for Journals by Title or ISSN
for Articles by Keywords
help
Followed Journals
Journal you Follow: 0
 
Sign Up to follow journals, search in your chosen journals and, optionally, receive Email Alerts when new issues of your Followed Jurnals are published.
Already have an account? Sign In to see the journals you follow.
Journal Cover Forum Italicum : A Journal of Italian Studies
   [3 followers]  Follow    
   Hybrid Journal Hybrid journal (It can contain Open Access articles)
     ISSN (Print) 0014-5858 - ISSN (Online) 2168-989X
     Published by Sage Publications Homepage  [753 journals]
  • Marco Polo incontra l'Altro: Modernita ed esotismo nel Milione
    • Authors: Sica; G.
      Pages: 327 - 341
      Abstract: Allo sguardo del lettore contemporaneo, Il Milione sorprende per la modernità con cui il suo autore si rapporta e descrive la straordinaria varietà di genti, usi e costumi che incontra durante il suo viaggio, con un’apertura e una mancanza di pregiudizi sorprendenti per un uomo del suo tempo. Marco Polo tende a sottolineare la novità e la bellezza di ciò che il suo occhio vede, rivelandosi capace di andare ben oltre le rappresentazioni correnti dell’Altro: il tartaro, il saraceno, l’infedele vengono per la prima volta visti e analizzati attraverso una lente obiettiva, che lascia presagire un’etica nuova, quella mercantesca, e anticipa di secoli alcune caratteristiche inclusive dell’esotismo moderno. Mostrandosi pronto a cogliere aspetti della magnificenza e della spiritualità dell’Altro che nessun occidentale aveva conosciuto né tanto meno lodato, Marco si mostra capace di andare oltre secoli di paura e di rifiuto, che avevano caratterizzato l’Altro come un monstrum, una differenza da temere o, in base alla stessa ottica, cercare di convertire. Uno sguardo sorprendentemente moderno, che non cessa di affascinare il lettore.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542741|hwp:master-id:spfoi;0014585814542741
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • "Ma temo del contrario": La nutrice del Re Torrismondo come personaggio
           "mezzano", "raviluppato" e "verisimile"
    • Authors: Bosisio; M.
      Pages: 342 - 362
      Abstract: La nutrice del Re Torrismondo (1587), rappresentata secondo il principio del "verisimile", è messa in scena da Tasso in modo innovativo rispetto al passato, poiché partecipa attivamente ai meccanismi dell’intreccio diegetico. Il contributo analizza il personaggio lungo tutta la tragedia e si sofferma soprattutto sul monologo, collocato nel primo atto (vv. 203–233): se il dialogo con la padrona Alvida si era svolto all’insegna dell’ottimismo e di rassicurazioni amorevoli (primo atto: vv. 1–15, 125–138 e 175–190), nel monologo la nutrice svela, invece, i propri dubbi intorno alla vicenda, che si intensificheranno, non senza ambiguità, negli atti successivi (terzo atto: vv. 1753–1767, 1897–1912; quinto atto: vv. 2824–2845, 2866–2869, 2900–2904). Sono infine proposti alcuni confronti tra la nutrice e altre figure, che mettono in luce un personaggio inquieto, contraddittorio ("mezzano" e "raviluppato", secondo le categorie aristoteliche) e responsabile, non meno dei protagonisti, della catastrofe finale.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814540423|hwp:master-id:spfoi;0014585814540423
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • 'In Italy the dead rule': Marco Bellocchio's 'Italian difference' between
           Manzoni-Camerini and Bene-Godard
    • Authors: Marchesini; M.
      Pages: 363 - 397
      Abstract: In his film The Wedding Director (2006), Marco Bellocchio expresses his view of the ‘Italian difference’ that demarcates this national tradition from others with the refrain ‘In Italy the dead rule.’ This adage is repeated throughout his film and provides the motivation behind it. For Bellocchio, the dead in question belong primarily, though not solely, to the Italian parochial heritage exemplified by Alessandro Manzoni’s The Betrothed (1840), and in particular by Mario Camerini’s film adaptation of the same novel (1941). In The Wedding Director, Bellocchio enacts yet another, albeit eclectic, adaptation of these palimpsests, desecrating them and the values they supposedly stand for. Crowned by a happy ending, The Wedding Director surpasses its targets, advocating for their visual and conceptual inadequacy. This essay analyzes Bellocchio’s film using a theoretical approach that I see articulated in two critical texts and four creative instances. Firstly, I analyze The Wedding Director in light of the concepts that Gilles Deleuze used for Carmelo Bene’s adaptations of classic works; secondly, through Richard Neer’s 2007 reflections on Jean-Luc Godard’s Histoire(s) du cinéma. My analyses result in a dual interpretation of Bellocchio’s film. I argue that in The Wedding Director Bellocchio enters into conversation with and implements the ideas of the intellectuals and artists mentioned above. He sets off from the conclusion of Federico Fellini’s 8 1/2. Nevertheless, The Wedding Director is also marred by ambiguities that, although perhaps unavoidable, detract from his accomplishments. Those ambivalences involve the issue of gender relations, which – as Bellocchio himself declares – are at the core of his concerns in The Wedding Director. I argue that on the one hand Bellocchio’s film is an empowering Deleuzian or Godardian adaptation of Manzoni’s source text. On the other, it may also be construed as professing an opportunistic, if not downright cynical, view of gender relations. While the film presents the audience with a principled Deleuzian becoming-minority as a becoming-woman, it nonetheless declines the responsibility of distinguishing victim from perpetrator. By leaving this issue an open question for the audience to decide, the film renders the question ultimately insoluble. The goals that Bellocchio professes and the diagnosis he offers in The Wedding Director are valuable and deserve credit. Without question, the film is a stunning cinematographic feat. However, a self-indulgent streak undercuts the viewer’s satisfaction. Unless we surpass irony (as the film attempts), we, regardless of our gender, will hardly be free from the hold of the dead, be they Italian or of any other nationality.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814540422|hwp:master-id:spfoi;0014585814540422
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • La colonia cinese: Le rappresentazioni culturali e letterarie della
           Concessione italiana di Tientsin nella letteratura e nella cultura
           italiana del Novecento
    • Authors: Comberiati; D.
      Pages: 398 - 410
      Abstract: Pur essendo stata breve e marginale rispetto alle altre esperienze coloniali, la Concessione italiana di Tientsin (1901–1947), unica esperienza di colonizzazione italiana in Asia, è interessante per le particolari dinamiche di decostruzione e ricostruzione dell’identità nazionale di cui è stata portatrice. Attraverso lo studio delle rappresentazioni letterarie e culturali di cui è stata oggetto (dai romanzi tardo-futuristi del collettivo marinettiano de I Dieci fino al fumetto Shanghai Devil di Gianfranco Manfredi, passando per le autobiografie degli ufficiali e per i testi degli esploratori, senza dimenticare di motivare "l’assenza" della Concessione italiana di Tientsin negli scritti sulla Cina degli scrittori degli anni Sessanta), la concessione cinese può, infatti, rappresentare una sorta di "laboratorio del colonialismo", dove più evidenti sono le contraddizioni e i conflitti della presunta omogeneità nazionale. Nell’articolo, attraverso un’analisi diacronica e grazie all’apporto delle teorie postcoloniali e degli studi sulla razza, si passano in rassegna non solo i testi letterari su Tientsin, ma anche le dinamiche orientaliste e le rappresentazioni della razza e dell’identità italiana che essi mettono in gioco.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814540421|hwp:master-id:spfoi;0014585814540421
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • The river, the levee, love, and confession: The thematics of Grazia
           Deledda's L'argine
    • Authors: Cohen; H.
      Pages: 411 - 427
      Abstract: Grazia Deledda’s late novel L’argine is set in a modern Italy that is very different from the primitive peasant Sardinian society in which she situated the novels for which she is best known. Themes that play a prominent role in her earlier cycle of novels are still recognizable in her later work, but in an attenuated, less socially destructive form. The paired themes of a wild river and the embankment meant to control it are developed on literal, metaphorical, and symbolic levels. The complicated plot is built around a chain of unrequited loves and an intriguing conflation of the characters that, despite their differences, under the irresistible force of erotic desire, act out that desire in ways that tend to blur the distinctions among them. The linked themes of guilt, punishment, and atonement that are found in many of Deledda’s novels are embodied in a series of confessional narratives and relationships that I analyze in the framework of different theories about confession in the novel. I examine the variety and choice of narrative points of view and the relationship among the parts of the novel as they relate to the different forms of confession and the major themes of the novel.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542788|hwp:master-id:spfoi;0014585814542788
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • " ... donne erano: e donne sarebbero": Il corpo femminile come
           catalizzatore delle strutture narrative e delle scelte linguistiche nel
           Pasticciaccio
    • Authors: Colucci; D.
      Pages: 428 - 451
      Abstract: In Quer pasticciaccio brutto de via Merulana di Carlo Emilio Gadda, il corpo femminile – smembrato ed esaminato per dettagli; ridotto alla dimensione brutalmente sessuale o emanante invece una bellezza ineffabile; costruito per contrasti e inesprimibile se non attraverso la citazione – funziona come una grande metafora del mondo e, di conseguenza, della lingua che di esso dà conto perseguendone non la spiegazione, bensì solo l’apparire. Il saggio sviluppa pertanto l’ipotesi che la sperimentazione linguistica del Pasticciaccio, così come la sua costruzione rizomatica e digressiva, venga catalizzata attraverso la rappresentazione dei profili femminili, a sua volta legata a tematiche psicologiche e sociali. Correlativo oggettivo della confusione, della molteplicità e dell’indicibilità del reale, la donna diviene cioè, per transfert letterario, microcosmo riflettente delle strutture del romanzo e delle sue caleidoscopiche scelte verbali.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542238|hwp:master-id:spfoi;0014585814542238
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Leggere e tradurre Primo Levi: Il poema e l'enunciazione
    • Authors: Messina; D.
      Pages: 452 - 476
      Abstract: Il saggio propone un modo nuovo di leggere e tradurre la testimonianza letteraria di Primo Levi a partire dalla relazione fra poesia e prosa in Se questo è un uomo. Collegando la poetica della traduzione di Henri Meschonnic con la linguistica dell’enunciazione sviluppata da Émile Benveniste, il saggio cerca di definire e analizzare il "poema dello sterminio" che sottende la scrittura di Levi, mette alla prova i relativi pregiudizi critici della trasparenza della prosa e dell’intraducibilità della poesia, e suggerisce infine una nuova articolazione del "poema sacro" di Dante nello spazio letterario creato dall’impegno etico a portare testimonianza.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542930|hwp:master-id:spfoi;0014585814542930
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Tra Mogadiscio e Roma: Le mappe emotive di Igiaba Scego
    • Authors: Benini; S.
      Pages: 477 - 494
      Abstract: Il gesto di tracciare una mappa è atto di ordinamento cognitivo e di organizzazione dell’immaginazione, ma è anche atto fondante dell’identità e del suo posizionamento in relazione ai luoghi. Il saggio rintraccia le dinamiche affettive del vissuto della scrittrice italo-somala Igiaba Scego nella struttura di un libro – La mia casa è dove sono (2010) – pensato come mappa di due luoghi in dialogo l’uno con l’altro, Roma e Mogadiscio, fra memoria individuale ed epos familiare, fra scrittura autobiografica e narrazione orale, fra genealogia femminile e soggettività nomade, fra ex impero ed ex colonia, in senso letterale e in senso esistenziale. Tuttavia, il progetto benjaminiano di una mappa del vissuto di Igiaba si accompagna alla sua ironia e alla sua saudade, a un’appartenenza italiana che va dalla letteratura al calcio, e a un’appartenenza somala che non cessa di ricordare al pubblico italiano i crimini coloniali dell’età fascista e l’ancor più criminale amnesia che è seguita loro. Memorie auratiche e memorie funebri di Mogadiscio traspaiono dietro le sagome di monumenti e luoghi mitici di Roma, dal teatro Sistina all’elefantino del Bernini, dalla stele di Axum alla stazione Termini, in una condizione che va dalla diaspora alla rivendicazione di un’identità ibrida e in movimento, dove la mappa è luogo ma è anche, soprattutto, corpo.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814543246|hwp:master-id:spfoi;0014585814543246
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Lionardo Salviati and the collection of Proverbi toscani: Philological
           issues with Codex Cl. I 394
    • Authors: D'Eugenio; D.
      Pages: 495 - 521
      Abstract: This article offers an overview of my research conducted on Proverbi toscani, a collection of proverbs kept at the Biblioteca Ariostea in Ferrara and generally attributed to Lionardo Salviati. I attribute and date the five unidentified writers who transcribe proverbs in the codex, focusing on the question of authorship, and I aim to elucidate the different phases in which additions were made from the late 16th century to the second decade of the 17th century. First, by way of analyzing the different handwritings in the document and their characteristics, I demonstrate how the codex cannot be considered solely Lionardo Salviati’s manuscript, but rather the product of an entourage of copyists. Next, I resolve the still unclear issue of Salviati’s own handwriting, which, starting from Peter Brown’s study (1962), I intend to identify with strong evidence. As a result, I attribute only a small section of the collection to Lionardo Salviati himself. Finally, I argue against the attribution of a group of proverbs to Gianfilippo Magnanini, identifying them instead as the work of his son Ottavio Magnanini. I also compare Codex Cl. I 394 with Codex Cl. II 25, which I identify for the first time as a copy of the collection of Proverbi toscani.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814543072|hwp:master-id:spfoi;0014585814543072
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Emilio Salgari e i "pirati della Malesia": Colonizzati e colonizzatori
    • Authors: Catalfamo; A.
      Pages: 522 - 535
      Abstract: L’autore, nel presente saggio, attraverso un’analisi articolata delle opere di Emilio Salgari, dimostra che i luoghi comuni riproposti intorno a esse da buona parte della critica in occasione del centenario della morte dello scrittore vanno superati. Salgari non è un "minore", da collocare nell’ambito della "paraletteratura", né uno scrittore buono solo per l’infanzia, né un uomo e un artista fuori dal suo tempo. Egli si rivolge al nuovo pubblico che si affaccia alla lettura in seguito alla legge Coppino sull’istruzione obbligatoria e si fa portavoce di un’"epica popolare anticoloniale", di un messaggio di uguaglianza tra tutti i popoli del mondo. Funge da battistrada alla narrativa moderna, facendo lievitare il racconto attraverso l’intensificarsi delle azioni e delle immagini ed evitando, in tal modo, di cadere negli stereotipi delle opere seriali.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542785|hwp:master-id:spfoi;0014585814542785
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Il Risorgimento demitizzato di Giuseppe Butta
    • Authors: Gallo; C.
      Pages: 536 - 550
      Abstract: Se numerosi testi letterari dell’Ottocento celebrano il processo risorgimentale, altri lo considerano criticamente. Tra questi, il romanzo di Giuseppe Buttà, Edoardo e Rosolina ovvero le conseguenze del 1861, a lungo trascurato, ci presenta il Risorgimento come un’operazione militare volta a depredare, un’azione condotta con violenza e assoluta indifferenza verso i bisogni e le peculiarità del Meridione d’Italia. Sotto accusa non sono le idee unitarie ma, secondo l’ottica moralistica del nostro autore, l’opportunismo e le ambizioni di chi ha piegato il progetto originario a fini personali di potere e ricchezza. Impietosa è la rievocazione di Garibaldi, accusato di aver esposto tantissimi uomini a pericoli, di avere minato l’importanza della Chiesa, di cui si esalta l’insostituibile ruolo umanitario. Per supportare le sue tesi, Buttà cita vari documenti, mostrando di aderire alla struttura del romanzo storico-contemporaneo, a cui si uniscono, però, caratteri del romanzo d’appendice, della letteratura odeporica, del saggio. Tutto ciò attribuisce al romanzo di Buttà valore documentario ma anche una certa originalità; esso, inoltre, consente di guardare ai mali del presente con maggiore consapevolezza, fornendo, al contempo, uno stimolo ad agire perché il cammino per una vera unità possa finalmente realizzarsi.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542929|hwp:master-id:spfoi;0014585814542929
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • L'italiano ha mille anni: Spunti drammatici sull'origine della lingua e
           della letteratura italiane in occasione della svolta millenaria del nostro
           idioma
    • Authors: Bernard; E.
      Pages: 551 - 561
      Abstract: La lingua italiana è nata circa un millennio fa dalla trasformazione della liturgia drammatica in dramma liturgico. Attori di questo processo sono stati i "comici" che hanno sviluppato il dramma per la comprensione liturgica e per intrattenere il pubblico su temi religiosi conosciuti. Si è innescato così un processo abbastanza rapido di delatinizzazione e "involgarimento" delle sacre rappresentazioni che, spostandosi dall’altare alle piazze, hanno preso la forma meno solenne di laudi e misteri buffi. Questo processo è stato però messo in ombra dal tentativo – che ha origini lontane, addirittura in Dante – di nobilitare e idealizzare la genesi dell’italiano distinguendo il volgare dal "dolce stil novo". La dicotomia ha scatenato discussioni secolari sul dialetto, in particolare sul fiorentino, che per Dante rappresenta quell’idioma "illustre, regale, curiale, cardinale" che si differenzia dal volgare come lingua d’élite, letteraria e burocratica. Questa interpretazione, contrastata da Petrarca e Machiavelli, finì per eclissare l’origine drammatica, teatrale, dell’italiano. Ciò ha comportato un’interpretazione puramente letteraria e "fiorentinocentrica" della nostra storia linguistica e la "miseria" del teatro italiano sempre considerato, secondo una linea che va da Dante a Croce, come uno strumento troppo "volgare" e rozzo per sublimarsi in letteratura.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542583|hwp:master-id:spfoi;0014585814542583
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Viviani and the others: Scarpetta, Pirandello, and Eduardo and Peppino De
           Filippo
    • Authors: Lezza; A.
      Pages: 562 - 582
      Abstract: This article reconstructs Raffaele Viviani’s ties with some of the greatest representatives of 19th and 20th century Italian theater, dwelling in particular on his relationships with Scarpetta, Pirandello, and Eduardo and Peppino De Filippo. The tools for such an investigation are letters and theatrical reviews. In order to highlight Viviani’s relationship with the theatrical scene of his time and with the preceding dramaturgical tradition, the article illustrates Viviani’s close relationship with Luigi Pirandello. In the space of a 20-year period, Viviani performed and transposed into the Neapolitan dialect three of Pirandello’s plays: La patente (1924), Pensaci, Giacomino! (1933), and Bellavita (1943). The analysis of this relationship dwells not only on the novel and effective linguistic operation carried out by Viviani compared with the original texts (in the case of transpositions/rewritings), but also draws attention to the system of characters in Viviani’s theater that have a Pirandellian origin, such as Don Mario Augurio (from the play by the same name) and Giovanni Scardino (Fuori l’autore). Moreover, the article examines Viviani’s interest in Eduardo Scarpetta; in 1940, Viviani staged Scarpetta’s indisputable masterpiece, Miseria e nobiltà. Finally, the article considers Viviani’s relationship with Eduardo and Peppino De Filippo. The unusual relationship Viviani had with Eduardo De Filippo, a kind of ‘relationship/non-relationship’ that had its basis in the different poetic choices of the two men, is analysed.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542778|hwp:master-id:spfoi;0014585814542778
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Viaggio in Sicilia
    • Authors: Antonio Marselli; G.
      Pages: 583 - 593
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542739|hwp:master-id:spfoi;0014585814542739
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Due inediti dell'illuminismo italiano: Scritti giovanili di Giuseppe Maria
           Galanti
    • Authors: Iermano; T.
      Pages: 594 - 605
      Abstract: L’economista, giurista, geografo e letterato Giuseppe Maria Galanti, allievo brillante della scuola di Antonio Genovesi, fu uno dei protagonisti della fertile stagione riformatrice che visse Napoli tra gli inizi del regno del piccolo Ferdinando IV e lo scoppio della Rivoluzione francese. Nei suoi viaggi nel Contado del Molise, in Calabria, nelle tante città e villaggi dello Stato borbonico l’illuminista esplorò e descrisse con metodo scientifico le ragioni del ritardo del Mezzogiorno rispetto all’Europa coeva; i suoi studi furono un fondato tentativo per trovare rimedio alle contraddizioni sociali, economiche e culturali di una capitale popolosa e disordinata e di province dilaniate tra gli eccessi del potere regio e gli abusi dei baroni. Il ritratto intellettuale del molisano Galanti viene a definirsi meglio grazie alla pubblicazione di due preziosi inediti giovanili ritenuti perduti, ritrovati nei sotterranei del palazzo di famiglia a Santa Croce del Sannio, e ora pubblicati in un volume arricchito da un cospicuo apparato filologico e un ampio saggio storico-critico.
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542773|hwp:master-id:spfoi;0014585814542773
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Daragh O'Connell and Jennifer Petrie, Nature and Art in Dante
    • Authors: Johnston; M. D. P.
      Pages: 606 - 607
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814543252|hwp:resource-id:spfoi;48/3/606
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • David Abulafia, The Great Sea: A Human History of the Mediterranean
    • Authors: Godfrey; A. W.
      Pages: 608 - 609
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542232|hwp:resource-id:spfoi;48/3/608
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Mark Jurdjevic, A Great and Wretched City: Promise and Failure in
           Machiavelli's Florentine Political Thought
    • Authors: Morena; A.
      Pages: 610 - 611
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542577|hwp:resource-id:spfoi;48/3/610
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Brendan Dooley, A Mattress Maker's Daughter: The Renaissance Romance of
           Don Giovanni de' Medici and Livia Vernazza
    • Authors: Levin; M.
      Pages: 611 - 613
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542228|hwp:resource-id:spfoi;48/3/611
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Paolo D'Angelo, Le nevrosi di Manzoni. Quando la storia uccise la poesia
    • Authors: Trebaiocchi; C.
      Pages: 613 - 614
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542231|hwp:resource-id:spfoi;48/3/613
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Barbara Torelli Benedetti, Partenia, A Pastoral Play
    • Authors: Diaz; S. E.
      Pages: 614 - 616
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814540420|hwp:resource-id:spfoi;48/3/614
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Davide Bellini, Dalla tragedia all'enciclopedia. Le poetiche e la
           biblioteca di Savinio
    • Authors: Gazzoni; A.
      Pages: 617 - 619
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542235|hwp:resource-id:spfoi;48/3/617
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Giuseppe Parini, Il Mattino (1763) - Il Mezzogiorno (1765), a cura di
           Giovanni Biancardi, introduzione di Edoardo Esposito, commento di Stefano
           Ballerio, "Edizione Nazionale delle Opere di Giuseppe Parini"
    • Authors: Perolino; U.
      Pages: 619 - 621
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542237|hwp:resource-id:spfoi;48/3/619
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Stephen Gundle, Cristopher Duggan, and Giuliana Pieri (eds), The Cult of
           the Duce: Mussolini and the Italians
    • Authors: Rotella; S. G.
      Pages: 621 - 622
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542576|hwp:resource-id:spfoi;48/3/621
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Margherita Datini, Letters to Francesco Datini
    • Authors: Benedetti; L.
      Pages: 622 - 624
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542579|hwp:resource-id:spfoi;48/3/622
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Silvia Cassamagnaghi, Operazione Spose di guerra. Storie d'amore e di
           emigrazione
    • Authors: Luconi; S.
      Pages: 624 - 626
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542233|hwp:resource-id:spfoi;48/3/624
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Manuela Scarci, Creating Women: Representation, Self-Representation, and
           Agency in the Renaissance
    • Authors: Cabot; A.
      Pages: 626 - 629
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542234|hwp:resource-id:spfoi;48/3/626
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Chiara Fabbian, Naso d'autore. L'odorato nella cultura e nella storia
           letteraria italiana
    • Authors: Gastaldi; S.
      Pages: 629 - 631
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542230|hwp:resource-id:spfoi;48/3/629
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Salvatore Di Marco, L'arancia amaru e autri puisii / The Bitter Orange and
           Other Poems
    • Authors: Enrico; M.
      Pages: 631 - 633
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542414|hwp:resource-id:spfoi;48/3/631
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Luigi Pirandello, Six Characters in Search of an Author
    • Authors: Subialka; M.
      Pages: 633 - 635
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542229|hwp:resource-id:spfoi;48/3/633
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Luca Di Blasi, Manuele Gragnolati, and Christoph FE Holzhey (eds) The
           Scandal of Self-Contradiction: Pasolini's Multistable Subjectivities,
           Traditions, Geographies
    • Authors: Benvegnu; D.
      Pages: 635 - 637
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542412|hwp:resource-id:spfoi;48/3/635
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Enrico Testa, L'italiano nascosto. Una storia linguistica e culturale
    • Authors: Peroni; M.
      Pages: 637 - 638
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542236|hwp:resource-id:spfoi;48/3/637
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Katharine Mitchell and Helena Sanson (eds) Women and Gender in
           Post-Unification Italy: Between Private and Public Spheres
    • Authors: Salsini; L. A.
      Pages: 639 - 640
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542578|hwp:resource-id:spfoi;48/3/639
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Patrizia Sambuco, Corporeal Bonds: The Daughter-Mother Relationship in
           Twentieth-Century Italian Women's Writing
    • Authors: Di Filippo; G.
      Pages: 641 - 643
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542752|hwp:resource-id:spfoi;48/3/641
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Roberto Esposito, Terms of the Political: Community, Immunity, Biopolitics
    • Authors: Garofalo; P.
      Pages: 643 - 645
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542581|hwp:resource-id:spfoi;48/3/643
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Massimo Bontempelli, Watching the Moon and Other Plays
    • Authors: Feltrin-Morris; M.
      Pages: 645 - 648
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542413|hwp:resource-id:spfoi;48/3/645
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Elizabeth McCahill, Reviving the Eternal City, Rome and the Papal Court,
           1420-1447
    • Authors: Maxson; B. J.
      Pages: 648 - 650
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542226|hwp:resource-id:spfoi;48/3/648
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Laura Lori, Inchiostro d'Africa: La letteratura postcoloniale somala fra
           diaspora e identita
    • Authors: Tulante; M.
      Pages: 651 - 652
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542227|hwp:resource-id:spfoi;48/3/651
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Jane K Wickersham, Rituals of Prosecution, the Roman Inquisition and the
           Prosecution of Philo-Protestants in Sixteenth Century Italy
    • Authors: Piana; M.
      Pages: 653 - 654
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814542584|hwp:resource-id:spfoi;48/3/653
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Amedeo Osti Guerrazzi, The Italian Army in Slovenia: Strategies of
           Antipartisan Repression, 1941-1943
    • Authors: Herr; A.
      Pages: 655 - 655
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814543251|hwp:resource-id:spfoi;48/3/655
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
  • Antonio Scurati, Il padre infedele
    • Authors: Falotico; C.
      Pages: 656 - 658
      PubDate: 2014-10-03T22:04:28-07:00
      DOI: 10.1177/0014585814543248|hwp:resource-id:spfoi;48/3/656
      Issue No: Vol. 48, No. 3 (2014)
       
 
 
JournalTOCs
School of Mathematical and Computer Sciences
Heriot-Watt University
Edinburgh, EH14 4AS, UK
Email: journaltocs@hw.ac.uk
Tel: +00 44 (0)131 4513762
Fax: +00 44 (0)131 4513327
 
About JournalTOCs
API
Help
News (blog, publications)
JournalTOCs on Twitter   JournalTOCs on Facebook

JournalTOCs © 2009-2014