for Journals by Title or ISSN
for Articles by Keywords
help
  Subjects -> LANGUAGE AND LITERATURE (Total: 1606 journals)
    - LANGUAGE AND LITERATURE (567 journals)
    - LANGUAGES (232 journals)
    - LITERARY AND POLITICAL REVIEWS (182 journals)
    - LITERATURE (GENERAL) (119 journals)
    - NOVELS (12 journals)
    - PHILOLOGY AND LINGUISTICS (479 journals)
    - POETRY (15 journals)

LANGUAGE AND LITERATURE (567 journals)                  1 2 3     

Showing 1 - 127 of 127 Journals sorted alphabetically
3L : Language, Linguistics, Literature     Open Access   (Followers: 10)
@nalyses     Open Access   (Followers: 1)
a/b : Auto/Biography Studies : Journal of The Autobiography Society     Hybrid Journal   (Followers: 13)
Abgadiyat     Hybrid Journal   (Followers: 2)
Ação Midiática : Estudos em Comunicação, Sociedade e Cultura     Open Access  
ACME : Annali della Facoltà di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Milano     Open Access   (Followers: 1)
Acquisition et interaction en langue étrangère     Open Access   (Followers: 3)
Acta Baltico-Slavica     Open Access   (Followers: 1)
Acta Literaria     Open Access   (Followers: 3)
Acta Neophilologica     Open Access  
AFRREV IJAH : An International Journal of Arts and Humanities     Open Access   (Followers: 2)
Alea : Estudos Neolatinos     Open Access   (Followers: 1)
Aletria : Revista de Estudos de Literatura     Open Access  
Algazarra : Revista do Centro de Pesquisa Comunicação e Cultura : Barroco e Mestiçagem     Open Access  
Alpha (Osorno)     Open Access  
American Book Review     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
American Journal of Philology     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
American Literary Realism     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
American Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 21)
Anagramas : Rumbos y Sentidos de la Comunicación     Open Access  
Anales Galdosianos     Full-text available via subscription  
Âncora : Revista Latino-Americana de Jornalismo     Open Access  
andererseits : Yearbook of Transatlantic German Studies     Open Access   (Followers: 3)
Aniki : Revista Portuguesa da Imagem em Movimento     Open Access  
ANTARES (Letras e Humanidades)     Open Access  
Anuari de Filologia. Llengües i Literatures Modernes     Open Access  
Anuário de Literatura     Open Access  
Anuario Lope de Vega. Texto, literatura, cultura     Open Access  
Appalachian Heritage     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Arbitrium     Hybrid Journal   (Followers: 7)
Arcadia - International Journal for Literary Studies     Hybrid Journal   (Followers: 9)
Arethusa     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Argumentation et analyse du discours     Open Access   (Followers: 6)
Arizona Quarterly: A Journal of American Literature, Culture, and Theory     Full-text available via subscription   (Followers: 12)
Ars Aeterna     Open Access  
Artelogie     Open Access   (Followers: 1)
Arthuriana     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Artl@s Bulletin     Open Access   (Followers: 1)
Arts et Savoirs     Open Access  
Asia Minor Studies     Open Access   (Followers: 1)
Atalanta : Revista de las Letras Barrocas     Open Access  
Atalaya     Open Access   (Followers: 1)
Australian Journal of French Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Australian Literary Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Azalea: Journal of Korean Literature & Culture     Full-text available via subscription   (Followers: 4)
Babel     Hybrid Journal   (Followers: 13)
Balkanologie : Revue d'Études Pluridisciplinaires     Open Access   (Followers: 4)
Baltic International Yearbook of Cognition, Logic and Communication     Open Access  
Barnboken : Journal of Children's Literature Research     Open Access   (Followers: 3)
Between     Open Access   (Followers: 1)
Biography     Full-text available via subscription   (Followers: 17)
Black Camera     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Boletim de Pesquisa NELIC     Open Access  
Book History     Full-text available via subscription   (Followers: 113)
Bookbird: A Journal of International Children's Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 12)
boundary 2     Full-text available via subscription   (Followers: 14)
Brasiliana - Journal for Brazilian Studies     Open Access   (Followers: 1)
Bronte Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Brookings-Wharton Papers on Financial Services     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Brumal. Revista de investigación sobre lo Fantástico     Open Access  
Bulletin for Spanish and Portuguese Historical Studies     Open Access   (Followers: 9)
Bulletin of the Center for Children's Books     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Bunron : Zeitschrift für literaturwissenschaftliche Japanforschung     Open Access   (Followers: 1)
Byron Journal     Hybrid Journal   (Followers: 1)
Byzantinische Zeitschrift     Hybrid Journal   (Followers: 11)
Byzantion Nea Hellás     Open Access   (Followers: 2)
Caderno Seminal     Open Access  
Cadernos de Letras da UFF     Open Access  
Cahiers Balkaniques     Open Access   (Followers: 2)
Cahiers d'histoire. Revue d'histoire critique     Open Access   (Followers: 11)
Cahiers de civilisation espagnole contemporaine     Open Access   (Followers: 2)
Cahiers de littérature orale     Open Access  
Cahiers de recherches médiévales et humanistes     Open Access   (Followers: 8)
Cahiers du Monde Russe     Open Access   (Followers: 10)
Cahiers d’études italiennes     Open Access   (Followers: 3)
Cahiers franco-canadiens de l'Ouest     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Callaloo     Full-text available via subscription   (Followers: 11)
Cambridge Quarterly     Hybrid Journal   (Followers: 10)
Carnets : Revue électronique d'études françaises     Open Access  
Carte Italiane     Open Access   (Followers: 3)
Catedral Tomada. Revista de crítica literaria latinoamericana     Open Access  
Cervantes : Bulletin of the Cervantes Society of America     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Ceræ: An Australasian Journal of Medieval and Early Modern Studies     Open Access   (Followers: 1)
Chasqui. Revista Latinoamericana de Comunicación     Open Access  
Children's Literature Association Quarterly     Full-text available via subscription   (Followers: 16)
Chloe: Beihefte zum Daphnis     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Chrétiens et sociétés     Open Access   (Followers: 3)
Cipango     Open Access   (Followers: 2)
Cipango - French Journal of Japanese Studies. English Selection     Open Access   (Followers: 4)
CLCWeb : Comparative Literature and Culture     Open Access   (Followers: 11)
CLEaR     Open Access  
Cognitive Studies : Études cognitives     Open Access  
College Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 10)
Colonial Academic Alliance Undergraduate Research Journal     Open Access   (Followers: 2)
Colorado Review     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Comparative Critical Studies     Hybrid Journal   (Followers: 20)
Comparative Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 36)
Comparative Literature Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 28)
Comparative Mythology     Open Access   (Followers: 3)
Configurations     Full-text available via subscription   (Followers: 4)
Conradiana     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Contemporary Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 20)
Contemporary Pacific     Full-text available via subscription   (Followers: 9)
Contemporary Women's Writing     Hybrid Journal   (Followers: 11)
COnTEXTES     Open Access   (Followers: 1)
CR : The New Centennial Review     Full-text available via subscription  
Criticism     Full-text available via subscription   (Followers: 10)
Criticón     Open Access   (Followers: 1)
Critique: Studies in Contemporary Fiction     Full-text available via subscription   (Followers: 8)
Cuadernos AISPI     Open Access  
Cuadernos de Ilustración y Romanticismo     Open Access  
Cuadernos de Rusística Española     Open Access  
Cuadernos LIRICO : Revista de la Red Interuniversitaria de Estudios sobre las Literaturas Rioplatenses Contemporáneas en Francia     Open Access   (Followers: 1)
Cuban Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Cultures et conflits     Open Access   (Followers: 1)
Current Narratives     Open Access   (Followers: 12)
Current Objectives of Postgraduate American Studies     Open Access   (Followers: 1)
Current Writing : Text and Reception in Southern Africa     Hybrid Journal   (Followers: 2)
De Signos y Sentidos     Open Access  
De Zeventiende Eeuw. Cultuur in de Nederlanden in interdisciplinair perspectief     Open Access   (Followers: 1)
Deuterocanonical and Cognate Literature Yearbook     Hybrid Journal  
Dialektika : Jurnal Bahasa, Sastra, dan Pendidikan Bahasa dan Sastra Indonesia     Open Access  
Diálogos Latinoamericanos     Open Access  
Dicenda. Cuadernos de Filología Hispánica     Open Access  
Dickens Quarterly     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Diegesis : Interdisziplinäres E-Journal für Erzählforschung     Open Access  
Dix-Neuf     Hybrid Journal   (Followers: 3)
DQR Studies in Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Drammaturgia     Open Access  
Dublin James Joyce Journal     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Dutch Crossing : Journal of Low Countries Studies     Hybrid Journal   (Followers: 3)
E-rea     Open Access   (Followers: 2)
e-Scripta Romanica     Open Access  
e-Spania     Open Access   (Followers: 1)
e-TEALS     Open Access   (Followers: 1)
Early American Literature     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
Early Modern Culture Online     Open Access   (Followers: 36)
Ecotone     Full-text available via subscription  
Ecozon@ : European Journal of Literature, Culture and Environment     Open Access   (Followers: 4)
EDGE - A Graduate Journal for German and Scandinavian Studies     Open Access   (Followers: 5)
Educação & Linguagem     Open Access  
Eighteenth-Century Fiction     Full-text available via subscription   (Followers: 18)
Éire-Ireland     Full-text available via subscription   (Followers: 8)
El Hilo de la Fabula     Open Access  
ELH     Full-text available via subscription   (Followers: 17)
ELOPE : English Language Overseas Perspectives and Enquiries     Open Access  
Emily Dickinson Journal     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
English in Africa     Full-text available via subscription   (Followers: 2)
English in Aotearoa     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
English in Australia     Full-text available via subscription   (Followers: 2)
English in Education     Hybrid Journal   (Followers: 13)
English Literature in Transition 1880-1920     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
English Studies in Africa     Hybrid Journal   (Followers: 2)
English Text Construction     Hybrid Journal   (Followers: 6)
English: Journal of the English Association     Hybrid Journal   (Followers: 12)
Enthymema     Open Access  
Epiphany     Open Access   (Followers: 3)
ESC: English Studies in Canada     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Escritura e Imagen     Open Access   (Followers: 1)
Eslavística Complutense     Open Access   (Followers: 1)
ESQ: A Journal of the American Renaissance     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Essays in Criticism     Hybrid Journal   (Followers: 15)
Essays in French Literature and Culture     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Estudios de Literatura Colombiana     Open Access  
Estudios Ingleses de la Universidad Complutense     Open Access  
Estudis de Literatura Oral Popular / Studies in Oral Folk Literature     Open Access  
Estudis Romànics     Open Access  
Études canadiennes / Canadian Studies     Open Access   (Followers: 1)
Études de lettres     Open Access   (Followers: 2)
Études Épistémè     Open Access  
Études françaises     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Études littéraires     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Eugene O’Neill Review     Full-text available via subscription  
European Journal of Life Writing     Open Access   (Followers: 4)
European Romantic Review     Hybrid Journal   (Followers: 10)
ExELL : Explorations in English Language and Linguistics     Open Access  
Exercices de Rhétorique     Open Access  
Figurationen     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Fólio : Revista de Letras     Open Access  
Fourth Genre: Explorations in Nonfiction     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
French Forum     Full-text available via subscription   (Followers: 8)
French Studies in Southern Africa     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
FronteiraZ. Revista do Programa de Estudos Pós-Graduados em Literatura e Crítica Literária     Open Access  
Galatasaray Üniversitesi Iletişim Dergisi     Open Access  
Genre     Full-text available via subscription   (Followers: 12)
Genre & histoire     Open Access   (Followers: 4)
George Herbert Journal     Full-text available via subscription  
German Studies Review     Full-text available via subscription   (Followers: 25)
Globe : A Journal of Language, Culture and Communication     Open Access   (Followers: 1)
Goethe Yearbook     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Gothic Studies     Full-text available via subscription   (Followers: 13)
Hardy Review     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
HeLix - Dossiers zur romanischen Literaturwissenschaft     Open Access  
Hemingway Review     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Henry James Review     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Hispania     Full-text available via subscription   (Followers: 8)
Hispanic Research Journal     Hybrid Journal   (Followers: 7)
Hispanic Review     Full-text available via subscription   (Followers: 12)
Humanist Studies & the Digital Age     Open Access   (Followers: 4)
Huntington Library Quarterly     Full-text available via subscription   (Followers: 29)

        1 2 3     

Journal Cover Between
  [1 followers]  Follow
    
  This is an Open Access Journal Open Access journal
   ISSN (Print) 2039-6597
   Published by Università degli studi di Cagliari Homepage  [3 journals]
  • The Three Ages of Laughter

    • Authors: Elisabetta Abignente, Francesco Cattani, Francesco de Cristofaro, Giovanni Maffei, Ugo M. Olivieri
      Abstract: This essay presents itself as theoretical introduction to the question of humour (in its basic articulation among parodic, satirical and anti-narrative forms). It offers a concise excursus among the various sections of the volume resulting from the Compalit Conference Who Laughs Last: Parody Satire Humour held in Naples (16-18 December 2015): from the plenary lectures of the first section to the papers developed in the other five sections focused on, respectively: the examination of the present heuristic effectiveness of Bakhtin’s theory; an investigation on parodies of the sacred in contemporary literature and fine arts; a genealogy of anti-narrative writing ascribable to the archetype of Sterne’s Tristram Shandy; a morphology of the literary works marked by “dianoetic laugh” and apocalyptic humour; the transmedia crossing of the “palimpsests” of the 20th century, with a particular reference to theatre and cinema (but also to television, comics and the web).
      PubDate: 2017-02-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The Stand Up Comedy and The Parrhesiast

    • Authors: Simone Cantino
      Abstract: In the present essay the author examines the american Stand up comedy as a form of art and entertainement which involves many different aspects (for instance One man show and Preaching). The intent of this essay is to look into the correlation that the comedian creates between laughter and the search for truth (both personal and universal).By comparing different bits and excerpts taken from the comedy acts of american authors such as Lenn Bruce, George Carlin and Bill Hicks, the author finds a relation between the elements of satire in the Stand up comedy genre and the concept of ‘parrhesia’ and parrhesiast.The purpose of the essay is to demonstrate how the peculiar figure of the stand up comedian can assume a precise philosophical and ethical role. The act of showing the people their own hypocrisies and self deceptions by using the laughter is a way  to stimulate a reflection and, potentially, determine a growth of self awareness in the mind of the people of the audience. Stand up comedy should be seen not only as a form of entertainment, but also as a way for developing a critical thinking and can be considered, in some cases, a tool for achieving some kind of revelation and change.
      PubDate: 2017-02-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • How to Theorize a Hypermodern Humor: the case of Walter Siti

    • Authors: Francesco Chianese
      Abstract: What we talk about when we talk about humor? To what extent can one talk today about humor? The concept that Luigi Pirandello defined as the ability to express «the feeling of the opposite» (1908) appears as an essential requirement to the contemporary writer. It is a necessary tool for whom aims to represent the society of the divided subject, which is supported by an ideology grounded and built on the ambivalence of the message and the inability of mainstream audience to decode it. By analyzing texts from the major phase of Walter Siti’s oeuvre – the five “autofictional” novels, i. e. Scuola di nudo (1994), Un dolore normale (1997), Troppi paradisi (2006), Resistere non serve a niente (2012), Exit Strategy (2014) – in comparison with works from other contemporary writers, such as Philip Roth, Don DeLillo and Jonathan Coe, as well as referring to the humoristic lesson provided by Pier Paolo Pasolini, this article attempts to theorize a hypermodern humor. It is a type of humor that paradoxically keeps many features from modern humor, even if not necessarily the ability to raise a laugh. 
      PubDate: 2017-02-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Balzac peint les français: social satire and construction of ideal types
           in Les français peints par eux-mêmes.

    • Authors: Marilisa Moccia
      Abstract: Between 1840 and 1842, the same years in which Balzac develops what will be the Comédie Humaine, Léon Curmer published Les Français peints par eux-mêmes. The work takes shape by the collaboration between caricaturists and writers and includes Honoré de Balzac who contributed to the project writing two items: the Épicier and La femme comme il faut.Les Français peints par eux-mêmes, defined in the subtitle like a moral Encyclopédie du XIXe siècle, is one of the greatest examples of "panoramic literature", as defined by Walter Benjamin (Benjamin 1979). In this work there is caricature and physiological determinism used to portray -and not simply describe- human and social types that populated Paris and the Province. The introduction of Léon Curmer and Jules Janin places the global project of the work under the label of 'tableau', already used by Louis-Sébastien Mercier (Mercier 1782).On the one hand, the Humors comes out from the idea of classifying men, emptied of their subjectivity and degraded to social types, like the animals and plants species in the Encyclopedia of the Enlightenment. For this reason, the mise en page (each work item is structured type, tête de page, cul de lampe), helps to create a trans-text (Genette 1997) that is evident for the reader of the time, nourished by Buffon and Cuvier’s works. On the other hand, the intention avowedly "serious" that has to take care to explain, with a pedagogical intention, French people to the French readers, suggests a second hypothesis: the whole society is laughable because the bourgeoisie of the Louis Philippe reign is ridiculous.The paper aims to investigate the type of satire that emerges from the Opera, with a particular attention for the Épicier by Balzac.
      PubDate: 2017-02-27
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The Satirical Dramas. From Ubu roi by A. Jarry to Roi Bombance by F.T.
           Marinetti

    • Authors: Annalisa Carbone
      Abstract: The aim of this essay is to analyze the parenthood relationship between Ubu Roi,  ‘puppet’ play by Alfred Jarry (1896), and Roi Bombance, Rabelaisian «tragedia satirica» (satirical tragedy), written by Filippo Tommaso Marinetti and published in 1905 by «Mercure de France» (It.tr.Re Baldoria, 1910). The main objective is to identify how the composition models and the intellectual purposes of Ubu Roi, which was defined «a  truculent culinary metaphor», give a new shape to Jarry’s grotesque fabulism.The tragically hilarious representations of the carnivalesque drama written by the creator of the Pataphysics (the science of imaginary solutions)are presented in Marinetti’s work through a social and metaphysical pessimism expressed in a bloating and ridiculous way.The Illusory Idealism of the Idiot-Poet here vortically coalesces with the hungry masses, ready to devour their king and to throw him out soon afterwards, bringing him back to life through an intestinal rebirthing. It confirms the Grand Guignolesque historical and anthropological disenchantment which supports the optimistic and pragmatic voluntarism of the upcoming Futurism. 
      PubDate: 2017-02-27
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The Unfinished Becoming. On the History and the Theory of Comic in Mikail
           Bakhtin’s Thought

    • Authors: Stefania Sini
      Abstract: Bakhtin’s monograph on Rabelais, published in 1965, is only the latest step of a complex stratigraphy of redactions that took form through the questions emerged during many years of study of the genre of the novel in the light of the historical poetics, of the representation of becoming and of its chronotopical varieties. The return to Dostoevsky as the heir of the carnivalesque tradition in the literature of modernity will close the circle.
      PubDate: 2017-02-24
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The fool, the androgynous and the hybrid: grotesque and carnivalesque
           elements in The Incal by Jodorowsky and Moebius

    • Authors: Antonella Di Nobile
      Abstract: The purpose of this study is to identify, by means of an analysis based on Bachtin’s works, the grotesque and carnivalesque elements of the popular comic culture in Jodorowsky and Moebius The Incal, in order to fully understand the message it is trying to convey. The analysis is primarily focused on three principal characters (grotesque figures par excellence) to establish a comparison between The Incal’s world and the Medieval carnival. In order to demonstrate Bachtin’s theory of ‘the dual body’ as “growth and immortality of the human rac”’, as “mankind’s historic progress”(Bakhtin, 1984: 324), the study proceeds by analysing the graphical and linguistical images of the “material bodily lower stratum” related to ‘scatological substances’, to the themes of ‘semen-fecundity’, ‘splitting of the body’, ‘aging’ and ‘pregnant death’. The result of the analysis is the identification of a positive and utopic message in a social satire based on a dystopian-science fiction narration.
      PubDate: 2017-02-23
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The Robb’d that Smiles: Pasolini’s Humorous Tragedy

    • Authors: Stefano Casi
      Abstract: In the studies about Pasolini’s work the analysis of the use of comedy and humor is often ignored. This article analyzes the relationship of Pasolini with the forms of comedy, from the indication of Charlot as emblematic point of reference for his own intellectual commitment to the development of an original meaning of the concept of humor. By analyzing statements and plays, a new aspect of Pasolini comes to light. In a conscious and tormented way, Pasolini adheres to humor as the main means of the bourgeoisie, entrusting to it much of its work in the last decade of his life. For Pasolini humor is the communication code of the bourgeoisie, that bourgeoisie uses to distance itself from reality. Thus, by using humor as alienating weapon inside the form-tragedy, Pasolini plans to fight bourgeoisie, challenging it on the ground of the theatrical representation of reality, through its own communication means.
      PubDate: 2017-02-23
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • "Sexual Inversion" and Logic of Humour in two early 20th century French
           reviews: L'Assiette au beurre, Le Rire

    • Authors: Giulia Scuro
      Abstract: The irreverent wit is often based on overthrown rules. This paper aims to analyze the logic of laughter related to the representation of homosexuality in two early XIX century French illustrated magazines - «L’Assiette au beurre» and «Le Rire» – in which the satirical mechanism is built on the overthrowing of roles. The issue of two fundamental essays on the social function of laughter - Du Rire (Bergson, 1900) - and on its unconscious function - Der Witz und seine Beziehung zum Unbewußten (Freud, 1905) - deeply influences the representation of sexual inversion in comic strips. I will consider both cases and analyze them also through Arthur Koestler's idea of bisociation as main comical mechanism. In the proposed strips, I will show how male features in women and the female features in men create a political dynamics leading the reader to laugh.
      PubDate: 2017-02-19
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • L’ABC del funerale. Umorismo e satira sul rito funebre nel Giappone
           contemporaneo

    • Authors: Chiara Ghidini
      Abstract: In the 1960s Tamamuro Taijō, observing how funerals had become the main activity of Japanese Buddhism, critically coined the expression “Funeral Buddhism” to refer to Buddhist practices in modern Japan.Later developments led to an increasing process of commodification, in some cases even spectacularisation, of funeral rituals, applied also to real and robotic pets, as well as to people who are still alive.This commodification has been acknowledged and analysed in a humoristic and/or satirical key within contemporary Japanese fiction and cinema. In particular, the article aims to focus on a story written by Matsuura Rieko, entitled The Day of the Funeral (1978), and on the film The Funeral (1984), by internationally acclaimed director Itami Jūzō.
      PubDate: 2017-02-18
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Derision, Desire, Identification in Some Pages of Michel Houellebecq

    • Authors: Valentina Sturli
      Abstract: The purpose of this paper is to analyze the presence of typically comic narrative elements, especially concerning the characters’ sexual and social life in Houellebecq’s novels. The primary effect of this elements is to make the reader laugh, but also to cause him to distance themselves from the disturbing representations. At a later time, the same elements will trigger identification mechanisms in the reader thorough their pathetic connotations. The method is a close reading of some pages of Houellebecq’s novels Whatever (1998) and Atomised (1998). The key assumption is that the literary text is always ambivalent, multiform and plural, and that these components can brought to light thorough textual analysis. 
      PubDate: 2017-02-13
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • A Monstrous Moscow. The Dinosaur in Moscow Postmodern Production

    • Authors: Giulia Imbriaco
      Abstract: The article offers an interpretation of the dinosaur in the Moscow imagery of the late 20th century as an allegory of the state in which the Marxist-Leninist ideology found itself in those years: more and more inflated with rhetoric, while more and more devoid of contents. In V. Aksyonov's The Burn (1975-76), in the paintings of the duo Komar and Melamid (Ancestral Portraits, Bolsheviks Returning Home After a Demonstration, 1978-82), in D. Prigov's drawing Horror (1990s) and verses “For the Little George”, in V. Erofeyev's Russian Beauty (1990), and in V. Sorokin's Ice (2002), the prehistoric monster in its different inflections is the embodiment of a black humour, characterized by an ambiguity typical of both the postmodern parody described by L. Hutcheon and the grotesque realism analyzed by M. Bachtin. The artist's effort in becoming another to himself, simultaneously engaging his own culture and disengaging himself from it by way of a sharp irony, is portrayed in Prigov's Bestiary (1977-2004), where his colleagues are the more 'monstrous' the more they are 'geniuses'. The monster creates a tragicomic and destabilizing clash on different levels, thus prompting reflection about a tormented historical period and about Art's willy-nilly complicity in the rhetorical construction of the official discourses.
      PubDate: 2017-02-02
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Parodies of Sonnet in Late XXth-century Italian Poetry

    • Authors: Antonio Loreto
      Abstract: The article means to investigate the formal and metrical parody of the sonnet carried out by many important poets in the second half of the XXth century. The aim is to show how most of these sonnets – as those by Fortini, Zanzotto, Pasolini, Sanguineti – hide a non-parodic constitution due to the wide gradual slackening of the formal rules in contemporary art, whom parody itself took part to with its «dialectical development of forms» (Tynjanov).In these modified aesthetic expectations, the «average metrical consciousness» (Fortini) made acceptable and so to speak normal many formal derogations, thus entailing the impossibility to classify these texts as parodies but, at the same time, suggesting a reading of the flawless sonnets written in the last decades as outdated and parodic (Giovannetti), even though lacking in dialectical development and therefore incomplete as parodies.Concurrently, fulfilled parodies can be still found in the radical experimentations by Nanni Balestrini (Ipocalisse. 49 sonetti. Provenza, 1980-1983, 1986) and Marco Giovenale (Piccoli suoni, in Quasi tutti, 2010). Yet, since they recall lower forms such as the frottola and the “alla Burchia” sonnet, respectively, and since Ipocalisse was created during the exile of his author (following the famous “7 April operation”), we can read the use of the most codified form of poetry in their works as an allegory of the way in which power is able to preserve itself throwing out of its domain the subversive forms which threaten its authority.
      PubDate: 2017-01-31
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Parodies of the divine in Joyce and Rushdie

    • Authors: Stefano Manferlotti
      Abstract: After  giving a general definition of literary parody, this short essay underlines the way it transforms the sublime into ridiculous when applied to religious subjects. A close reading of some passages from Joyce's Ulysses  and Rushdie's The Satanic Verses allows the author to draw the reader's attention to some relevant aspects of the modern and postmodern British novel. 
      PubDate: 2017-01-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • «Humor». A Lengthy History?

    • Authors: Giorgio Forni
      Abstract: La storia della scrittura umoristica corre parallela al formarsi del soggetto occidentale moderno nel segno della socievolezza e della libertà. Ma tale storia deve leggersi come coerente curva evolutiva verso l’apice della modernità, o piuttosto come esperienza di frattura di fronte al divario crescente fra libera soggettività dell’individuo e ragione astratta fondata sull’evidenza? Nell’esplorare la storia varia e complessa dell’umorismo, il recente volume di Giancarlo Alfano indaga con acutezza alcuni elementi fondativi della nostra modernità letteraria e permette di interrogare in profondità le radici antropologiche del nostro presente.
      PubDate: 2017-01-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Long Runs and Epochal Turns

    • Authors: Giancarlo Alfano
      Abstract: Continuità o discontinuità? Nelle ricostruzioni storiografiche ci si muove rintracciando delle costanti morfologiche e delle fratture funzionali o estetiche. La storia della scrittura umorista vede senza dubbio in Laurence Sterne la chiave di volta di una trasformazione epocale, che però va intesa – a parere di chi scrive – su un duplice sfondo: la lunga continuità di forme e procedure della sociabilità conversevole; il progressivo emergere del concetto moderno di soggettività. Il libro discusso da Giorgio Forni e Riccardo Donati prova a muoversi rispettando queste tre esigenze.
      PubDate: 2017-01-28
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • «Nothing to laugh»: ironic apocalypses of G. Morselli and M. P.
           Shiel

    • Authors: Francesco Sielo
      Abstract: Dissipatio H. G. and The Purple Cloud are among the earliest manifestations, in both literatures, of “last man on Earth” tales and both display an unusual ironic mode, clearly against what will be usual in the in the apocalyptic-dystopian genre. Through a comparison between those elements of two text that have no equal in other literary works, this article aims to analyze the dynamics dystopia-apocalypse-utopia, from an ironic description of our world as dystopian, through the apocalypse, up to a possible utopian, new beginning. Among the common issues, the most meaningful is that the preservation of relics of past civilization becomes, in both authors, a destructive fury, that characters show against all human remains and especially against items of modern civilization. Ironic criticism of contemporary society became, in both authors, psychological will to summarize and then «parentesizzare», parenthesize, through an apocalyptic narration, every aspects of contemporanean culture, in order to reactivate an utopian imagery. 
      PubDate: 2017-01-27
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • La cognizione di Priapo. Procedimenti caricaturali in «Eros e Priapo» di
           Carlo Emilio Gadda

    • Authors: Paolo Gervasi
      Abstract: L’opera di Carlo Emilio Gadda Eros e Priapo, composta tra il 1944 e il 1945 ma pubblicata, in una versione filologicamente controversa, soltanto nel 1967, testo ibrido all’incrocio tra saggio, bozzetto narrativo e invettiva, può essere letta come una galleria di violente caricature letterarie, di equivalenti verbali della caricatura visiva, a cominciare dai reiterati ritratti di Mussolini, definiti dalla serie dei soprannomi e delle descrizioni deformanti.L’articolo indaga i procedimenti retorici e stilistici attraverso i quali Gadda rielabora nella scrittura letteraria, trasportandoli dal codice visivo al codice verbale, gli elementi tecnici, e i presupposti percettivo-cognitivi, che la caricatura ha sedimentato nella storia delle forme. Se è vero che nella rappresentazione del corpo, e in particolare del volto, sono inscritti complessi significati psicologici, storici e politici, deformando le immagini pubbliche la caricatura costituisce un modo per mettere in discussione le rappresentazioni autorizzate della realtà e degli individui.Come hanno dimostrato alcune ricerche neuroscientifiche, anche dal punto di vista cognitivo la caricatura può essere considerata uno strumento di comprensione del mondo: la mente utilizza la selezione, la stilizzazione e l’enfatizzazione degli elementi per dare senso al groviglio delle percezioni e individuare delle regolarità. Per la mente umana deformare il mondo significa renderne evidenti le caratteristiche nascoste, che rimarrebbero inespresse se non fossero caricate. Analogamente, come dimostra Eros e Priapo, la caricatura funziona come un dispositivo critico, che isola ed enfatizza alcuni dettagli per rovesciare gli schemi della rappresentazione, e allo stesso tempo per rivelare le deformazioni psichiche profonde prodotte dagli eventi storici.
      PubDate: 2017-01-19
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • La Belle époque per le scuole ovvero il canone cucinato à la
           Sade

    • Authors: Claudia Correggi
      Abstract:  La Belle Époque per le scuole, pubblicato in appendice all’edizione ’77 di Certi romanzi,  per il suo tono fortemente  dissacrante presenta tutta la verve di una ‘modesta proposta, che se adottata  nello svolgimento del programma di Letteratura italiana, ne sconvolgerebbe irrimediabilmente l’assetto di istituzionale deposito del canone. La rassegna organizzata sulle basi di un’affilatissima ironia, col sostegno della usuale mirabolante capacità nomenclatoria di Arbasino e della sua già rodata acutezza critica, esordisce con  ‘i macchinosi ricatti sentimentali dell’orrendo Padron N’Toni’, spacciatore confuso  di insensati proverbi improntati ad una saggezza popolare ‘capace di uccidere’, per poi proseguire secondo uno schema costruito su ‘coppie criminose’, concludendosi nel ritratto solitario di  Gadda, ricco di spunti sulle sue passioni e idiosincrasie, che si  presume, molti studenti sarebbero pronti a condividere; una fra tutte, l’avversione verso il ‘narcisismo da torero’ del ‘basettone’ Foscolo. In mezzo si passa da Edmondo (De Amicis) e Giacomo (Puccini), a Filippo Tommaso (Marinetti) e Guido Gustavo (Gozzano), da Manzoni a Verdi, dalla ‘gallina’ Carolina Invernizio a Garibaldi, qui autore di romanzi più che generale. Tutti subiscono lo stesso gioco al massacro di una revisione critica irriverente e sfrontata, ma anziché soccombere,  ne escono più vivi.
      PubDate: 2017-01-09
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Ridere con Lolita, ridere di Lolita. Le funzioni dell’ironia nelle
           trasposizioni filmiche dell’opera di Vladimir Nabokov.

    • Authors: Andrea Chiurato
      Abstract: Nel percorso di canonizzazione grazie a cui un’opera si trasforma in un classico, la parodia costituisce spesso una tappa obbligata. Si direbbe quindi che la sottrazione dell’aura o, meglio, la manipolazione in chiave dissacrante sia tra i prerequisiti necessari a garantire l’inclusione negli esclusivi ranghi della tradizione. Guardando alla storia letteraria del Novecento si potrebbero d’altronde trovare varie conferme di questa ipotesi, ma anche qualche clamorosa smentita.Si considerino, ad esempio, le trasposizioni filmiche tratte da Lolita, romanzo vittima di innumerevoli fraintendimenti e trasformazioni. Sebbene lo stesso Nabokov si lamentasse della tendenza del grande pubblico a farsi abbagliare dagli aspetti pruriginosi della vicenda, trascurandone il sottile humor, i due registi che si sono cimentati nel portare Lolita sul grande schermo – Stanley Kubrick e Adrian Lyne – sembrano aver frainteso lo spirito di questa indicazione. Nei rispettivi adattamenti ne hanno, infatti, stravolto completamente il senso: l’uno adottando una mise-en-scène di taglio classicheggiante volta a attenuare lo shock prodotto dall’ipotesto; l’altro enfatizzandone il lato scabroso e solleticando gli appetiti voyeuristici dello spettatore.Nel corso della mia analisi intendo dunque ricostruire le motivazioni di un simile, duplice “tradimento”, cercando di illustrare come esso abbia ridefinito l’aura del romanzo nabokoviano, nonché l’intenzione autoriale di partenza.
      PubDate: 2017-01-09
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • «Il sale della satira è il condimento della commedia». Elementi
           satirici nel poema eroicomico europeo

    • Authors: luca ferraro
      Abstract: Luca FerraroL’articolo è incentrato sul rapporto tra eroicomico e satira. Gli autori passati in rassegna sono i principali del canone europeo: Tassoni, Boileau, Pope e Parini. L’obiettivo è stato quello di verificare quanto l’elemento satirico sia parte integrante del genere inventato da Tassoni. Nella seconda parte del testo si è cercato di dimostrare che la satira diventa la forma del comico predominante nei poemi eroicomici successivi alla Secchia rapita. Analizzandone in ordine cronologico le opere più rappresentative, si è voluto fare una riflessione sul genere e su come mutano gli elementi che lo caratterizzano nel corso dei suoi quasi due secoli di vita. The focus of this paper is the relationship between mock-heroic and satire. The analysis will deal with the most important satirical and mock-heroic authors in Europe : Tassoni, Boileau, Pope and Parini. The purpose is to prove how the satirical element is an essential part of the genre invented by Tassoni. In the second part of the paper we will try to demonstrate that the satire becomes the main mode of the comic in mock-heroic poems after the Secchia rapita. By analyzing chronologically the most representative works, our article proposes a reflection about the genre and the evolution of its characteristics during almost two centuries.  
      PubDate: 2017-01-09
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • The grotesque masks of Elias Canetti: monads with no doors or windows

    • Authors: Jelena Ulrike Reinhardt
      Abstract: For Elias Canetti comedy was always an important tool to express himself. But in his works, besides the link to comic, laughter has also a terrible, uncanny and creepy appearance. This disquieting side of laughter often leads to unheard of violence on the edge of madness. Canetti goes back to the archaic essence of laughter and shows the deep similarities with the act of eating. He considers the gesture of gulping down food as an act of incorporation, that is the first form of power and oppression. This type of humor finds an expression in different stylistic features of the grotesque. Through the analysis of some of his works, especially of his theatre plays and his novel Auto da fé, it clearly appears that the grotesque of Canetti is closely linked to the idea of mask.In this regard, Canetti’s definition of "acoustic mask" is by now well known. However, of great interest is the study of his literary  production in the light of a more complex meaning of the term mask, as the author himself points out in his anthropological essay Crowds and power, where alongside the acoustic elements he also includes visual ones. In this way, the broader concept of "grotesque mask" can be defined. This approach gives evidence of Canetti’s debt, not only towards acoustic elements related to his stay in  Vienna and to the influence of his great idol Karl Kraus, but also to the visual arts and, especially, to Brueghel and Goya. In sum, the grotesque masks show their inability to communicate not only in a verbal sense, but especially through their body language, as they are totally unable to touch each other in any way.
      PubDate: 2017-01-05
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • «I want to be a pop idol» Oscar Wilde tra parodia e reinvenzione glam in
           Velvet Goldmine di Todd Haynes

    • Authors: Pierpaolo Martino
      Abstract: Il presente studio analizza Velvet Goldmine un film del 1998 diretto da Todd Haynes al fine di indagare come il regista americano riesca ad evidenziare la centralità del glam (emerso in Gran Bretagna nei primi anni Settanta) nella cultura contemporanea, ponendo un' enfasi specifica sull’aspetto che più di ogni altro aveva caratterizzato quell’esperienza, ossia la sovversione parodica dell' idea di mascolinità normativa nei decenni precedenti. Sul palco i 'glamsters' – ossia artisti quali Bolan, Bowie, Roxy Music, Glitter – erano in grado, utilizzando segni visivi quali trucco e abiti 'glitter' di costruire un’identità di genere ibrida che si poneva in netto contrasto con il machismo di molti musicisti degli anni Sessanta. Seguendo un approccio metodologico in cui studi culturali, studi letterari e neo-musicologia finiscono per dialogare tra loro, la presente indagine crea uno stretto rapporto tra Oscar Wilde e la cultura glam – un rapporto individuato dal regista sin dalle prime battute del film – ma che qui viene declinato in un senso più specifico, in base al quale l' intero film rappresenta una parodia o reinvenzione glam dell'intera epopea wildiana e in cui le immagini e gli aforismi wildiani sembrano interrogare con la loro complessità e la loro portata dissacrante il nostro presente. The present essay analyses Velvet Goldmine a 1998 film directed by Todd Haynes, in order to investigate how the American director points to the relevance of glam (emerged in Great Britain at the beginning of the Seventies) within contemporary culture, focusing on one of its most relevant aspects, that is the parodic subversion  of the normative idea of masculinity which was dominant in the previous decades. Glamsters – that is, such artists as Bolan, Bowie, Roxy Music and Glitter – were able, using such visual signs as make-up and glitter dresses, to construct a hybrid gender identity, which sharply contrasted with the normative masculinity of many 1960s musicians. Employing a methodological approach in which cultural studies, literary studies and neo-musicology  speak to each other, the present analysis establishes a strong connection between Oscar Wilde and glam culture – a relationship established by Haynes himself in the very first scenes of the film – which nevertheless the present essay defines in a more specific way, considering the film as a whole in terms of a glam parody and refashioning of Wilde's epopee, one in which Wilde's images and aphorisms seem to question with their complexity and their desecrating potential the present age.  
      PubDate: 2017-01-03
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2017)
       
  • Il motto di spirito e la tradizione ebraica nello schnorrer di Israel
           Zangwill

    • Authors: Stefania Rutigliano
      Abstract: Sulla base della analisi freudiana del motto di spirito, il contributo mira a individuare i modi della rilettura ironica dell’eredità culturale ebraica nel romanzo e le sue  intersezioni con modelli letterari altri (romanzo picaresco, Sterne). In particolare si rileva il nesso tra l'uso precipuo del motto logico e la questione identitaria del popolo ebraico.  
      PubDate: 2016-12-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Balzac à la charge. Ecriture journalistique et théorie de la caricature
           enmarge dela Comédie humaine

    • Authors: Michela Lo Feudo
      Abstract: Come la maggior parte degli autori a lui contemporanei, il giovane Balzac cerca di farsi conoscere al grande pubblico e di guadagnarsi da vivere attraverso il giornalismo non politico - la cosiddetta petite presse -. Tra le numerose testate che hanno visto la sua partecipazione nel periodo che va dal 1824 al 1830, i settimanali La Silhouette e La Caricature si distinguono per forma e sostanza, fornendo indicazioni interessanti sulle scelte estetiche dell’autore in quegli anni: Balzac decide, infatti, di aderire a un tipo di pubblicazione innovativo e poco legittimato per l’epoca, possibile grazie alla recente diffusione della litografia. La Silhouette e la Caricature, fondate a cavallo della Rivoluzione di Luglio, basano in effetti la loro linea editoriale sulla sinergia fra testo e immagine come strumento per il racconto dell’attualità culturale e sulla centralità della satira visiva come codice espressivo privilegiato, inaugurando l’âge d’or della caricatura parigina portata in auge dai giornali di Philipon e dalle tavole di Grandville, Daumier e Cham. Attraverso l’analisi dei testi pubblicati da Balzac all’interno dei periodici in questione, si cercherà di capire se l’esperienza giornalistica, e in particolare il confronto con i linguaggi satirico-caricaturali, inducono l’autore a una riflessione sulla propria scrittura nel periodo in cui il progetto della Comédie humaine comincia a prendere forma. Un’esperienza, quella di Balzac, sicuramente pionieristica e capace di fornire spunti di riflessione per comprendere il rapporto tra letteratura e caricatura nell’Ottocento in Francia, rapporto che sarà rinnovato, nei decenni successivi, da autori come Gautier, Baudelaire, Champfleury e Vallès.
      PubDate: 2016-12-20
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Hamlet Travestie. L’Amleto napoletano di Punta Corsara

    • Authors: Angela Albanese
      Abstract: La compagnia Punta Corsara - nata dal fortunato laboratorio di non-scuola “Arrevuoto” che il regista Marco Martinelli ha tenuto con gli adolescenti di Napoli e dei turbolenti quartieri di Scampia - con il suo Hamlet Travestie non mette in scena solo la parodia del dramma di Shakespeare, ma compie un triplo salto mortale: si parte, nel titolo, dall’opera dell’inglese John Poole, ottocentesca parodia burlesque del testo shakespeariano, passando per il Don Fausto di Antonio Petito, a sua volta parodia del Faust di Goethe, per approdare, in un vertiginoso e sapiente gioco di incastri, alla tragedia del principe di Danimarca, qui incarnato dal giovane e ombroso Amleto Barilotto. Questo Amleto di Scampia, innamorato di Ornella-Ofelia incinta e che la malavita ha privato del padre, è l’eccentrico e tormentato componente di una delle tante famiglie dei “bassi” napoletani soffocate dai debiti e incalzate dagli strozzini. Amleto legge Shakespeare e si convince che nel suo nome sia racchiuso lo stesso drammatico destino del personaggio shakespeariano. La soluzione metateatrale inscenata dai parenti per farlo rinsavire, resa esilarante da continue distorsioni verbali e dalla forte espressività del dialetto, ha tuttavia risvolti noir e fa precipitare la farsa nella tragica contemporaneità di una Napoli fatta di contraddizioni, omertà, paure, degradata e soffocata dalla camorra.
      PubDate: 2016-12-13
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Ridere degli dèi

    • Authors: Maurizio Bettini
      Abstract: I drammatici avvenimenti culminati nelle strage di Charlie Hebdo, e il dibattito che ne è seguito, hanno riportato in evidenza un aspetto delle religioni monoteiste che, almeno nelle società occidentali, era stato ormai da tempo messo in ombra: ossia il divieto di trasformare la divinità in oggetto di derisione. Al contrario, nella cultura greca e romana questa pratica – ridere degli dèi - era considerata perfettamente lecita, come mostrano una pluralità di esempi che vanno dai poemi omerici a Luciano di Samosata. Il saggio cerca le motivazioni culturali di questo fenomeno, mettendo in luce le sostanziali differenze che separano, anche da questo punto di vista, politeismi e monoteismi.
      PubDate: 2016-12-12
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Romanzi a casa Disney: i personaggi alla prova dell’ironia

    • Authors: Marina Guglielmi
      Abstract: Cosa si intende oggi per fumetto e graphic novel, qual è il loro statuto e quali le questioni narrative che li riguardano? In questo paper proverò a dare una risposta a tali domande concentrandomi in particolare su due questioni che mi sembrano cruciali per la definizione della narratività fra immagine e parola: autorialità e personaggio.Partendo dalla considerazione che il fumetto si è affermato come produzione culturale di massa in cui il ruolo dell’autore è rimasto inizialmente marginale, la nuovissima centralità autoriale ci porta a interrogarci sullo statuto di fumetto e graphic novel come arte non più subordinata e per la quale è necessario ripensare le griglie epistemiche della letterarietà. Gli esempi cui faccio riferimento sono tratti dalle pubblicazioni della Disney italiana, vale a dire quella produzione che a partire dal 1935 si è svincolata dalla casa statunitense e ha dato vita alla ormai nota scuola italiana dei Disney. In particolare le parodie dei capolavori della letteratura mondiale nella produzione successiva agli anni duemila  hanno messo fortemente alla prova la canonicità dei personaggi disneyani per avvicinarli sempre più, tramite l’ironia, al ruolo di  protagonisti di originali romanzi a fumetti.
      PubDate: 2016-12-12
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • La menzogna irriverente. Appunti sulla ricezione di Sterne nella narrativa
           umoristica del Ventennio

    • Authors: Leonardo Battisti
      Abstract: L’intervento propone spunti di riflessione sul recupero della dimensione comica e parodica di Sterne, e particolarmente del Tristram Shandy, nell’ambito dell’exploit del romanzo umoristico negli anni del fascismo.In Italia fino a Pirandello si fissò principalmente un’attenzione allo Sterne «sentimentale», e un generale disinteresse – con alcune eccezioni – per il comico più marcatamente metatestuale, parodico e antiromanzesco.Aspetto questo connaturato storicamente al romanzo umoristico, e che nel Tristram Shandy costituisce la norma compositiva, tanto da meritare la definizione di «romanzo parodistico» (Sklovskij), o di campione degli antiromanzi.La centralità di questa attitudine parodica viene recuperata appieno nel Ventennio da alcuni autori (Campanile, Mosca, Guareschi, ecc.), complice anche la prima traduzione integrale del Tristram (per Formiggini, nel 1922), per stigmatizzare con la potenza del riso la convenzionalità e falsità degli stilemi della letteratura di consumo (esempi proposti: A. Campanile, In campagna è un’altra cosa, 1931, e G. Guareschi, Il destino si chiama Clotilde, 1943).La narrativa umoristica, autodichiarando esplicitamente al suo lettore il proprio statuto di menzogna attraverso la riproduzione rovesciata, in una prospettiva coerentemente paradossale, delle forme della letteratura d’appendice, tentava di disinnescarle, e tuttavia finiva spesso contemporaneamente per sostanziare una tipologia d’intrattenimento acritico verso la realtà circostante, sostanzialmente tollerato dal regime.
      PubDate: 2016-12-12
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • “Tra il sì ed il no siam di parer contrario”: la satira
           alle prese col fascismo

    • Authors: Redazione del «Travaso delle idee»
      Abstract: Stavolta la rubrica unisce gli argomenti di vari nostri numeri, tratta di umorismo, ma anche di censura e di politica: perché riguarda un campo dell’umorismo, la satira, che ha ruoli molto diversi, che va dalla polemica sbrigliata al futile intrattenimento, ma che, se non è del tutto compiacente, è comunque temuta e osteggiata dal potere, e vista dai regimi totalitari come una delle peggiori minacce. Lo dimostra il destino di uno dei più brillanti settimanali umoristici italiani, “Il Travaso delle idee”, tra il 1924 e il 1925 sempre più controllato e censurato dalla dittatura fascista. Ripubblichiamo tre articoli di quel periodo, non firmati (secondo una prassi allora frequente), che deridono la situazione politica, e cercano di rivendicare l’indipendenza del periodico; alla fine del 1925 nondimeno ridotto a un innocuo diversivo.
      PubDate: 2016-12-12
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • La funzione della parodia nelle riscritture di Carmelo Bene

    • Authors: Dario Russo
      Abstract: La parodia è un elemento fondamentale nelle riscritture di Carmelo Bene.  Il saggio intende investigarne le forme e comprenderne le funzioni, riflettendo sulla contraddizione insita tra la predilezione dell’autore per la tragedia e la feroce aggressione a cui è sottoposta. I principali strumenti di analisi utilizzati saranno uno studio ravvicinato dei testi, il costante riferimento alle talvolta contraddittorie indicazioni di poetica da parte dell’autore, alle fonti teoriche da lui conosciute e ad alcuni capisaldi dello studio critico dei generi letterari.Dallo studio emergeranno due funzioni principali della parodia. In primo luogo la sua capacità di disinnescare le modalità di ricezione legate a un testo già conosciuto, in modo da consentire nuovamente allo spettatore una partecipazione emotiva altrimenti compromessa. In secondo luogo, l’emergere di una diversa condizione tragica, estranea a i personaggi delle opere originali, ma più attuale poiché sentita come tipica dell’uomo contemporaneo: il sentimento di apatia sofferto da chi crede di vivere in un mondo insensato è costretto ad attendere una fine che non arriva mai.
      PubDate: 2016-12-04
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Scomporre la folla: la caricatura letteraria dalle Physiologies francesi
           alle Fisiologie collodiane

    • Authors: Pina Paone
      Abstract: Il presente saggio vuole mettere a fuoco un particolare genere letterario nato nella Francia di metà Ottocento: le Physiologies. Si chiariranno innanzitutto le diverse fasi di diffusione del genere: in un primo momento con la Physiologie du gout di Brillat-Savarin e la Physiologie du mariage di Balzac, poi sui petits journaux degli anni ’30, e infine con il ‘boom fisiologico’ degli anni 1840-42, in cui la struttura si standardizza in piccoli libretti con lo scopo di categorizzare la società parigina, unendo la parodia delle scienze naturali alle tecniche di descrizione caricaturale. L’ansia classificatoria mostrata da questi libretti, e in generale da tutta la “letteratura panoramica”, sarà messa in relazione con gli epocali cambiamenti socio-politici in atto nel contesto metropolitano parigino dell’epoca moderna. Infine sarà studiato il passaggio di questa moda letteraria nell’Italia di metà Ottocento, e in particolare nei giornali umoristici, con rilievi tratti soprattutto da Lo Scaramuccia e Il Lampione, importanti fogli fondati da Collodi. Sarà quindi analizzata, considerando la diversità dei contesti, la differenza tra i due modelli e la peculiarità della proposta collodiana, focalizzandosi soprattutto sulle tecniche e i procedimenti di scrittura caricaturale connesse alla complessità con cui in questo genere veniva intesa l’idea di tipo.
      PubDate: 2016-12-04
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Sade in Italia: desacralizzare l’arte. Forme della parodia
           nell’ekphrasis sadiana

    • Authors: David Matteini
      Abstract: L’articolo si propone di analizzare le forme parodiche di alcune descrizioni di opere d’arte (ekphrasis) presenti nel misconosciuto Voyage d’Italie del Marchese de Sade, resoconto di un viaggio in Italia da lui effettuato nel 1775 per sfuggire alle persecuzioni della polizia francese. Mai pubblicato fino alla metà del secondo Novecento, né tantomeno interpellato in studi specializzati, questo diario di viaggio fornisce interessanti approfondimenti riguardo molte categorie filosofiche ed estetiche che alimentavano i dibattiti dell’epoca immediatamente precedente la Rivoluzione.Dopo aver presentato una sostanziosa ma necessaria sezione sulla sparuta letteratura inerente al Voyage, il saggio prenderà in esame solo pochi passaggi dedicati alle ekphrasis “sadiane”, sufficienti però a dimostrare come la parodia e la satira fossero per l’autore le condizioni retoriche necessarie per avviare un qualsiasi discorso che mirasse a rovesciare il senso trascendentale delle opere d’arte voluto dalla tradizione estetica cristiano-neoplatonica ancora imperante nel milieu intellettuale dei grandtouristes settecenteschi. Nel farsi discepolo della più radicale corrente illuminista – lo studio prenderà come esempio il materialismo di Diderot e la filosofia del wit di Shaftesbury –  Sade offre così, nella sua opera prima, un’originale cornice discorsiva estremamente innovativa per il suo tempo e, proprio per questo, degna di ulteriori, futuri riesami.    
      PubDate: 2016-12-04
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Il fumetto italiano per adulti e il cinema: forme e funzioni della parodia
           pornografica

    • Authors: Mauro Giori
      Abstract: Il saggio si propone di indagare un fenomeno come il frequente ricorso alla parodia di testi preesistenti da parte della pornografia, un fenomeno tanto notorio quanto trascurato, anche dalla recente ondata di studi su questo particolare genere. Al centro dell’indagine viene posta una forma di pornografia che in Italia, tra gli anni ’60 e gli anni ’80, ha fatto da testa di ponte alla diffusione di quella cinematografica attraverso una produzione industriale vasta quanto peculiare: quella in forma di fumetto. Tale produzione verrà analizzata in una prospettiva intermediale, ovvero nelle sue molteplici relazioni con il mondo del cinema, che vanno dall’assegnazione di volti di attori celebri ad alcuni eroi delle sue serie fino alla vera e propria parodia di interi film. Si mettono così in luce caratteri e funzioni assolti dalla parodia nell’ambito specifico della pornografia. 
      PubDate: 2016-12-02
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Rewriting the Sacred Texts from a Feminist Perspective: Angela Carter’s
           The Passion of New Eve

    • Authors: Eleonora Federici
      Abstract: Carter’s text is extremely interesting as a text type being a mixture of different literary genres, allusions to canonical texts and to popular culture. Moreover, the text is challenging from a lexical perspective. Carter’s stylistic choice is a contextually motivated choice given by her willingness to deconstruct Western myths and patriarchal ideologies on gender, race and class. Places, wastelands of this dystopic novel; it is a story of desert places, forgotten cities and dystopic spaces which remind the Bible and the New Testament.  The rewriting of sacred texts is carried on through parody and rhetorical strategies such as metaphor and metonymy.  All these elements support the persuasive technique utilized by the writer who possesses a subversive feminist potential.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Overturn the upside-down world. Stylistic implications of the
           carnivalesque traced in Giordano Bruno’s The candle-bearer

    • Authors: Giacomo Morbiato
      Abstract: The paper provides a proposal research on the thematic and linguistic contents presented on the Candelaio by means of Bakhtin's category of the Carnival. This research has a double aim. The first purpose is to identify some contradictory and highly problematic elements according to the interpretation, which is usual within the comedy genre, based on both a philosophical reading and a theatrical technique typical of the Mannerism. The other objective is to outline in its fundamental lines a hypothetical project upon the Candelaio.After a short review of the main thematic elements, the analysis of the carnivalistic aspects focuses on some dialogical and linguistic elements that are connected to the rhetoric of parody. In addition to the obscene deformation of the biblical-lyturgical statements, some of the most meaningful phenomena are given by the participants taking part in the dialogues, with their ability to lower the tone, and by the usage of the bakhtinian hybrid utterance, which is employed by the author with a dual effect. In general, the analysis, which is here summarily presented with the intention to postpone a systematic study, seems to confirm the importance of the carnivalistic code as not only a linguistic but also an imaginative device of the comedy: his dual value persists and allows not to make absolute generalization about the negativity of the depicted world.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • ‘Misrule’ and ‘Flyting’: the language of inversion in William
           Shakespeare’s The Taming of the Shrew

    • Authors: Bianca Del Villano
      Abstract: This essay aims to analyze some specific aspects of the relationship between Shakespeare’s comedic language and the popular culture of the English Renaissance, starting from the application and redefinition of Bakhtin’s interpretative paradigm of the Carnival. Though not identical to the French and European Carnival, many Medieval popular festivities in England were characterized by a similar world-upside-down logic. For example, the election of a Lord of Misrule – linked to a very popular collective festivity – was responsible for a parodic reorganization of the ‘real life’, in which the King – at least for one day – belonged to the lowest rank of the population and was given the power of mocking and ridiculing any member of the community, including the most authoritative ones.When the disintegration of the Medieval communal world reaches its highpoint in the sixteenth century, under the weight of the economy of enclosures, the new mercantilism and the move from country to city, the motif of the inversion of roles becomes central throughout the Elizabethan theater, and in particular in Shakespeare’s drama, in which it is used to problematize and re-conceptualize a world challenged by an unprecedented social mobility.Significant, in this sense, appears to be The Taming of the Shrew, in which the trope of the inversion is shaped as a 'reverse inversion', a dramatic device that reinterprets the Misrule of tradition through: 1) metatheatrical devices; 2) language games, such as flyting); 3) the questioning of social and gender roles. This paper focuses specifically on these aspects of the play. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • The grotesque satire of Michail Bulgakov’s ‘povesti’: Russia tragic
           carnivalization in the Twenties

    • Authors: Cheti Traini
      Abstract: At the end of 1921 Mikhail Bulgakov, a young doctor from Kiev with literary expectations, finally moved to Moscow. The capital of the new Soviet world is entering into the Nep’s years, featured by the figure of a new social climber, the nepman. Moscow and the entire Russia are changing, by staging a kind of huge Carnival of which Bulgakov chooses to portrait its contradictory and paradoxal nature throughout the instruments of a grotesque satire. The writer intends to represent the relativity and absurdity of situations that cross the threshold of reality to penetrate the world of paradox and absurd, where mistaken identities, amazing discoveries and unlikely experiments may be read as dethronizations of inauthentic heroes, unmasking of false myths, tragi-comic teasing of the authoritarian word.This paper analyses three examples of the bulgakovian satire in the ‘povesti’ D’javoliada,  Rokovye jajca e Sobač’e serdce and, with the aid of Bachtin’s interpretations, it suggests a new reading of the three writings and an insight into the reasons for the choice of the satirical genre in the whole literary work of the writer.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Annalisa Izzo, Telos. Il finale nel romanzo
           dell’Ottocento

    • Authors: Renato Marvaso
      Abstract: Review of the book Telos. Il finale nel romanzo dell’Ottocento by Annalisa Izzo
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Un grottesco carnevale sul mare: rivisitazioni novecentesche della "nave
           dei folli" (da Conrad a Fellini)

    • Authors: Paolo Lago
      Abstract: Questo saggio si propone di analizzare, per mezzo di un’analisi comparata, la sopravvivenza dei tratti grotteschi e degli elementi carnevaleschi studiati da Michail Bachtin nella rappresentazione di nuove “navi dei folli” in alcuni romanzi e film del Novecento.  Le navi raccontate da Joseph Conrad e Louis-Ferdinand Céline  (in Typhoon, 1902, in The Shadow-Line, 1917 e in Voyage au bout de la nuit, 1932) sono cariche di corpi segnati dalla malattia e dal disfacimento, rappresentati come grottesche maschere di carnevale, che ritroviamo anche sulla “nave morta”, destinata al naufragio, nell’omonimo romanzo di B. Traven (The Death Ship, 1926). Nel racconto lungo Un viaggio terribile (Un viaje terrible, 1941) di Roberto Arlt e nel romanzo La nave dei folli (Ship of Fools, 1962) di Katherine Anne Porter, la nave dei folli è un microcosmo metaforico nel quale si rispecchia carnevalescamente l’intera umanità. Federico Fellini, invece, sembra recuperare soprattutto i tratti grotteschi e ‘carnevaleschi’ nella rappresentazione del corpo: pensiamo ai personaggi imbarcati sulla nave di Lica nel Fellini-Satyricon (1969) o a quelli di E la nave va (1983). La sopravvivenza della nave dei folli, nel Novecento, è perciò segnata da un costante rimando al grottesco e al carnevalesco analizzato da Bachtin.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • «Che mi dici, vergogna di tutti gli uomini e gli dèi?». Il monologo al
           proprio membro dal Satyricon al Fellini Satyricon

    • Authors: Emanuele Canzaniello
      Abstract: Questo lavoro muove dal puntuale riferimento al frammento 132, 8-16 del Satyricon antico, porzione di testo che mette in scena un disinvolto e superbo monologo al proprio membro, presa in giro di ogni impasse sessuale, calco parodico dell’Odissea. Se ne precisa la peculiare posizione all’interno della scala delle temperatura della parodia. Il focus del saggio è poi rivolto alla riscrittura e alla rilettura messa in opera filmica nel Fellini Satyricon (1969). Vengono prese in esame le varianti e le tecniche messe a punto per tradurre quello stesso grado di parodia, se ne indagano le continuità e le perdite calcolabili nella mutazione e nel mutamento del mezzo espressivo. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • La «ridicola poesia»: modelli della satira europea in epoca
           moderna

    • Authors: Antonio Gargano
      Abstract: Prendendo a campione tre testi famosi, accomunati da significative costanti morfologiche e tematiche (Ariosto per il Cinquecento italiano, Góngora per il Seicento spagnolo, Mandeville per il Settecento inglese), il contributo mira a fornire un quadro tipologico-comparativo del «genere europeo» della satira in versi. Non soltanto il bersaglio si modifica a seconda delle condizioni storico-sociali – basti pensare alla distanza che separa la corte estense dall’«alveare» sociale della Londra sbeffeggiata nella Favola delle api – , ma si trasforma anche l’«immagine dell’io» offerta dai diversi autori; e soprattutto mutano gli stili adoperati, in uno spettro di variazioni che va dall’argomentazione ampia degli ariosteschi capitoli in terzina alle sferzanti agudezas gongorine.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • L'oscena flatulenza della realtà - Cinico tv: un'analisi
           ideologica

    • Authors: Giacomo Tinelli
      Abstract:  I cortometraggi di Cinico TV di Daniele Ciprì e Franco Maresco, girati per lo più nel corso degli anni '90 a Palermo, mettono in scena una comicità opaca. C'è chi li considera degli attentati alla moralità, una messa alla berlina di personaggi indifesi, uno sberleffo alla povertà e alla sofferenza. Tuttavia, se pure fanno di povertà e sofferenza le protagoniste sconvolte delle proprie immagini, esse sono rese inautenticamente melodrammatiche a tal punto che si possono considerare come una parodia radicale della rappresentazione kitsch della televisione.Come funzionano i meccanismi parodistici e ironici nell'epoca dell'umorismo, cioè un tempo in cui l'ironia e l'understatement sono diventati una componente fondamentale non solo delle rappresentazioni ideologiche dei media ma anche delle relazioni nella società “decontratta” dell'ipermodernità? È un'accusa fondata quella dell'immoralità di rappresentare una parodia del disagio mentale, della povertà e della miseria montando una finzione a partire proprio da quei personaggi che ne sono non l'espressione, ma la realtà vivente e, si suppone, inconsapevole?Attraverso l'analisi di caratteri formali, come il dispositivo interpellativo dell'intervista e l'uso espressionistico dell'immagine, e incrociando il ragionamento con la critica alla società dell'ideologia umoristica di Slavoj Zizek, cercheremo di rispondere a tali domande. Se è condivisibile l'impressione che l'ironia (e le varie figure del distacco rispetto al discorso) sia una delle forme dell'ideologia contemporanea, allora quale tipo di comicità si manifesta nelle opere di Ciprì e Maresco?  
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Il riso come antidoto al “pericolo roseo” nella narrativa
           della Marchesa Colombi

    • Authors: Mariangela Tartaglione
      Abstract: L’attivazione trasversale e persistente di meccanismi di svalutazione e di contenimento dell’ironia e dell’umorismo femminili, specie sul piano della rappresentazione letteraria, ha innescato fino a tempi recenti dinamiche di esclusione e/o di inclusione gerarchizzata nel sistema culturale dei prodotti letterari umoristici per mano femminile. Il contributo intende lasciar riemergere, dalla «galassia sommersa» (Arslan) della scrittura di autrici italiane, il romanzo Matrimonio in provincia (1885) della Marchesa Colombi, proprio alla luce della sua fondante qualità umoristica, così rara nella narrativa italiana femminile, soprattutto in una tranche storica (gli anni 80 dell’Ottocento) che vede le scrittrici, tra tocchi decadenti e realisti, dipingere per lo più universi narrativi oppressi da sistemi di valori patriarcali, nei confronti dei quali le blande forme di resistenza messe in atto dalle protagoniste si declinano in atti suicidi o in una grama rassegnazione a un destino non desiderato. Al contrario, il guizzo leggero eppure mordace della scrittura della Marchesa, la sua risata cruda e amara, ironica e perturbante, che aggredisce la realtà e ne provoca il suo grottesco rovesciamento, scatenano alterazioni così significativamente trasgressive del sistema narrativo canonico da sconquassare i clichés della letteratura rosa tradizionale e da mettere, così, in discussione la rappresentazione simbolica e materiale delle donne nell’immaginario collettivo di un’epoca. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Spazi cinematografici e letterari di Black Humour: The Lobster di Yorgos
           Lanthimos e Satin Island di Tom McCarthy

    • Authors: Vincenzo Maggitti
      Abstract: Il saggio ruota intorno a due diverse forme di umorismo nero nella cinematografia e nella letteratura contemporanee. Partendo da una recente riflessione sull’intervento di Jonathan Coe su cosa ne sia oggi dell’umorismo, vengono discusse due opere – il film The Lobster  e il romanzo Satin Island – che rileggono il mondo attuale attraverso la lente umoristica, nell’accezione più scura e corrosiva di atteggiamenti ecologicamente corretti.Il film di Lanthimos ripristina la caccia come modalità universale di rapporto uomo-animale, mentre il romanzo di Tom McCarthy ribalta la responsabilità del danno ambientale in meritevole atto ecologico. Nella chiave di lettura dell’autore del saggio l’umorismo riprende la svolta antropologica che ne caratterizza la funzione più straniante.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Ilaria Tani (ed.), Paesaggi metropolitani. Teorie, modelli,
           percorsi

    • Authors: Marco Mondino
      Abstract: Le città sono state a lungo descritte, studiate, raccontate, analizzate e le scienze umane e sociali hanno da sempre svolto un ruolo importante in questo processo. La diversità di sguardi e metodologie adottate hanno fatto della città non solo un oggetto da analizzare ma anche un’occasione per le discipline tradizionali di confrontare e ridefinire i propri strumenti concettuali. Il volume Paesaggi metropolitani, curato da Ilaria Tani e uscito nella collana Quodlibet Studio, si propone a questo proposito di raccogliere esperienze di ricerca legate allo studio dei processi urbani offrendo traiettorie e attraversamenti tra le teorie, i metodi e i modelli. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Ricordo di Remo Ceserani

    • Authors: Giulio Iacoli
      Abstract: Delle varie sequenze che tornano alla mente, di un ventennio in cui ho frequentato Remo Ceserani dapprima come allievo (giunse all’Università di Bologna nel 1997, e due anni dopo fui il suo primo laureato, in quella sede: potei dunque beneficiare di lunghe conversazioni, quantomeno agli inizi, con lui, all’epoca in via di acclimatamento, relativamente sgombro da impegni accademici pressanti) e poi in qualità di amico, trascelgo, o forse si impongono, due immagini recenti.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Meccanismi iperparodici dalla narrazione al cinema: La panne di
           Dürrenmatt fra Ettore Scola e Alberto Sordi

    • Authors: Antonio Rosario Daniele
      Abstract: La panne. Una storia ancora possibile di Friedrich Dürrenmatt ruota attorno alla parodia della giustizia. Il tema fu portato sul grande schermo da Ettore Scola con La più bella serata della mia vita (1972). Si sottolineerà la disposizione a superare la parodia a carattere narrativo e ambientale con elementi parodici strettamente legati alla maschera sordiana: nonostante lo sforzo operato dall’attore romano, da una regia sintatticamente avveduta e dalla curata sceneggiatura di Sergio Amidei, emergerà l’attitudine di Sordi a caricare l’interpretazione di toni topicamente “propri”. Lo strato ironico del drammaturgo svizzero subisce nel film di Scola una sovrapposizione del senso umoristico fino all’iperparodia, contenuta nella successione dei luoghi comuni della personale commedia sordiana.         Il film di Scola si pone come “punto focale” di una linea artistico-semantica cominciata con L’autostrada del sole, terzo episodio di Thrilling (1965) girato da Carlo Lizzani, e chiusa con L’ingorgo. Una storia impossibile di Comencini (1979), tratto da Cortazar, anche in questo caso con Alberto Sordi protagonista: la “panne” di Dürrenmatt aveva avuto un antecedente nel segmento di Lizzani dove già prefigurava le storture del “giudizio” e della “condanna”, e avrà il suo culmine nel film di Comencini, dove un intero tratto autostradale è in sosta forzata.
        
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Michela Graziani – Salomè Vuelta García (eds.), Studi linguistici e
           letterari tra Italia e mondo iberico in età moderna

    • Authors: Paolo Caboni
      Abstract: Gli intensi rapporti che hanno caratterizzato la storia della penisola iberica e italiana durante l’epoca moderna sono stati oggetto di un numero cospicuo di studi (monografie, opere collettanee, articoli). Tuttavia, benché possa apparire come un topico ormai logoro, non sarà di troppo affermare che ancora tanti siano gli argomenti da approfondire, le connessioni da rintracciare, le metodologie da rinnovare.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Sara Colaone – Lucia Quaquarelli (eds.), Bande à part. Graphic novel,
           fumetto e letteratura

    • Authors: Claudia Cao
      Abstract: Se il graphic novel sia una mera etichetta merceologica, la fase “adulta” del fumetto o un genere a sé, è una delle questioni più dibattute intorno a questa produzione per tanti aspetti ancora à part nel panorama degli studi critici, in particolar modo italiano. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Jonathan Culler, Theory of the Lyric

    • Authors: Corrado Confalonieri
      Abstract: «Se si deve giudicare da varie pubblicazioni recenti, lo spirito dei tempi non sembra che soffi nella direzione della critica formalista e, per così dire, intrinseca»: si apriva così, nel 1973, un saggio tra i più memorabili di Paul de Man, quel “Semiologia e retorica” che avrebbe poi occupato la posizione iniziale nel volume Allegorie della lettura del 1979 (tradotto in italiano da Eduardo Saccone per Einaudi nel 1997).
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Stefano Manferlotti (ed.), La malattia come metafora nelle letterature
           dell’occidente

    • Authors: Massimo Fusillo
      Abstract: L’«enciclopedia dei morti» descritta da Danilo Kiš nel racconto omonimo raccoglie le vite degli uomini che dopo la Rivoluzione francese non hanno lasciato traccia di sé, e condensa così l’idea dell’arte come memoria integrale e democratica, richiamando alla mente le struggenti installazioni fotografiche di Christian Boltanski e i suoi archivi utopistici.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Maria Rizzarelli, Una terra che è solo visione. La poesia di Pasolini tra
           cinema e pittura

    • Authors: Paolo Lago
      Abstract: La contaminazione tra scrittura e visione, la «natura anfibologica» tra parola e immagine, secondo una definizione dello stesso autore, risulta fondamentale nell’intera opera letteraria di Pier Paolo Pasolini.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Florian Mussgnug – Matthew Reza, The Good Place. Comparative
           Perspectives on Utopia. Proceedings of Synapsis: European School of
           Comparative Studies XI

    • Authors: Irina Marchesini
      Abstract: Il volume The Good Place. Comparative Perspectives on Utopia (2014), curato da Florian Mussgnug e da Matthew Reza e dedicato alla memoria di Paolo Zanotti (1971-2012), ospita gli atti dell’undicesima edizione della summer school europea di studi comparati “Synapsis”.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Maria Arpaia – Angela Albanese – Carla Russo (eds.), L’oralità
           sulla scena. Adattamenti e transcodificazioni dal racconto orale al
           linguaggio del teatro

    • Authors: Martina Treu
      Abstract: Martina Treu è ricercatore di lingua e Letteratura Greca e docente di Arti e Drammaturgia del Mondo Classico all’Università IULM (MILANO). È membro del gruppo di ricerca internazionale Imagines Project e del Centro di ricerca interdipartimentale multimediale sul teatro antico (CRIMTA) dell’università degli studi di Pavia. Ha collaborato a varie drammaturgie con diversi registi italiani, anche come Dramaturg e consulente per l’adattamento di drammi classici per la scena. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Paola Di Gennaro, Wandering through Guilt. The Cain Archetype in the
           Twentieth-Century Novel

    • Authors: Saverio Vita
      Abstract: I temi della colpa e dell’esilio, del vagabondaggio sono condivisi non solo nell’ambito limitato della cultura occidentale. Paola Di Gennaro lo dimostra, insieme a molti altri aspetti rilevanti, in questo suo libro che vuole analizzare l’attore archetipico dei due temi: Caino.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Rire et compassion

    • Authors: Thomas Pavel
      Abstract: L’article passe d’abord en revue plusieurs types de rire dans la littérature, dont le rire fondé sur le mépris des défauts humains, élément essentiel de la comédie classique; le rire fou, véritable explosion d’énergie comique, spécialité de Rabelais; le rire gracieux de la pastorale et de la comédie élégante; et le rire complice des clowns qui contournent les obstacles.  À ces genres de rire, il faut ajouter le rire compatissant, lequel, à partir du 19e siècle, allie la mise en évidence de défauts ridicules des personnages avec une certaine sympathie pour leur humanité.  L’essor de l’égalité de principe entre les êtres humains, trait spécifique des temps récents, rend possible ce type d’humour qui modère le mépris et le rejet de nos semblables au nom de la compassion et de la pitié.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • The Rocky Horror (Picture) Show: parodia camp del gotico tra Mary Shelley,
           J. B. Priestley e James Whale

    • Authors: Armando Rotondi
      Abstract: Lo spettacolo teatrale The Rocky Horror Show (1973) di Richard O’Brien e, successivamente, l’adattamento cinematografico The Rocky Horror Picture Show (1975) di Jim Sharman possono essere considerate due pietre miliari del musical. Per temi e struttura, essi rappresentano la massima espressione della rivoluzione sessuale che va a cavalli tra gli anni '60 e '70 ed emblema del movimento di libertà sessuale. Il successo del musical risiede nella presa in giro degli stereotipi del gotico sia letterario che cinematografico, creando una enorme, irriverente parodia. Se il riferimento più evidente è il Frankenstein di Mary Shelley e la versione cinematografica di James Whale, meno analizzato è il rapporto con Benighted (1927) by John B. Priestley e la pellicola The Old Dark House (1932) sempre di Whale e adattata dal romanzo di Priestley. Proprio questa risulta, infatti, vera fonte di ispirazione per il lavoro di O’Brien, piuttosto che il Frankestein. Il contributo analizzerà questo rapporto, focalizzando la sua attenzione sugli elementi della “liturgia del Rocky Horror Show”, sui riferimenti in parodia e proponendo una visione dell’opera di O’Brien come una meta-aprodia.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • ‘Commedie’ di Dante: riscritture parodiche nella letteratura
           illustrata contemporanea

    • Authors: Vincenzo Salerno
      Abstract: La Commedia di Dante Alighieri, più di ogni altra opera nella letteratura contemporanea, ha offerto esempi di riscritture parodiche che – a voler ancora usare le parole di Genette – testimoniano, per il tramite dello spostamento del contesto, la nascita di una “nuova creazione”. In particolare, la materia dantesca delle tre Cantiche spesso e bene si è prestata a riscritture ‘mimotestuali’ – prevalentemente riconducibili al “regime ludico” delle parodie di genere del graphic novel e della letteratura per l’infanzia – col corredo iconografico di tavole illustrate, di disegni, di vignette e di fumetti.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Estetica del pastiche e intermedialità: «Povera piccina»

    • Authors: Massimo Fusillo
      Abstract: Il pastiche non appartiene esclusivamente all’universo del comico e dell’umorismo: talvolta può essere un esercizio di pura riscrittura o di contaminazione linguistica, del tutto neutro. Non c’è dubbio però che la sua tonalità dominante sia scherzosa, con tutte le varianti possibili, dal riso aggressivo all’ironia più sottile. Partiremo dunque dalla definizione teorica del pastiche, spesso contrapposta a quella di parodia, per poi indagare come questa forma sia particolarmente adatta alle nuove configurazioni testuali del mondo contemporaneo, e in particolare alla sua dimensione intermediale; e concluderemo con l’analisi di un pastiche intermediale poco noto, riscrittura camp del cinema classico.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • «Quando il testo si spoglia e si riveste». Giancarlo Mazzacurati
           commentatore di classici della narrativa italiana

    • Authors: Antonio Saccone
      Abstract: Giancarlo Mazzacurati non c’è più da vent’anni. Ma per quanto ci abbia lasciato troppo presto, l’“effetto Mazzacurati” si era ormai innescato. Negli ultimi anni lo studioso ha assegnato un posto di decisivo privilegio alla pratica del commento, anche in linea con i suoi interessi di comparatista e di contemporaneista, facendone il punto di forza della premura interpretativa, rigorosamente corredata della necessaria attrezzatura filologica, rispettosa dell’alterità storica e semantica del testo, sempre, tuttavia, disponibile a ricavarne valori per il presente. In questo contributo mi soffermerò, in particolare, su due testi commentati da Mazzacurati nella prima metà degli anni Novanta, dunque pochi anni prima della sua morte, Mastro-don Gesualdo e Il fu Mattia Pascal, edito il primo nel 1992, il secondo l’anno successivo.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • La lettera scritta prima. Parodia e silenzio, da Totò a Shakespeare

    • Authors: Rocco Coronato
      Abstract: L'articolo esamina dapprima i riferimenti parodici a Shakespeare nel cinema di Totò e i rimandi alla romanizzazione del Bardo in epoca fascista e alla sua trasposizione in parola stentorea e ingombrante di cui farsi beffe. L'eccesso della parola viene poi accomunato al suo apparente contrario, il silenzio improvviso dell'uomo colpito dalla bellezza della donna, secondo un tema accostato spesso in Tot proprio all'eccesso della parola. Tramite un paragone con questa tematica in Shakespeare e nel Rinascimento, emerge una somiglianza più forte del rimando parodico. La maschera del silenzio esprime lo sgomento di fronte alla donna, duplice memoria sia della carnalità invitante sia scaramanticamente della conclusione della vita.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • L'antieroe dai mille volti. La migrazione di un dispositivo narrativo
           dalla letteratura alla serialità televisiva

    • Authors: Andrea Bernardelli
      Abstract: Il saggio intende affrontare la definizione del concetto di antieroe e comprenderne la funzione narrativa. Il concetto di antieroe sembra infatti svolgere una funzione centrale come strumento di sovversione delle strutture e dei generi narrativi. Partendo da una tipologia dell’antieroe e da alcune sue esemplificazioni letterarie vengono passate in rassegna le numerose migrazioni del dispositivo narrativo in differenti forme espressive (teatro, letteratura, cinema) fino a  giungere al suo uso più recente nelle serie televisive.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Giuseppe Pontiggia e la parodia: Vite di uomini non
           illustri


    • Authors: Cristina Nesi
      Abstract: «Tutto, in natura, ha un'essenza lirica, un destino tragico, un'esistenza comica», è l'esergo di Santayana scelto da Giuseppe Pontiggia per Vite di uomini non illustri (1993), parodia di un Dizionario biografico. Lo scrittore racconta diciotto esistenze con proteiformi modalità parodiche, che spaziano dalla comicità alla serietà, dai toni leggeri alla destabilizzazione del genere letterario. Una delle diciotto storie, Una goccia nell’oceano divino, verrà liberamente riutilizzata da Mario Monicelli in Facciamo paradiso.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Virginia Woolf a scuola di ibridismo: Laurence Sterne e lo sbeffeggiamento
           delle frontiere di genere

    • Authors: Paolo Bugliani
      Abstract: Il contributo vuole presentare i pronunciamenti critici di Virginia Woolf a proposito di Laurence Sterne, accostando i due autori in una visione comparativa che sottolinei quegli aspetti della ‘poetica’ woolfiana che furono maggiormente influenzati dall’umorista augusteo: nello specifico il rapporto Vita-Letteratura da una parte, e l’idea di una Poesia che trascenda i limiti imposti dai domini tradizionali di verso e prosa. Per dimostrare questa fruttuosa filiazione teorica sono stati presi in esame i saggi in cui Woolf tratta esplicitamente dell’opera di Laurence Sterne, in aggiunta ad altri interventi critici e/o diaristici in cui la scrittrice sviluppa le suggestioni metaletterarie suscitate dall’esempio sterniano. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Simulazione e svelamento nelle prefazioni di Giovanni Rajberti

    • Authors: Alberta Fasano
      Abstract: L'influenza di Sterne sulla letteratura italiana della prima metà dell'Ottocento ha seguito direttrici diverse e spesso sotterranee a partire dalla capitale traduzione di Foscolo del Sentimental journey fino alle riflessioni sull'umorismo di Strafforello e Castiglia. Nella Milano del 1837 fece il suo debutto letterario il Medico-Poeta, autore ironico e satirico, la cui prosa si caratterizzò per una marcata propensione allo sperimentalismo d'impronta sterniana. È nelle prefazioni, o meglio nel "sistema di prefazioni", che Giovanni Rajberti dimostrò di aver appieno assorbito la lezione sterniana instaurando un continuo dialogo con il lettore al cui sguardo la struttura del testo si manifesta nella sua artificiosità così come artificiale e fantasmagorica si svela la maschera dell'autore.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Anche le donne leggevano Sterne: Neera e le Novelle gaje

    • Authors: Mariella Muscariello
      Abstract: Lo scopo di questo intervento è quello di aggiungere un tassello significativo alla frastagliata storia dell' "effetto Sterne" nella letteratura italiana tra Otto e Novecento, dimostrando, attraverso la lettura delle Novelle Gaje (1879) di Neera , che l'umorismo non fu appannaggio della sola penna maschile.     Partendo dall'esplicita ammissione di un'ammirazione incondizionata per Il viaggio sentimentale di Sterne che Neera consegnò alle sue memorie, Una giovinezza del secolo XIX, si è avviata un'analisi formale  delle tredici novelle della raccolta cercando di  evidenziare la presenza in esse di strategie strutturali, linguistiche e contenutistiche afferenti ai paradigmi dell'umorismo.     Le novelle sono costruite su intrecci 'serpentini', disposti ad accogliere flashback, ellissi, divagazioni, inserti metanarrativi, appelli al lettore che collaborano alla costruzione di una temporalità bislacca e aggrovigliata; i narratori sono "portatori di sentimenti", al pari di Yorick, attratti dal "minuto" e "dalle piccole cose", sempre benevolmente disposti verso i loro personaggi. Ma mentre Sterne ironizzava sulla letteratura di viaggio che invadeva massicciamente il mercato librario del '700, Neera sottopone a divertita satira l'abusato sentimentalismo della letteratura "rosa" che, inneggiando alle passioni effimere, discredita la concretezza del matrimonio che, insieme alla maternità, fu, per la scrittrice milanese, il  valore assolutizzante dell'identità femminile.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Effetti Sterne nelle Novelas de la nebulosa di Ramón Gómez
           de la Serna

    • Authors: Gennaro Schiano
      Abstract: Tra le tessere composite della produzione dell’autore madrileno Ramón Gómez de la Serna (1888-1963) il ciclo delle Novelas de la nebulosa, scritte tra il 1922 e il 1947, è di certo la testimonianza più raffinata e matura di una sperimentazione che discute costantemente con la letteratura europea del tempo. È nelle trame labirintiche di questi romanzi che ritroviamo il repertorio di tagli, allunghi, sospensioni e riprese, di aperture e chiusure di sipari, che fa di Don Ramón un chiaro adepto dei «gran burattinai» della «linea autoriale umoristica». Anche per la Spagna della ‘edad de plata’ (1898-1936) gli immaginari dell’umorismo letterario riemergono dal rifiuto dei codici ottocenteschi di rappresentazione della realtà: il romanzo torna a ragionare per serpentine con narrazioni digressive e introspettive, e stranianti mescidanze tra comico e tragico, mostrando l’asfissia della letteratura che racconta ormai nient’altro che se stessa. Il contributo si propone di sondare, tra le pagine de El novelista di Gómez de la Serna, alcune delle caratteristiche identificative dell’umorismo letterario, dall’autobiografismo alla scrittura in progress e al gioco combinatorio tra realtà e finzione. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Alan Sillitoe e l’Universo Capovolto della Letteratura Trash

    • Authors: Gabriella Assante di Panzillo
      Abstract: Nel Regno Unito la narrativa proletaria si pose sin dal principio come sottocultura in antagonismo con le forme espressive dell’egemonia letteraria. Nonostante la transitoria popolarità riscossa dalla slum fiction nel secondo dopoguerra, lo scrittore working class non godette mai dello stesso status concesso ai narratori che furono ritenuti capaci di onorare i criteri del canone. La loro marginalità finì col confondersi con quella di altre minoranze. La forte identità culturale, un tempo da essi vantata, fu progressivamente erosa dall’emergere di nuove e più audaci forme letterarie che spinsero lo scrittore proletario sempre più lontano dalla torre d’avorio della letteratura di alto profilo.Questo saggio propone una lettura Bachtiniana di Life Goes On, un romanzo picaresco pubblicato da Alan Sillitoe nel 1985, al fine di mostrare come l’universo carnevalesco dell’opera, in cui trovano spazio un manipolo di grotteschi scrittori trash, rappresenti, attraverso la profanazione del decoro letterario, una fugace sospensione della parola conforme, la liberazione dal limite, dal criterio selettivo che stabilisce la linea di confine tra l’arte canonica e quella che se ne discosta.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Parodia-riuso e parodia-riso: tre casi esemplari di contraffazione nel
           teatro musicale

    • Authors: Elisabetta Fava
      Abstract: In ambito musicale il termine parodia indica prima di tutto il riutilizzo di temi preesistenti o di intere composizioni tra il XV e il XVIII secolo: riutilizzo che esclude ogni intento caricaturale, né implica necessariamente il riconoscimento dell'oggetto stesso della parodia.L'intervento si concentra sull'altro significato del termine: ossia la parodia come citazione o deformazione ironica di uno stile o di un tema. Questo secondo ricorso alla parodia, entrato in uso nella seconda metà del XVIII secolo, presuppone che l'ascoltatore colga il riferimento e ne identifichi quindi la fonte: ricorre di frequente nel teatro musicale, specie nell'opera buffa. Tre esempi significativi al riguardo si trovano nel Barbiere di Bagdad di Cornelius (parodia del belcanto), nel Falstaff di Verdi (parodia della liturgia), nel Midsummer Night's Dream di Britten (parodia sulla parodia). L'analisi di queste partiture, condotta tenendo conto del fondamentale saggio di Genette Palimpsestes, si propone di mostrare il meccanismo della parodia musicale e di individuarne alcune differenti tipologie.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Umorismo e distopia: il riso entropico in Saramago e Ballard

    • Authors: Lucia Claudia Fiorella
      Abstract: Se le maggiori distopie del Novecento sono tetri incubi d’ordine, d’implacabili meccanismi repressivi nelle mani di oligarchie dispotiche, la fine del secolo, e ancor più l’inizio del Ventunesimo, vedono il prevalere di apocalittiche visioni di entropia politico-sociale e collasso morale, capaci di portare non solo a un’assurda sofferenza universale, ma finanche all’estinzione della stessa vita sul pianeta. Colpisce come al mutare della forma si accompagni anche un cambiamento di tono, con l’affiorare di un umorismo nero che tradisce il senso di impotenza di fronte a un deragliamento che pare connaturato all’essere umano, e che sul piano della retorica si esprime (anche) nel recupero ironico di modalità di narrazione anacronistiche e in parodie serie di testi fondativi della cultura occidentale. L’articolo esplora, confronta e discute le diverse strategie retoriche e umoristiche impiegate da José Saramago in Ensaio sobre a  cegueira (1995) e J.G. Ballard in High Rise (1975) per ritrarre scene ugualmente deprimenti di regressione alla barbarie, mettendo in evidenza la natura profondamente divergente della loro prospettiva.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Parodie dell’hard-boiled nel romanzo postmoderno: Triste, solitario y
           final di Osvaldo Soriano

    • Authors: Simona Micali
      Abstract: L’intervento presenta una veloce rassegna delle modalità di riscrittura del genere hard-boiled nel romanzo postmoderno, concentrando l’attenzione principalmente sulle riscritture parodiche. Nella seconda parte, viene esaminato il romanzo di Osvaldo Soriano Triste, solitario y final (1973), che è al tempo stesso (nelle categorie proposte da Gérard Genette) una parodia, una continuazione e un antiromanzo rispetto al suo modello, il ciclo di romanzi  di Raymond Chandler su Philip Marlowe.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Pornografie senza sesso: le parodie dell’osceno nelle webserie

    • Authors: Mirko Lino
      Abstract: Il mio contributo prende in considerazione una tipologia di contenuto “pornografizzato”, ovvero che fa riferimento al mondo del porno, declinato in un formato mediale webnativo, la webserie. Lo scopo è quello di osservare la costruzione parodica del discorso pornografico tradizionale attraverso i canali comunicativi ed espressivi della Rete, con attenzione agli orizzonti estetici e rappresentativi a cui conduce l’impostazione retorica del modello originale parodiato. Nelle webserie prese in considerazione, soprattutto alcuni episodi di James Gunn’s Pg Porn (2008), ci si soffermerà principalmente sulla costruzione parodica delle retoriche tradizionali del porno e della rappresentazione dell’oscenità. La diffusione di porno parodie nelle forme mediali webnative ribadisce ulteriormente lo sfondamento nella sfera pubblica e in altri ambiti culturali di un codice che fa dell’osceno il suo elemento centrale, dando così forma a testualità autoreferenziali, in cui è possibile leggervi in filigrana l’urgenza rappresentativa di una nuova sensibilità “soft”, che Peter Lehman, ad esempio, ha suggerito di pensare come “pornografia non genitale” (2011).
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • La controverità delle madri: la ballata «à la manière de Villon» tra
           Sanguineti e Pasolini

    • Authors: Gian Luca Picconi
      Abstract: L’obiettivo del presente studio è mostrare che, all’inizio degli anni Sessanta, la poesia italiana, mediante due suoi protagonisti, Sanguineti e Pasolini, si apre a modalità comiche. Infatti, Tra le molteplici riprese metriche del Novecento, la ballata mutuata da Villon dà vita a un episodio curioso: nel 1961, Sanguineti pubblica una Ballata delle controverità, parodia villoniana, e Pasolini scrive la Ballata delle madri, testo satirico dedicato alle madri dei giornalisti che lo perseguitano, ricavata da uno schema metrico del poeta francese. Attraverso una indagine di tipo storicistico, si tenta di mostrare che l’apertura verso modalità comiche è determinata, in gran parte, dall’influenza di Brecht, che aveva usato testi di Villon nella sua Opera da tre soldi. L’indagine ha consentito di rilevare che questi tentativi di scrittura comica in versi, realizzati nel caso di Sanguineti in chiave parodica e nel caso di Pasolini in chiave satirica, hanno determinato, come forma di bilanciamento al comico, l’adozione di forme chiuse.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • L’abominevole favola del progresso. I mostri di Juan Rodolfo Wilcock,
           tra comicità e orrore

    • Authors: Katia Trifiro'
      Abstract: Il presente contributo intende esplorare le strategie di demistificazione grottesca impiegate da Juan Rodolfo Wilcock per ritrarre l’impasse culturale della società italiana degli anni Sessanta, catapultata nella vacua frenesia di un improvviso benessere. Attraverso il suo «ridente sguardo cadaverico», come lo definisce Pasolini, la seduzione effimera del miracolo economico e, soprattutto, le sue disfunzioni, assumono le sembianze di una funerea profezia sociale, alimentata dal potere corrosivo e destabilizzante della satira. In particolare, sarà indagata la categoria dei mostri, cui l’autore italo-argentino fa sistematicamente ricorso allestendo, sia nei racconti che a teatro, una galleria di tipi umani e sub-umani esilarante e, al contempo, tragica. In questo sottobosco urbano, popolato da strambi personaggi e creature zoomorfe, i clamori luccicanti e le malie del progresso si degradano in formule stereotipe e oscene fiabe, trasmesse dagli schermi televisivi ad una massa senza miti, certificando la diagnosi lancinante di un disagio profondo. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Ironia o persuasione? La scelta di Emmanuel Carrère nel
           Regno

    • Authors: Alessandro Cinquegrani
      Abstract: Scopo dell’articolo è indagare il rapporto tra ironia e persuasione all’interno dell’opera di Emmanuel Carrère con particolare riferimento a L’avversario e Il Regno, che risultano profondamente legati.
      Lo studio dimostra che Carrère e Michelstaedter, pur non avendo legami diretti, utilizzano parole assai simili per esprimere il loro pensiero, e questo giustifica il ricorso all’autore triestino come supporto teorico e filosofico per l’analisi dei libri dello scrittore francese. Attraverso un confronto serrato coi testi e un numero consistente di citazioni si analizza in particolare: 1. Il passaggio dalla fiction alla non fiction; 2. Il rapporto, non lineare, tra questi due aspetti e quelli che Michelstaedter chiamava persuasione e rettorica; 3. Il rapporto oppositivo tra ironia e persuasione (con riferimento alle definizioni di Bergson e Pirandello); 4. La persistenza dell’ironia e della retorica nel Regno che vengono contraddette da un finale tutto volto verso la persuasione.
      I risultati raggiunti dimostrano che Il Regno conclude un percorso aperto con L’avversario e un’intera stagione nella produzione di Carrère caratterizzata dal ricorso all’ironia e allo scetticismo. Nel finale del suo ultimo libro, il francese sceglie di sacrificare la propria identità di scrittore e intellettuale scettico per abbracciare quella di uomo persuaso.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Exultemur et laetemur. Riscritture inglesi e angloamericane della storia
           di Cristo

    • Authors: Paola Di Gennaro
      Abstract: Il genere romanzo ha potuto esplorare, con le sue possibilità specifiche, i dinamici spostamenti di senso e le aspettative che la figura di Cristo, un “personaggio” strettamente codificato dai Vangeli, ha di volta in volta ispirato in contesti diversi. Il punto di partenza è l’esame di costanti e varianti nella rappresentazione della figura di Gesù nel discorso sviluppatosi in un arco di tempo che va dagli ultimi decenni dell’Ottocento sino alla fine del secolo scorso (Renan, Wallace, Papini, Mauriac, D. H. Lawrence, Moore, Graves, Kazantzakis, Artaud, Moorcock, Bulgakov, Endō, Saramago), riscritture che hanno reinterpretato i dati storici e religiosi per trasformarli in qualcos’altro: epitome, metafora, correlativo oggettivo, capro espiatorio.L’intento è qui quello di prendere in esame alcuni testi letterari e film anglo-americani degli ultimi decenni, che hanno fatto dell’ironia o dell’esplicito riso gli strumenti per riscrivere in maniera eterodossa, ma solo apparentemente blasfema, la vita di Gesù, tra Vangeli canonici e apocrifi, rendendola materia nuova, ipostasi euforica e vitale, dopo l’anticristo nietzschiano, dopo che la sua figura è diventata, nell’Ottocento, hegeliana (Strauss), proto-comunista (Sauriac e Lynn Linton), positivista (Renan). In particolare, si prenderanno in esame i due romanzi The Gospel According to Biff, Christ’s Childhood Pal (2002), di Christopher Moore, e The Second Coming (2011) di John Niven, e si farà riferimento ai classici del cinema di genere, Life of Brian (1979) dei Monty Python, e Dogma (1999), diretto da Kevin Smith. In queste opere degli anni duemila Cristo è ancora un personaggio che deve compiere, in un modo o nell’altro, il suo destino; questi testi rappresentano vere e proprie theological fictions, costruzioni complesse che mirano a disegnarsi, in un modo efficace, una via di salvezza tranquillizzante, un paradiso su misura. 
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Modeste Proposte Metafisiche. Manganelli alle prese con la satira

    • Authors: Arianna Marelli
      Abstract: Il contributo affronta la concezione di «satira metafisica» di Giorgio Manganelli, tanto nella teorizzazione poetica d’autore (che passa attraverso il confronto col modello di Jonathan Swift), quanto alla prova di esempi concreti della sua scrittura. In particolare, tra i materiali (editi postumi) del laboratorio manganelliano (le poesie, come un abbozzo di trattatello) è un tema specifico a risultare pervasivo: la satira della divinità. L’irrisione di un dio – a cui non si crede, ma che si continua a temere – si concreta qui in una figura ben precisa: il dio cannibale, la cui ferocia al di sotto della maschera grottesca svela tutta la violenza insita, per l’autore, nell’ insopportabile destino umano.  
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Per «amore dell’Uomo e in lode di Dio»: onanismo e religiosità sotto
           la lente dell’eroicomico nel giovane Dylan Thomas

    • Authors: Alfredo Palomba
      Abstract: Entrambi gli ambiti del religioso e del corporale nella poesia di Dylan Thomas, soprattutto nelle liriche della prima raccolta, 18 Poems (1934), sono legati a doppio filo e suggeriscono quasi una ‘religiosità del corpo’, in linea con una dichiarazione del poeta ad apertura dei Collected Poems (1953): si tratta di poesie scritte «per amore dell’Uomo»[1], di una spiritualità che vede la propria scaturigine profonda nella carne, per così dire nel midollo delle cose, «e in lode di Dio»[2], quel Dio e quel Cristo che con l’Uomo sono un tutt’uno, e che nulla di sacro avrebbero se non fossero considerati nella loro granitica terrenità, come comunione di corpo, animalità e terra. Il Signore, il Salvatore, perfino il diavolo, sono sempre presenti come simboli, metafore: «whether praised or dismissed, – scrive W. Y. Tindall – God and Christ are always around in Thomas’ poetry […] as metaphors for nature, poet, and their creative powers»[3]. Nella poesia My hero bares his nerves (Scopre i nervi il mio eroe) le due sfere cooperano sotto una lente cupamente ironica; il giovane Thomas, appena ventenne quando uscì 18 Poems, descrive l’atto masturbatorio con toni perentori ed eroicomici (l’«eroe» è appunto identificato con il membro maschile) ricollegandolo a molti dei temi della sua prima poetica: il peccato, il sesso, la fertilità, lo scrivere poesia, qui sarcasticamente associato all’onanismo. Mistica e blasfema è l’evocazione conclusiva di Cristo, «imperatore della brama»[4] crocifisso in mezzo ai due ladroni, nell’allusione all’orgasmo come tensione massima prima della morte che fa avvizzire il corpo. Solo l’acqua – un’acqua dello scarico, beffardamente di cisterna – potrà, come il Giordano, lavare via il peccato del poeta e lenire il sacrificio del Salvatore. [1] D. Thomas, Poesie e racconti, Torino, Einaudi, 1996, p. XX.[2] Ibid.[3] W. Y. Tindall, A Reader’s Guide to Dylan Thomas (1962), New York, Syracuse University Press, 1996, p. 8.[4] D. Thomas, Poesie e racconti, cit. p. 21.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • L’ironia funzionale di Mark Twain: rileggere e contestualizzare The
           Private Life of Adam and Eve

    • Authors: Carolina Pernigo
      Abstract: Composti tra il 1893 e il 1905, i Diari di Adamo ed Eva rappresentano per Mark Twain l’occasione di ritornare su un tema che lo aveva già in precedenza affascinato, per mettersi alla prova in un divertissement letterario colto e virtuosistico, per porre le tecniche dell’ironia e i principali topoi comici sulla differenza di genere al servizio di una rilettura/riscrittura del libro della Genesi. L’opera, che si pone sulla linea di confine tra la parodia e il travestimento burlesco di genettiana memoria, dimostra la profonda conoscenza dell’autore del materiale biblico, che viene pertanto ripreso e sovvertito con piena consapevolezza. Passi delle Scritture perfettamente identificabili sono prestati ad una riflessione solo apparentemente superficiale sulla dialettica maschile/femminile, che mira a mettere in evidenza le differenze laddove nell’ipertesto biblico si sottolineavano piuttosto le analogie. Una lettura puntuale dei Diari può aiutare a smascherare le strategie attraverso cui l’autore conduce il suo gioco, fino ad una morale conclusiva che – pur configurandosi di primo acchito come sostanzialmente laica – sottolinea in realtà il passaggio ad una nuova forma di religiosità, non più vetero ma neotestamentaria.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Claudio Giunta, Cuori intelligenti. Mille anni di
           letteratura

    • Authors: Emanuela Bandini
      Abstract: Cuori intelligenti, il manuale curato da Claudio Giunta per Garzanti De Agostini Scuola, mira a un obiettivo ambizioso: «non a formare giovani specialisti di Petrarca, o di Ariosto, o di Montale, ma a far crescere gli studenti sia dal punto di vista emotivo sia dal punto di vista intellettuale» [...]
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Maria Serena Sapegno (ed.), La differenza insegna. La didattica delle
           discipline in una prospettiva di genere

    • Authors: Giulio Iacoli
      Abstract: A fronte dell’innegabile difficoltà di porre in relazione fra loro gli stili dell’accademia e, propri dell’insegnante, quelli della riflessione piana e pragmatica sul proprio agire didattico, il lavoro curato da Maria Serena Sapegno mostra una patente chiarezza d’intenti, una palpabile e produttiva – tutt’altro che paternalistica, dunque – attenzione alle suggestioni, ai bilanci sperimentali e alle richieste di confronto con la ricerca nonché di aggiornamento provenienti dalla scuola.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Eraldo Affinati, L’uomo del futuro

    • Authors: Cinzia Ruozzi
      Abstract: Lungo le strade che portano al priore di Barbiana, Eraldo Affinati si era incamminato molti anni fa, quando aveva scoperto la sua “vocazione” di insegnante a trecentosessanta gradi: volontario nella Città dei ragazzi, storica comunità romana che accoglie ragazzini stranieri, docente di Materie Letterarie negli Istituti Professionali, fondatore della scuola Penny Wirton dove si insegna la lingua italiana agli immigrati.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Marco Martinelli, Aristofane a Scampia. Come far amare i classici agli
           adolescenti con la non-scuola

    • Authors: Angela Albanese
      Abstract: La non-scuola di Marco Martinelli e del Teatro delle Albe di Ravenna, “esperienza teatralpedagogica” condotta con gli adolescenti, «non ha nulla a che fare con le ortodossie accademiche e non è affatto teorizzabile senza afflato poetico.
      PubDate: 2016-11-30
      Issue No: Vol. 6, No. 12 (2016)
       
  • Album di famiglia

    • Authors: Riccardo Donati
      Abstract: In un articolo del 1821 dedicato al grande satirico tedesco Jean Paul, Thomas de Quincey – il celebre autore di Confessions of an English opium-eater, libro amatissimo da Baudelaire e Poe – asseriva che «[...] in ogni atto dell'umore umoristico c'è un influsso di natura morale: raggi, diretti e rifratti, generati dalla volontà e dagli affetti, dall'indole e dal temperamento, penetrano in ogni umorismo; e da qui deriva che l'umorismo è di carattere diffusivo, pervadendo un intero corso di pensieri». Un'osservazione che mi pare consentanea al panorama tracciato da Giancarlo Alfano ne L'umorismo letterario. Una lunga storia europea, volume dove...

      Issue No: Vol. 6, No. 12
       
 
 
JournalTOCs
School of Mathematical and Computer Sciences
Heriot-Watt University
Edinburgh, EH14 4AS, UK
Email: journaltocs@hw.ac.uk
Tel: +00 44 (0)131 4513762
Fax: +00 44 (0)131 4513327
 
Home (Search)
Subjects A-Z
Publishers A-Z
Customise
APIs
Your IP address: 54.162.234.109
 
About JournalTOCs
API
Help
News (blog, publications)
JournalTOCs on Twitter   JournalTOCs on Facebook

JournalTOCs © 2009-2016