Abstract: L’articolo si propone di indagare le implicazioni ecologiche di due differenti tendenze sistemiche: (1) La General Systems Theory (GST) di Ludwig von Bertalanffy, che fa da cornice alla Systems Ecology di Eugene Odum; (2) La Second-Order Cybernetics (SOC) elaborata da Heinz von Foerster, Humberto Maturana e Niklas Luhmann, che costituisce la matrice di un nuovo paradigma ecologico denominato General Ecology. Nell’articolo verranno comparate la GST e la SOC in relazione ai loro differenti modi di intendere il sistema e la sua genesi; il ruolo dell’osservatore nella definizione dei confini di un sistema; e la relazione tra sistema e ambiente. Verrà mostrato come la SOC, mettendo in causa il principio del controllo gerarchico della GST, conduce alla nozione di differenze ecologiche, con la quale si indica una pluralità di diadi sistema-ambiente, problematizzando così la nozione di ambiente come riferimento fisico e oggettivo.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/15656
       
  • Simondon reconsidered

    • Authors: Enrico Monacelli, Nathalie Simondon, Silvia Zanelli
      Pages: 1 - 11
      Abstract: Nel presente contributo proponiamo un’intervista a Nathalie Simondon, responsabile dell’edizione dell’opera di Gilbert Simondon, al fine di fare luce sui temi di ecologia, enciclopedismo, transdisciplinarità e umanismo nella produzione filosofica di Gilbert Simondon.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16561
       
  • Teoria generale dei sistemi

    • Authors: Redazione
      Pages: 1 - 3
      Abstract: Estratto da L. von Bertalanffy, Teoria generale dei Sistemi. Fondamenti, Sviluppi, Applicazioni, trad. it. di E. Bellone, Mondadori, Milano 2004 (prima ed. 1983), pp. 88-91. A cura della redazione.
      PubDate: 2021-10-29
       
  • Il giavellotto e una vita

    • Authors: Carlo Sini
      Pages: 1 - 4
      Abstract: Un ecosistema è come la totalità kantiana: non può essere ridotto a oggetto di conoscenza, perché ogni suo elemento è interno alla contingente correlazione che lo sorregge. Le sue metamorfosi accidentali generano mondi di senso infinitamente in cammino.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16609
       
  • Desiderare di cambiare rotta

    • Authors: Carlo Alberto Redi, Manuela Monti
      Pages: 5 - 12
      Abstract: L’origine della pandemia da COVID-19 è da attribuire alla devastazione e distruzione del pianeta causata dai nostri esasperati consumi e stili di vita. Infatti è dalla rivoluzione industriale in poi che noi, sapiens sapiens, abbiamo devastato più dei 2/3 della superfice terrestre per processi di industrializzazione, urbanizzazione e produzione agricola. Non solo, abbiamo deforestato l’equivalente della superficie del continente africano per l’allevamento intensivo di bovini e la produzione di carne rossa.Tutto ciò ha ampliato a dismisura disuguaglianze ed ingiustizie sociali ed ambientali. Il rapporto di Sir Partha Dasgupta (l’economia della biodiversità) e lo studio dell’opera di Gilbert Simodon, che qui commentiamo, sono un prezioso aiuto per responsabilizzarci sulla gravità della ‘questione ecologica’. Ci stiamo comportando da buoni antenati' E, soprattutto, che tipo di pianeta lasceremo alle generazioni a venire'  
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/15620
       
  • Ecologia, natura, materialismo

    • Authors: Manlio Iofrida
      Pages: 13 - 27
      Abstract: Una prima parte del saggio sintetizza le linee principali di un recente libro dell’autore: Per un paradigma del corpo: una rifondazione filosofica dell’ecologia, Quodlibet, Macerata, 2019. Viene sostenuto un paradigma in cui corpo e biologia mantengano la loro irriducibilità nei confronti della cultura e in cui il cosiddetto “linguistic turn”, che ha dominato la filosofia del XX secolo, viene fortemente criticato; in coerenza con questo, la riflessione di Merleau-Ponty sul concetto di natura viene considerata lo strumento più adeguato e più attuale per ripensare la questione ecologica; ne vengono esaminate le conseguenze nel campo della filosofia della tecnologia e del problema del soggetto. Una seconda parte del saggio, che si concentra sull’incontro che ebbe luogo nel 1961 fra Adorno e Merleau-Ponty, cerca di abbozzare un paradigma materialistico per l’ecologia, correggendo l’avvicinamento che alla fine della sua vita vi fu fra Merleau-Ponty e Heidegger.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16559
       
  • Menti in (en)azione

    • Authors: Agostino Marconi
      Pages: 14 - 44
      Abstract: Il presente saggio esamina i processi cognitivi in una prospettiva evolutiva, ecologica e sistemica. Prendendo le mosse dalla teoria darwiniana e dallo sviluppo della Sintesi Evolutiva Estesa, il riferimento alla biologia evoluzionistica permette un ripensamento delle menti come fenomeni complessi “al crocevia” tra gli organismi (e le loro strutture) e gli ambienti che essi abitano e contribuiscono a costruire. Viene proposta l'idea che tale visione apra uno spazio verso il superamento delle tradizioni filosofiche che vedono nelle menti delle “cose” e nella cognizione un rispecchiamento o rappresentazione del mondo, per giungere ad una comprensione le prime nei termini di sistemi complessi e ad un'interpretazione della seconda attraverso il concetto di “enazione”.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16597
       
  • Tautologia del vivente

    • Authors: Eugenio Buriano, Francesco Vitali Rosati
      Pages: 45 - 57
      Abstract: Il presente contributo intende tracciare sinteticamente i presupposti teorici fondamentali per una metafisica ecologica di stampo neoplatonico, articolando una nozione dinamico-intensiva di «stessità» su tre fronti: biologico, psicologico, cosmologico. Muovendo dalle elaborazioni post-cibernetiche e dalla biologia dei sistemi, attraverso l’ecologia della mente di Bateson, si riattiverà infine l’antica aporia dell’Uno e dei Molti, mostrandone, oggi come allora, l’inaggirabilità speculativa.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16634
       
  • Autonomia o monopolio radicale

    • Authors: Giorgia Martini
      Pages: 58 - 68
      Abstract: L'articolo cerca di restituire il senso della prospettiva ecologica di Ivan Illich, pensatore e critico radicale della modernità, che egli cosidera l'esito del pervertimento del messaggio evangelico, operato dalla Chiesa romana. L'industrializzazione, conepita come effetto ultimo di quel tradimento, condanna l'essere umano a una condizione di dipendenza e subalternità rispetto alle merci prodotte sul mercato e ai servizi offerti dalle categorie di esperti competenti. In questo modo egli compromette, secondo Illich, il proprio rapporto con gli altri e con la Terra come sua dimora, rinchiudendosi nel guscio della propria individualità, prigioniero dei bisogni creati dal mercato. Ristabilire l'equilibrio ecologico per Illich è possibile solo attraverso un cambiamento sostanziale dei ritmi produttivi, per restituire all'uomo la padronanza degli strumenti e con essa la propria autonomia. 
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/15647
       
  • Soaked in language

    • Authors: Carlo Pace
      Pages: 69 - 87
      Abstract: L'evoluzione del linguaggio rappresenta uno dei sistemi complessi per eccellenza indagato da diversi campi scientifici e dalla filosofia. La filogenesi del tratto è studiabile da diverse prospettive, le quali rendono manifesta la sua natura multistrato ed intrecciata. Nel presente contributo vengono messi in dialogo alcuni studiosi di diverse discipline proponenti visioni originali circa l'analisi della prospettiva evoluzionistica, in un orizzone inclusivo ed ibrido. In seconda battuta, viene esposta la frontiera teoretica, la quale individua nel linguaggio non solo una caratteristica decisiva nei contesti sociali, ma un ambiente vero e proprio. 
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/15579
       
  • Ecologia senza natura o ontologia senza storia'

    • Authors: Renzo Nuti
      Pages: 88 - 105
      Abstract: La riflessione di Timothy Morton si muove all’interno di quel ripensamento del rapporto tra soggetto umano e ambiente – dunque anche dell’umano in generale - che la scienza ecologica è venuta imponendo con sempre maggiore urgenza. A partire da Hyperobjects (2013), tuttavia, Morton si è inserito in quell’ampia ed eterogenea corrente, spesso definita «nuovo materialismo», che nel corso dell’ultimo decennio, sebbene in modi differenti, ha inteso tale ripensamento sempre più come una speculazione eminentemente ontologica: una rinnovata comprensione del modo d’essere dei viventi e della loro interconnessione, in quest’ottica, appare come la via maestra per rimodellare «ecologicamente» la soggettività. In opposizione a questo approccio ontologico ed attingendo a quello critico-decostruttivo sviluppato nel precedente Ecology Without Nature (2007), in questo articolo intendo sottolineare la necessità di riconoscere, anche nell’ambito del pensiero ecologico, il valore costitutivo delle mediazioni epistemiche, linguistiche e sociopolitiche distintive del soggetto umano, ma soprattutto della dimensione di storicità che di queste ultime è il denominatore comune. La frizione tra i due testi di Morton consente infatti di mettere a fuoco l’insufficienza di ogni eco-filosofia che pretenda di ripensare la costituzione del soggetto umano semplicemente tramite l’elaborazione di una differente ontologia dell’ambiente.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16630
       
  • Essere Natura

    • Authors: Mattia Brambilla
      Pages: 106 - 129
      Abstract: Attraverso i dubbi che Tschirnhaus rivolge a Spinoza circa l’impercettibilità degli attributi e la distinzione dell'essenza dell'intelletto divino con l'essenza dell'intelletto umano, il presente saggio si propone di studiare il rapporto fra totalità e parte e il senso dell’immanenza nell’ontologia spinoziana, con particolare attenzione alla diade implicazione-esplicazione che ne permette il funzionamento. La comunanza formale propria dell’immanenza, la quale fonda l’implicazione e l’esplicazione, risulta il concetto chiave per comprendere a un tempo lo statuto sinfonico dell’universo modale, in cui ogni cosa singolare richiama l'altra e il tutto, e il delicato empirismo che costituisce il terzo genere di conoscenza.
      PubDate: 2021-10-29
      DOI: 10.13130/2239-5474/16641
       
 
JournalTOCs
School of Mathematical and Computer Sciences
Heriot-Watt University
Edinburgh, EH14 4AS, UK
Email: journaltocs@hw.ac.uk
Tel: +00 44 (0)131 4513762
 


Your IP address: 44.197.230.180
 
Home (Search)
API
About JournalTOCs
News (blog, publications)
JournalTOCs on Twitter   JournalTOCs on Facebook

JournalTOCs © 2009-