for Journals by Title or ISSN
for Articles by Keywords
help
  Subjects -> MEDICAL SCIENCES (Total: 8080 journals)
    - ALLERGOLOGY AND IMMUNOLOGY (205 journals)
    - ANAESTHESIOLOGY (113 journals)
    - CARDIOVASCULAR DISEASES (324 journals)
    - CHIROPRACTIC, HOMEOPATHY, OSTEOPATHY (21 journals)
    - COMMUNICABLE DISEASES, EPIDEMIOLOGY (219 journals)
    - DENTISTRY (277 journals)
    - DERMATOLOGY AND VENEREOLOGY (160 journals)
    - EMERGENCY AND INTENSIVE CRITICAL CARE (115 journals)
    - ENDOCRINOLOGY (143 journals)
    - FORENSIC SCIENCES (40 journals)
    - GASTROENTEROLOGY AND HEPATOLOGY (177 journals)
    - GERONTOLOGY AND GERIATRICS (131 journals)
    - HEMATOLOGY (149 journals)
    - HYPNOSIS (4 journals)
    - INTERNAL MEDICINE (158 journals)
    - LABORATORY AND EXPERIMENTAL MEDICINE (96 journals)
    - MEDICAL GENETICS (59 journals)
    - MEDICAL SCIENCES (2150 journals)
    - NURSES AND NURSING (340 journals)
    - OBSTETRICS AND GYNECOLOGY (194 journals)
    - ONCOLOGY (370 journals)
    - OPHTHALMOLOGY AND OPTOMETRY (131 journals)
    - ORTHOPEDICS AND TRAUMATOLOGY (161 journals)
    - OTORHINOLARYNGOLOGY (81 journals)
    - PATHOLOGY (98 journals)
    - PEDIATRICS (263 journals)
    - PHYSICAL MEDICINE AND REHABILITATION (151 journals)
    - PSYCHIATRY AND NEUROLOGY (793 journals)
    - RADIOLOGY AND NUCLEAR MEDICINE (186 journals)
    - RESPIRATORY DISEASES (100 journals)
    - RHEUMATOLOGY (71 journals)
    - SPORTS MEDICINE (74 journals)
    - SURGERY (380 journals)
    - UROLOGY, NEPHROLOGY AND ANDROLOGY (146 journals)

MEDICAL SCIENCES (2150 journals)                  1 2 3 4 5 6 7 8 | Last

Showing 1 - 200 of 3562 Journals sorted alphabetically
16 de Abril     Open Access  
3D Printing in Medicine     Open Access   (Followers: 2)
AADE in Practice     Hybrid Journal   (Followers: 5)
ABCS Health Sciences     Open Access   (Followers: 4)
Abia State University Medical Students' Association Journal     Full-text available via subscription  
ACS Medicinal Chemistry Letters     Hybrid Journal   (Followers: 45)
Acta Bio Medica     Full-text available via subscription   (Followers: 2)
Acta Bioethica     Open Access  
Acta Bioquimica Clinica Latinoamericana     Open Access   (Followers: 1)
Acta Científica Estudiantil     Open Access  
Acta Facultatis Medicae Naissensis     Open Access  
Acta Informatica Medica     Open Access   (Followers: 1)
Acta Medica (Hradec Králové)     Open Access  
Acta Medica Bulgarica     Open Access  
Acta Medica Colombiana     Open Access   (Followers: 1)
Acta Médica Costarricense     Open Access   (Followers: 2)
Acta Medica Indonesiana     Open Access  
Acta Medica International     Open Access  
Acta medica Lituanica     Open Access  
Acta Medica Marisiensis     Open Access  
Acta Medica Martiniana     Open Access  
Acta Medica Nagasakiensia     Open Access   (Followers: 1)
Acta Medica Peruana     Open Access   (Followers: 2)
Acta Médica Portuguesa     Open Access  
Acta Medica Saliniana     Open Access  
Acta Scientiarum. Health Sciences     Open Access   (Followers: 1)
Acupuncture & Electro-Therapeutics Research     Full-text available via subscription   (Followers: 6)
Acupuncture and Natural Medicine     Open Access  
Addiction Science & Clinical Practice     Open Access   (Followers: 8)
Addictive Behaviors Reports     Open Access   (Followers: 9)
Adıyaman Üniversitesi Sağlık Bilimleri Dergisi / Health Sciences Journal of Adıyaman University     Open Access  
Adnan Menderes Üniversitesi Sağlık Bilimleri Fakültesi Dergisi     Open Access  
Advanced Biomedical Research     Open Access  
Advanced Health Care Technologies     Open Access   (Followers: 4)
Advanced Science, Engineering and Medicine     Partially Free   (Followers: 8)
Advances in Bioscience and Clinical Medicine     Open Access   (Followers: 6)
Advances in Clinical Chemistry     Full-text available via subscription   (Followers: 26)
Advances in Life Course Research     Hybrid Journal   (Followers: 8)
Advances in Lipobiology     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Advances in Medical Education and Practice     Open Access   (Followers: 29)
Advances in Medical Ethics     Open Access  
Advances in Medical Research     Open Access  
Advances in Medical Sciences     Hybrid Journal   (Followers: 7)
Advances in Medicinal Chemistry     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Advances in Medicine     Open Access   (Followers: 3)
Advances in Microbial Physiology     Full-text available via subscription   (Followers: 4)
Advances in Molecular Oncology     Open Access   (Followers: 2)
Advances in Molecular Toxicology     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
Advances in Parkinson's Disease     Open Access  
Advances in Phytomedicine     Full-text available via subscription  
Advances in Preventive Medicine     Open Access   (Followers: 6)
Advances in Protein Chemistry and Structural Biology     Full-text available via subscription   (Followers: 20)
Advances in Regenerative Medicine     Open Access   (Followers: 3)
Advances in Skeletal Muscle Function Assessment     Open Access  
Advances in Therapy     Hybrid Journal   (Followers: 5)
Advances in Veterinary Science and Comparative Medicine     Full-text available via subscription   (Followers: 15)
Advances in Virus Research     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Advances in Wound Care     Hybrid Journal   (Followers: 11)
Aerospace Medicine and Human Performance     Full-text available via subscription   (Followers: 12)
African Health Sciences     Open Access   (Followers: 3)
African Journal of Biomedical Research     Open Access   (Followers: 1)
African Journal of Clinical and Experimental Microbiology     Open Access   (Followers: 2)
African Journal of Laboratory Medicine     Open Access   (Followers: 2)
African Journal of Medical and Health Sciences     Open Access   (Followers: 2)
African Journal of Trauma     Open Access   (Followers: 1)
Afrimedic Journal     Open Access   (Followers: 2)
Aggiornamenti CIO     Hybrid Journal   (Followers: 1)
AIDS Research and Human Retroviruses     Hybrid Journal   (Followers: 9)
AJOB Primary Research     Partially Free   (Followers: 3)
AJSP: Reviews & Reports     Hybrid Journal  
Aktuelle Ernährungsmedizin     Hybrid Journal   (Followers: 4)
Al-Azhar Assiut Medical Journal     Open Access  
Alexandria Journal of Medicine     Open Access   (Followers: 1)
Allgemeine Homöopathische Zeitung     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Alpha Omegan     Full-text available via subscription  
ALTEX : Alternatives to Animal Experimentation     Open Access   (Followers: 3)
Althea Medical Journal     Open Access  
American Journal of Biomedical Engineering     Open Access   (Followers: 13)
American Journal of Biomedical Research     Open Access   (Followers: 2)
American Journal of Biomedicine     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
American Journal of Chinese Medicine, The     Hybrid Journal   (Followers: 4)
American Journal of Clinical Medicine Research     Open Access   (Followers: 7)
American Journal of Family Therapy     Hybrid Journal   (Followers: 11)
American Journal of Law & Medicine     Full-text available via subscription   (Followers: 11)
American Journal of Lifestyle Medicine     Hybrid Journal   (Followers: 5)
American Journal of Managed Care     Full-text available via subscription   (Followers: 11)
American Journal of Medical Case Reports     Open Access   (Followers: 1)
American Journal of Medical Sciences and Medicine     Open Access   (Followers: 4)
American Journal of Medicine     Hybrid Journal   (Followers: 48)
American Journal of Medicine and Medical Sciences     Open Access   (Followers: 1)
American Journal of Medicine Studies     Open Access   (Followers: 1)
American Journal of Medicine Supplements     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
American Journal of the Medical Sciences     Hybrid Journal   (Followers: 12)
American Journal on Addictions     Hybrid Journal   (Followers: 9)
American medical news     Free   (Followers: 3)
American Medical Writers Association Journal     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Amyloid: The Journal of Protein Folding Disorders     Hybrid Journal   (Followers: 5)
Anales de la Facultad de Medicina     Open Access  
Anales de la Facultad de Medicina, Universidad de la República, Uruguay     Open Access  
Anales del Sistema Sanitario de Navarra     Open Access   (Followers: 1)
Analgesia & Resuscitation : Current Research     Hybrid Journal   (Followers: 6)
Anatolian Clinic the Journal of Medical Sciences     Open Access  
Anatomica Medical Journal     Open Access  
Anatomical Science International     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Anatomical Sciences Education     Hybrid Journal   (Followers: 1)
Anatomy     Open Access   (Followers: 2)
Anatomy Research International     Open Access   (Followers: 3)
Angewandte Schmerztherapie und Palliativmedizin     Hybrid Journal  
Angiogenesis     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Ankara Medical Journal     Open Access   (Followers: 2)
Ankara Üniversitesi Tıp Fakültesi Mecmuası     Open Access  
Annales de Pathologie     Full-text available via subscription  
Annales des Sciences de la Santé     Open Access  
Annales françaises d'Oto-rhino-laryngologie et de Pathologie Cervico-faciale     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Annals of African Medicine     Open Access   (Followers: 2)
Annals of Anatomy - Anatomischer Anzeiger     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Annals of Bioanthropology     Open Access   (Followers: 4)
Annals of Biomedical Engineering     Hybrid Journal   (Followers: 17)
Annals of Biomedical Sciences     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Annals of Clinical Hypertension     Open Access  
Annals of Clinical Microbiology and Antimicrobials     Open Access   (Followers: 12)
Annals of Family Medicine     Open Access   (Followers: 14)
Annals of Health Research     Open Access  
Annals of Ibadan Postgraduate Medicine     Open Access  
Annals of Medical and Health Sciences Research     Open Access   (Followers: 7)
Annals of Medicine     Hybrid Journal   (Followers: 12)
Annals of Medicine and Surgery     Open Access   (Followers: 7)
Annals of Microbiology     Hybrid Journal   (Followers: 11)
Annals of Nigerian Medicine     Open Access   (Followers: 1)
Annals of Rehabilitation Medicine     Open Access  
Annals of Saudi Medicine     Open Access  
Annals of the New York Academy of Sciences     Hybrid Journal   (Followers: 5)
Annals of The Royal College of Surgeons of England     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Annual Reports in Medicinal Chemistry     Full-text available via subscription   (Followers: 7)
Annual Reports on NMR Spectroscopy     Full-text available via subscription   (Followers: 5)
Annual Review of Medicine     Full-text available via subscription   (Followers: 17)
Anthropological Review     Open Access   (Followers: 23)
Anthropologie et santé     Open Access   (Followers: 5)
Antibiotics     Open Access   (Followers: 9)
Antibodies     Open Access   (Followers: 2)
Antibody Technology Journal     Open Access   (Followers: 1)
Antibody Therapeutics     Open Access  
Anuradhapura Medical Journal     Open Access  
Anwer Khan Modern Medical College Journal     Open Access   (Followers: 2)
Apmis     Hybrid Journal   (Followers: 1)
Apparence(s)     Open Access   (Followers: 1)
Applied Clinical Informatics     Hybrid Journal   (Followers: 3)
Applied Clinical Research, Clinical Trials and Regulatory Affairs     Hybrid Journal  
Applied Medical Informatics     Open Access   (Followers: 12)
Arab Journal of Nephrology and Transplantation     Open Access   (Followers: 1)
Archive of Clinical Medicine     Open Access   (Followers: 1)
Archive of Community Health     Open Access   (Followers: 1)
Archives Medical Review Journal / Arşiv Kaynak Tarama Dergisi     Open Access  
Archives of Asthma, Allergy and Immunology     Open Access  
Archives of Medical and Biomedical Research     Open Access   (Followers: 3)
Archives of Medical Laboratory Sciences     Open Access   (Followers: 1)
Archives of Medicine and Health Sciences     Open Access   (Followers: 3)
Archives of Medicine and Surgery     Open Access  
Archives of Trauma Research     Open Access   (Followers: 3)
Archivos de Medicina (Manizales)     Open Access  
ArgoSpine News & Journal     Hybrid Journal  
Arquivos Brasileiros de Oftalmologia     Open Access   (Followers: 1)
Arquivos de Ciências da Saúde     Open Access  
Arquivos de Medicina     Open Access  
Ars Medica : Revista de Ciencias Médicas     Open Access  
ARS Medica Tomitana     Open Access   (Followers: 1)
Art Therapy: Journal of the American Art Therapy Association     Full-text available via subscription   (Followers: 15)
Arterial Hypertension     Open Access   (Followers: 1)
Artificial Intelligence in Medicine     Hybrid Journal   (Followers: 14)
Artificial Organs     Hybrid Journal   (Followers: 1)
ASHA Leader     Open Access  
Asia Pacific Family Medicine     Open Access   (Followers: 1)
Asia Pacific Journal of Clinical Nutrition     Full-text available via subscription   (Followers: 11)
Asia Pacific Journal of Clinical Trials : Nervous System Diseases     Open Access  
Asian Bioethics Review     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Asian Biomedicine     Open Access   (Followers: 2)
Asian Journal of Cell Biology     Open Access   (Followers: 5)
Asian Journal of Health     Open Access   (Followers: 3)
Asian Journal of Medical and Biological Research     Open Access   (Followers: 4)
Asian Journal of Medical and Pharmaceutical Researches     Open Access   (Followers: 2)
Asian Journal of Medical Sciences     Open Access   (Followers: 2)
Asian Journal of Scientific Research     Open Access   (Followers: 3)
Asian Journal of Transfusion Science     Open Access   (Followers: 1)
Asian Medicine     Hybrid Journal   (Followers: 5)
Asian Pacific Journal of Cancer Prevention     Open Access  
ASPIRATOR : Journal of Vector-borne Disease Studies     Open Access  
Astrocyte     Open Access  
Atención Familiar     Open Access  
Atención Primaria     Open Access   (Followers: 1)
Atti della Accademia Peloritana dei Pericolanti - Classe di Scienze Medico-Biologiche     Open Access  
Audiology - Communication Research     Open Access   (Followers: 10)
Auris Nasus Larynx     Full-text available via subscription  
Australian Coeliac     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Australian Family Physician     Full-text available via subscription   (Followers: 3)
Australian Journal of Medical Science     Full-text available via subscription   (Followers: 1)
Autopsy and Case Reports     Open Access  
Avicenna     Open Access   (Followers: 3)
Avicenna Journal of Clinical Medicine     Open Access  
Avicenna Journal of Medicine     Open Access   (Followers: 1)
Bangabandhu Sheikh Mujib Medical University Journal     Open Access   (Followers: 1)

        1 2 3 4 5 6 7 8 | Last

Similar Journals
Journal Cover
Aggiornamenti CIO
Number of Followers: 1  
 
  Hybrid Journal Hybrid journal (It can contain Open Access articles)
ISSN (Online) 1970-6839
Published by Springer-Verlag Homepage  [2351 journals]
  • Le fratture monostotiche di avambraccio
    • Authors: F. Rivera
      Pages: 39 - 45
      Abstract: Sommario Il meccanismo traumatico più frequente che causa la frattura monostotica ulnare è il trauma diretto. La scelta del trattamento dipende ovviamente dal meccanismo traumatico, dal tipo di frattura, dal grado di scomposizione o comminuzione, dalle lesioni associate e dalle preferenze del paziente e dell’ortopedico. Fratture composte o con scomposizione minore del 50% del diametro della diafisi ulnare e angolazione fino a 10 gradi possono essere inizialmente trattate con immobilizzazione antibrachiale con un basso rischio di scomposizione secondaria. Fratture con una scomposizione maggiore del 50% richiedono un trattamento di tipo chirurgico. Fratture a livello del terzo distale possono provocare alterazioni dell’articolazione radio ulnare distale. In caso di trattamento conservativo di fratture stabili, esiste una debole evidenza a favore dell’immobilizzazione al di sotto del gomito nei confronti dell’immobilizzazione del gomito, in caso di frattura composta, ma ulteriori più rigorosi trial si rendono necessari per stabilire definitive linee-guida. Il trattamento chirurgico prevede l’osteosintesi con placca e viti, l’inchiodamento endomidollare con fili di Kirshner rappresenta una tecnica a minima invasività che non garantisce il controllo della rotazione dei frammenti di frattura. Per il complesso rapporto tra le due ossa dell’avambraccio, unite dalla sindesmosi e dai legamenti radio-ulnare prossimale e distale, la frattura isolata della diafisi radiale è spesso associata a una lesione legamentosa. In particolare, soprattutto per le fratture al terzo medio e al terzo distale della diafisi, un lieve accorciamento della diafisi radiale dovuto alla frattura si ripercuote sull’integrità dell’articolazione radio-ulnare distale, causando la frattura di Galeazzi. Per questo motivo è consigliabile uno studio clinico e radiologico accurato. Studi su cadavere hanno dimostrato che deviazioni fino a 10∘ di deformità angolare al terzo medio o al terzo distale della diafisi radiale non causano deficit in prono-supinazione dell’avambraccio, pertanto è possibile un trattamento conservativo delle fratture stabili minimamente scomposte. Studi su cadavere hanno dimostrato che deviazioni fino a 10∘ di deformità angolare al terzo medio o al terzo distale della diafisi radiale non causano deficit in prono-supinazione dell’avambraccio. Per quanto riguarda il trattamento chirurgico, la maggior parte degli Autori concorda sulla scelta di una placca a compressione dinamica. Il ripristino della curvatura radiale nel momento della riduzione della frattura risulta fondamentale sia nella ricostruzione della normale architettura del radio, sia della funzionalità dell’articolazione radio ulnare distale.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0010-z
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • L’utilizzo di sostituti ossei nelle pseudoartrosi e perdite di sostanza
           ossea: quali i limiti e le possibili soluzioni'
    • Authors: G. M. Calori; E. Mazza; N. Marelli; M. Colombo; S. Mazzola; E. Malagoli; C. Ripamonti
      Pages: 47 - 55
      Abstract: Sommario Introduzione L’innesto osseo autologo è stato a lungo considerato il gold standard per il ripristino dei difetti ossei. Tuttavia questa procedura si associa nel tempo allo sviluppo di un alto tasso di complicazioni senza, peraltro, garantire benefici clinici assoluti. Per questo motivo la ricerca si è concentrata negli ultimi anni sullo sviluppo di sostituti ossei alternativi (biologici e sintetici). Materiali e metodi Scopo di questo articolo di aggiornamento è quello di fornire una panoramica completa dei dati presenti in letteratura in merito ai sostituti ossei utilizzati in chirurgia ortopedica e traumatologica per la correzione dei difetti ossei. Per questo scopo abbiamo analizzato i due più importanti database disponibili: Embase e PubMed. Abbiamo incluso articoli inglesi trattanti l’argomento “sostituti ossei” che si occupassero delle proprietà strutturali, biologiche o biomeccaniche del prodotto puro e del suo utilizzo in traumatologia e chirurgia ortopedica. Risultati Tutti i materiali inclusi nell’articolo possiedono un’attività osteoconduttiva con differenti caratteristiche nei tempi di riassorbimento e proprietà biomeccaniche. Per ogni materiale sono state fornite le caratteristiche strutturali, biologiche e biomeccaniche, così come le indicazioni cliniche e chirurgiche. Le dimensioni, la localizzazione del difetto osseo e il tipo di dispositivo utilizzato sono i principali fattori da tenere in considerazione per ottenere un sostituto osseo ottimale. Conclusioni Non sono ancora presenti in letteratura studi in grado di definire come ottimale un singolo specifico sostituto; alcune questioni non sono ancora state risolte, soprattutto nei casi di difetti ossei critici in cui l’applicazione della “politerapia” (scaffold, cellule mesenchimali staminali, fattori di crescita) sembra dare risultati migliori.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0014-8
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • Lussazioni posteriori della scapolo-omerale: diagnosi e terapia
    • Authors: E. Viola; M. Rendina; F. Ciucio
      Pages: 57 - 68
      Abstract: Sommario La lussazione posteriore di spalla è una condizione clinica riscontrata raramente e spesso la formulazione diagnostica avviene in ritardo rispetto l’episodio lussante. Nel quadro della lussazione posteriore di spalla si distinguono tre diverse entità anatomopatologiche: instabilità posteriore con sublusssazione, lussazione posteriore glenomerale propria, frattura dell’estremo prossimale di omero con lussazione posteriore del segmento omerale prossimale. La lesione di McLaughlin, da sola o associata ad altre, è l’elemento identificativo fondamentale del capitolo della lussazione posteriore di spalla. Tale lesione è prodotta dall’impatto della glena sulla testa omerale, che perde parte della sua convessità. Numerosi Autori, nel tentativo di fornire linee guida precise sul trattamento di tale lesione, hanno elaborato diverse stadiazioni della lesione di McLaughlin, senza tuttavia pervenire al raggiungimento di una classificazione univocamente condivisa. L’approccio diagnostico e la stadiazione della lesione, oltre che della clinica, si basano su esami strumentali quali RX, TC, RM e artroRM. Il trattamento della lussazione posteriore di spalla, cruento o incruento, differisce in base ad alcune variabili oltre all’aspetto strumentale (eziologia, cronologia dell’evento, presenza e tipo della lesione di McLaughlin, lesioni associate, condizioni generali del paziente) e anche sotto questo aspetto non si è ancora riusciti ad ottenere delle linee guida universalmente approvate.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0015-7
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • Il trattamento delle fratture vertebrali con tecnica percutanea
    • Authors: F. Cuzzocrea; R. Vanelli; M. Ghiara; D. Cecconi; F. Benazzo
      Pages: 69 - 74
      Abstract: Sommario Introduzione Negli ultimi quindici anni il trattamento percutaneo delle fratture vertebrali ha trovato diffusione in chirurgia vertebrale grazie ai vantaggi offerti da questo sistema di fissazione rispetto al trattamento a cielo aperto e a quello conservativo con riduzione delle complicanze post-operatorie e del periodo di allettamento del paziente. Pazienti e metodi La casistica è costituita da 22 pazienti con un’età media di 61 anni e con un follow-up medio di 30 mesi. Le fratture vertebrali trattate sono state 24 e la sede più colpita è stata il passaggio dorso-lombare. Le scale di valutazione impiegate sono state la VAS e la Oswestry, mentre l’angolo di cifosi è stato calcolato con il metodo di Cobb. Risultati Clinicamente i pazienti sono migliorati in modo progressivo sia come dolore sia come riduzione della disabilità; il grado di correzione medio della cifosi post-operatoria è stato di 8,1° per diminuire a 5,6° ai 12 mesi. Discussione La fissazione percutanea si è dimostrata essere un affidabile strumento chirurgico che permette la guarigione clinica e radiografica delle fratture vertebrali. Può essere inoltre utilizzata come metodica di terapia del dolore in caso di metastasi vertebrali.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0003-y
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • Il trattamento chirurgico delle lussazioni acromion claveari
    • Authors: F. Bove; G. Strigini; A. Castelli
      Pages: 75 - 78
      Abstract: Sommario Le lussazioni acromionclaveari sono lesioni che necessitano di un trattamento chirurgico solo in una quota ristretta dei pazienti interessati. Qualora sia necessario intervenire chirurgicamente la scelta del trattamento è resa difficile dal grande numero di tecniche descritte in letteratura e dalle peculiarità del distretto anatomico che devono essere valutate caso per caso al fine di porre la giusta indicazione e ottenere l’obbiettivo di una fissazione stabile in modo da garantire un completo recupero funzionale al paziente. Gli autori presentano una revisione delle indicazioni fornite dalla letteratura più recente anche alla luce della loro esperienza clinica diretta.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0004-x
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • Il ruolo delle megaprotesi nel trattamento delle gravi perdite di sostanza
           ossee
    • Authors: G. M. Calori; M. Colombo; C. Ripamonti; E. Malagoli; E. Mazza; P. Fadigati; M. Bucci
      Pages: 79 - 86
      Abstract: Sommario Introduzione Lo sviluppo di nuove megaprotesi per il trattamento di grandi difetti ossei ha offerto importanti opportunità ai chirurghi ortopedici oncologi per la sostituzione di grandi segmenti scheletrici, come le ossa lunghe degli arti superiori e inferiori e le relative articolazioni. La nostra esperienza clinica nel trattamento di pseudoartrosi e grave perdita di tessuto osseo ci ha portato, a volte, a confrontarci con la realtà di alcuni fallimenti chirurgici dopo tentativi infruttuosi di ricostruzione. Di fronte a certe situazioni cliniche o radiologiche drastiche abbiamo voluto applicare i principi della Camera Biologica in associazione con soluzioni di sostituzione megaprostesica. Abbiamo impiantato megaprostesi sia con tecnica a 1 o 2 step (precedentemente trattati con spaziatore antibiotato) a seconda delle condizioni del paziente. Lo scopo di questo studio è quello di valutare retrospettivamente i risultati clinici e radiologici in pazienti sottoposti a megaprotesizzazione di arto inferiore e di registrare le complicanze. Materiali e metodi In totale, abbiamo trattato 32 pazienti con megaprostesi mono e bi-articolare così suddivisi: femore prossimale, femore distale, tibia prossimale, femore totale. Il follow-up medio dei pazienti è di circa 18 mesi (5 anni max, min 3 mesi) con rivalutazioni radiografiche e cliniche seriate con metodi standard (raggi X a 45 giorni, 3–6–12–18–24 mesi) come pure il monitoraggio dei parametri ematici di infiammazione per almeno 2 mesi. Risultati Nonostante il follow-up medio non sia molto lungo, i primi pazienti hanno ormai raggiunto cinque anni di monitoraggio e in tutti i casi abbiamo avuto incoraggianti risultati clinici con buona articolarità dei segmenti, senza defict somato-sensoriali o motori e recupero funzionale accettabile. Durante l’intervento chirurgico e, ancor più, nella pianificazione pre-operatoria, si dovrebbe dare molta attenzione alla valutazione dell’apparato estensore preservandolo e, quando necessario, rinforzandolo con sostituti tendinei. Discussione Le megaprostesi in fallimenti traumatici e nella revisione protesica possono quindi essere considerate, in casi estremi, opportunamente selezionati, come soluzione a disposizione del chirurgo ortopedico' In chirurgia oncologica l’opportunità di ridonare una funzione, anche se non ad integrum, al paziente è certamente un elemento di grande fascino per il chirurgo e un’opportunità per il paziente. Purtroppo, l’alta mortalità associata a queste patologie non ci consente di avere un follow-up a lungo termine. Questo crea quindi una mancanza di certezza sulla sopravvivenza di questo tipo di protesi e le complicanze che possono verificarsi a medio e lungo termine. Tuttavia, i pazienti da noi trattati devono essere considerati alla stregua di un paziente oncologico, non a causa della malattia, ma per le limitate opzioni terapeutiche disponibili. Conclusioni Possiamo considerare le megaprotesi come una preziosa opportunità per ripristinare la funzionalità per i pazienti che sono, loro malgrado, costretti ad affrontare malattie altamente invalidanti.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0013-9
      Issue No: Vol. 19, No. 2 (2013)
       
  • Osteosintesi percutanea con chiodini elastici nelle fratture
           dell’epifisi prossimale di omero nell’anziano
    • Authors: D. Vittore; M. Filipponi; M. Dilonardo; G. Caizzi; G. Solarino; B. Moretti
      Pages: 1 - 7
      Abstract: Sommario Le fratture dell’estremo prossimale di omero sono relativamente frequenti e rappresentano il 4–6% di tutte le fratture, con una maggiore prevalenza nella popolazione anziana (infatti, il 75% del totale coinvolgono pazienti over-50). Il loro trattamento continua a essere oggetto di discussione, non solo nella scelta tra l’approccio incruento (che può condurre a buoni risultati con rischi moderati) e quello cruento, ma soprattutto nella selezione di un metodo chirurgico piuttosto che un altro fra i tanti proposti. In una moderna ottica di cura, volta ad assicurare un’adeguata qualità di vita durante il trattamento e un rapido reinserimento sociale del paziente traumatizzato, i limiti del trattamento conservativo non possono essere ignorati e, negli anni, si è consolidato un indirizzo sempre più decisamente chirurgico nel trattamento delle fratture. Questo studio nasce dall’esigenza di conciliare, nel trattamento di queste fratture, il miglior recupero funzionale (data la complessa struttura anatomica dell’articolazione “spalla”), con la minore incidenza di complicanze relative non solo all’intervento chirurgico e al periodo di degenza ospedaliera, ma anche alle sequele psicologiche che il trauma e il trattamento stesso possono avere sui pazienti più spesso interessati da questa lesione ovvero i pazienti anziani. Riportiamo i risultati di 33 pazienti (20 donne e 13 uomini con età media di 76 anni) con fratture dell’epifisi prossimale di omero ottenuti con l’utilizzo dell’osteosintesi elastica con chiodini di Galluccio. Al follow-up a 12 mesi abbiamo ottenuto complessivamente un buon recupero funzionale con un valore medio di Constant score di 80,9. La sintesi elastica con chiodi di Galluccio può quindi essere considerata una valida alternativa alle metodiche classiche esistenti e una tecnica elettiva nelle fratture di epifisi prossimale di omero nel soggetto anziano.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0007-7
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Trattamento delle lussazioni di gomito: stato dell’arte
    • Authors: R. Varsalona; S. Caruso
      Pages: 9 - 11
      Abstract: Sommario Le lussazioni di gomito risultano essere un’evenienza ortopedica da trattare in urgenza. Scopo del nostro lavoro è stato quello di analizzare le lesioni dal punto di vista anatomico e biomeccanico. Dopo un’attenta analisi della letteratura abbiamo valutato i vari tipi di trattamento. Anche se spesso quest’ultimo risulta essere incruento, un’accurata diagnosi delle lesioni associate, che spesso passano misconosciute, può indirizzarci verso un trattamento chirurgico. Questo tipo di lesioni non sono scevre di complicanze e la riabilitazione precoce è il punto di partenza per una ripresa efficace.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0005-9
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Le fratture diafisarie di femore in età pediatrica
    • Authors: M. Mosconi; F. Pelillo; V. Caretti; P. Costa; V. Peschiera; F. Benazzo
      Pages: 13 - 18
      Abstract: Sommario Uno dei principali fattori che condizionano la scelta del trattamento delle fratture diafisarie di femore in età pediatrica è proprio l’età. Le fratture dei bambini sotto i sei anni vengono trattate incruentamente con trazione e confezione di apparecchio gessato. Pazienti di età superiore necessitano invece di trattamento chirurgico. Tra il 2003 e il 2012 abbiamo trattato 30 pazienti, 17 di età inferiore ai sei anni e 13 di età superiore. I pazienti del primo gruppo sono stati trattati con apparecchio gessato. I pazienti più grandi sono stati trattati chirurgicamente con inchiodamento endomidollare elastico, chiodi endomidollari bloccati o placca e viti. In nessun caso si sono verificate complicanze che richiedessero ulteriori trattamenti.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0006-8
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Interventi di chirurgia della mano: studio di efficacia
           dell’applicazione di una nuova modalità di erogazione assistenziale.
           Chirurgia ambulatoriale a bassa complessità
    • Authors: P. Navone; M. Nobile; F. Uboldi; M. Colombo; G. M. Calori
      Pages: 19 - 22
      Abstract: Sommario Presso la UO di Micro-Chirurgia della Mano dell’ A.O. G. Pini di Milano vengono eseguiti interventi di chirurgia ambulatoriale a bassa complessità, pertanto è stata scelta come UO pilota per la sperimentazione di un Percorso Diagnostico Terapeutico (PDT) relativo a tali interventi che rispondesse alla direttive di legge e che permettesse di migliorare il servizio offerto. Dal 2011 al 2012 sono stati raccolti i dati relativi a 102 pazienti sottoposti a interventi BOCA e monitorati una serie di indicatori. Nella maggioranza dei casi i pazienti sono stati classificati con punteggio ASA 1–2 (98%), hanno avuto un periodo di osservazione postoperatoria inferiore alle 24 h (95%), hanno riferito una riduzione costante del dolore nei giorni post intervento (VAS alla dimissione <o uguale a 4). In 9 casi si sono riscontrate complicanze post-chirurgiche. La totalità dei pazienti ha valutato positivamente tale percorso di cura. I risultati ottenuti sono stati utilizzati per migliorare ulteriormente l’attività.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0012-x
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Le fratture di clavicola: trattamento conservativo vs trattamento
           chirurgico
    • Authors: L. Monti; G. Pedrotti Dell’Acqua; R. Accetta
      Pages: 23 - 27
      Abstract: Sommario Le fratture di clavicola sono state per anni trattate incruentemente con buoni risultati clinico-funzionali; l’avvento delle nuove placche anatomiche self-locking ha portato alcuni Autori a rivedere l’algoritmo terapeutico, preferendo il trattamento chirugico in pazienti selezionati. Abbiamo arruolato, in un periodo di tempo di 2 anni, 78 fratture di clavicola così divise: un gruppo di 38 pazienti è stato sottoposto a sintesi con placca conformata anatomica mentre 40 sono stati trattati conservativamente mediante bendaggio “a otto”. Tutti i pazienti sono stati valutati clinicamente e radiograficamente a 1–3–6–12 mesi dal trauma. Dai risultati ottenuti è emerso che il trattamento chirurgico e quello conservativo presentano risultati clinici e funzionali sovrapponibili a un anno dal trauma. La ripresa funzionale e la ripresa dell’attività sportiva sono state più precoci nel gruppo dei pazienti chirurgici. La grande soddisfazione dei pazienti per il rapido e poco doloroso recupero funzionale ci porta a preferire la sintesi rigida al tratamento conservativo.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0009-5
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Fratture di ginocchio: generalità
    • Authors: A. Barbato; R. M. Facchini
      Pages: 29 - 31
      Abstract: Sommario Le fratture di ginocchio possono essere classificate in base alla sede anatomica, al meccanismo traumatico e all’età del paziente. In particolare, quest’ultimo è un fattore rilevante per l’inquadramento e il trattamento della frattura, nonché un indicatore delle possibili complicanze. Infatti, le fratture in età infantile non sono sovrapponibili a quelle dell’adulto o dell’anziano. La tipologia di frattura più frequente nel bambino è il distacco condro-epifisario e la sua rilevanza clinica risiede nella delicatezza della cartilagine di accrescimento che, quando compromessa, può portare a difetti di crescita e a deviazioni assiali. L’anziano invece si differenzia dall’adulto per un tessuto osseo più fragile e, di conseguenza, per un maggior rischio di frattura. Tale rischio è aumentato anche in conseguenza a un impaccio motorio e a una limitazione dell’autonomia funzionale dovuti all’artrosi che incrementano a loro volta il rischio di caduta e quindi di frattura. Inoltre nell’anziano, dato l’importante aumento negli ultimi decenni delle indicazioni all’intervento di protesi di ginocchio, è di grande rilievo il fenomeno delle fratture periprotesiche. Il ginocchio è un’articolazione complessa e le fratture che possono interessarlo comprendono un gruppo eterogeneo di lesioni, quanto a caratteristiche epidemiologiche e a problematiche clinico-terapeutiche, che necessita di un attento inquadramento iniziale.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0011-y
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Frattura traumatica di trochine in paziente in postumi di stabilizzazione
           della spalla con tecnica letarjet: a case report
    • Authors: G. M. Calori; M. Colombo; E. Mazza; M. Bucci; P. Fadigati; E. Malagoli; S. Mazzola; R. Leo
      Pages: 33 - 37
      Abstract: Sommario Abbiamo trattato un paziente di 47 anni giunto alla nostra osservazione tramite il Servizio Traumatologico d’Urgenza del nostro Istituto con diagnosi di frattura di trochine dalla testa omerale destra in paziente sottoposto a stabilizzazione della spalla omolaterale con tecnica secondo Letarjet nel 1993. Il paziente pertanto è stato sottoposto a intervento chirurgico di osteosintesi a cielo aperto mediante ancorette. Il decorso post-operatorio è stato regolare e il recupero funzionale buono con grande soddisfazione del paziente.
      PubDate: 2013-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-013-0008-6
      Issue No: Vol. 19, No. 1 (2013)
       
  • Applicazioni iuxta-articolari della fissazione esterna: le indicazioni
    • Authors: L. Pedrotti; B. Bertani; G. Tuvo; S. Lucanto; R. Mora
      Pages: 65 - 70
      Abstract: Riassunto Le indicazioni all’impiego della fissazione esterna nel trattamento delle fratture iuxta-articolari e dei loro esiti sfavorevoli dipendono dall’azione, sul segmento scheletrico interessato, di vari fattori strettamente collegati fra loro: sistemi di fissazione, tipo di patologia, tipo di trattamento (programma pre-operatorio, operatorio, post-operatorio), paziente, team ortopedico. L’incessante sviluppo degli apparecchi di fissazione esterna circolare e delle tecniche di applicazione ha aperto nuove prospettive in questo campo. I nuovi sistemi “hexapod” (sistemi esapodalici o a sei assi) a controllo computerizzato, che permettono un’ampia possibilità di azione sui segmenti scheletrici con correzione simultanea di tutti gli spostamenti, e le attuali tecniche di applicazione degli elementi di presa sull’osso, basate su ricerche anatomiche, consentono di ottenere un miglioramento della versatilità dei fissatori, della tollerabilità dei montaggi e della qualità dei risultati.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0011-3
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • Pseudoartrosi e perdite di sostanza juxta-articolari
    • Authors: G. M. Calori; M. Bucci; P. Fadigati; E. Mazza; M. Colombo; C. Ripamonti
      Pages: 71 - 76
      Abstract: Riassunto Le pseudoartrosi (PSA) e le perdite di sostanza ossea juxta-articolari sono una rara complicanza in ortopedia e traumatologia, ma rappresentano situazioni assai impegnative dal punto di vista clinico e della scelta del trattamento. Alcuni problemi coesistenti, come l’osteoporosi, la deformità, l’atrofia dei tessuti molli, l’eventuale presenza di infezione e la possibile compromissione articolare, ne complicano ancor più l’inquadramento e la scelta terapeutica. A tal fine abbiamo sviluppato un nuovo sistema classificativo: il Non Union Scoring System (NUSS) che consente di identificare forme di PSA prognosticamente omogenee, indipendentemente dal solo sospetto radiografico, e quindi di strutturare una piu' completa ricerca clinica per ricavarne un algoritmo di cura. La scelta del trattamento di queste delicate situazioni deve prevedere quindi un approccio globale al paziente che permetta di pianificare una strategia di trattamento che consenta di ottenere una valida stabilità meccanica, di correggere eventuali deformità e di fornire un adeguato stimolo biologico, quando richiesto. In tale panorama, quale ruolo quindi possiamo attribuire alla fissazione esterna'
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0012-2
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • Paletta omerale e fissazione esterna: studio anatomico e clinico
    • Authors: M. Massobrio; P. Albanese; G. Antonietti; F. Necci
      Pages: 77 - 84
      Abstract: Riassunto è stato eseguito uno studio anatomico della paletta omerale e dei suoi rapporti con il nervo radiale e applicata la metodica chirurgica conseguente. L’epicondi — lo laterale costituisce la più sicura sede della vite distale e il repere rispetto al quale calcolare la distanza di sicurezza dal nervo. è possibile estendere l’esposizione della paletta in senso prossimale per almeno 6 cm senza interferire con il decorso del radiale. Questo impianto, privo di limitazioni articolari, può essere utilizzato anche nel trattamento delle fratture distali, evitando il fissatore a ponte o dinamico vincolato sull’ulna.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0013-1
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • Considerazioni e attuali indicazioni della fissazione esterna nei traumi
           della pelvi
    • Authors: B. Pavolini; L. Marzona; M. Aliani
      Pages: 85 - 92
      Abstract: Riassunto Il trattamento delle fratture di bacino si è evoluto negli ultimi anni da un approccio prevalentemente conservativo a un uso sempre crescente della fissazione. La fissazione esterna nelle fratture di bacino si pone obiettivi differenti in relazione alla presenza contemporanea di altre lesioni che nel complesso possono determinare un quadro di instabilità emodinamica cruciale per la sopravvivenza del paziente. In assenza di problematiche rianimatorie, le fratture di tipo B secondo Tile sono una indicazione chirurgica riconosciuta alla fissazione esterna e l’utilizzo associato di tecniche percutanee di trattamento dell’anello posteriore permette di estendersi alle fratture di tipo C. Il basso “costo biologico” per il paziente della fissazione esterna e la relativa facilità di applicazione, dopo una necessaria curva di apprendimento, sono sicuramente due dei fattori più vantaggiosi di questa metodica rispetto alle tecniche di fissazione interna. Gli Autori presentano una revisione dell’utilizzo della fissazione esterna nelle fratture di bacino e un caso clinico di particolare interesse.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0014-0
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • La fissazione esterna nelle fratture instabili del piatto tibiale
    • Authors: M. A. Catagni; F. Guerreschi; L. Lovisetti
      Pages: 93 - 98
      Abstract: Riassunto Le fratture instabili del piatto tibiale sono fratture ad alta energia che si presentano con la frequente associazione di danni spesso gravi ai tessuti molli. La sintesi interna in questi casi richiede ampie esposizioni chirurgiche e l’utilizzo di due placche con rischio di gravi complicazioni. Per ridurre l’incidenza di tali complicanze preferiamo il ricorso alla fissazione esterna associata alla riduzione cruenta con sintesi interna a minima. Dal 1992 al 2010 abbiamo trattato 86 pazienti affetti da fratture dei tipi V e VI della classificazione di Schatzker. I risultati funzionali sono stati valutati come eccellenti in 32 pazienti, buoni in 48 pazienti, accettabili in 5 pazienti e cattivi in un paziente. In conclusione, il metodo di fissazione esterna circolare combinato con la fissazione interna a minima, nelle fratture instabili del piatto tibiale, ci ha consentito di ottenere buoni o eccellenti risultati nella maggioranza dei casi.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0015-z
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • Le fratture del pilone tibiale trattate con fissatore esterno circolare
    • Authors: G. Martino; D. Santoro; E. Petruccelli; D. Aloj
      Pages: 99 - 104
      Abstract: Riassunto Il trattamento chirurgico a cielo aperto (ORIF) delle fratture del pilone tibiale è gravato da una serie di complicanze in termini di infezioni e controllo dei tessuti molli. La fissazione esterna attraverso la ligamentotassi, con o senza procedure mininvasive, rappresenta una metodica alternativa, ma che garantisce risultati funzionalmente paragonabili. Nel periodo compreso dal 2001 al 2010, presso la Divisione di Traumatologia dell’ospedale CTO di Torino, sono state trattate 90 fratture del pilone tibiale in 90 pazienti, utilizzando il fissatore esterno circolare. Il tempo medio di guarigione è stato di 26 settimane. Le complicanze avute sono state: 1 caso di infezione profonda (risolto con sequestrectomia); 20% di flogosi superficiale (risolti con terapia antibiotica orale e antinfiammatoria); 3 dei 90 pazienti hanno avuto una artrodesi. La rimozione del fissatore è avvenuta mediamente a 26 settimane. Il risultato clinico è stato buono nella maggior parte dei pazienti; non c’è stata sempre correlazione tra l’entità della riduzione e i risultati funzionali, avendo avuto buoni risultati funzionali anche in situazioni di scadente risultato radiologico.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0016-y
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
  • Le lesioni della Lisfranc: quale trattamento'
    • Authors: A. Formica; S. Pelle; L. Magistro; A. Impagliazzo
      Pages: 105 - 114
      Abstract: Riassunto Le lesioni dell’articolazione tarso-metatarsale sono note per le difficoltà di diagnosi, di trattamento e per l’elevato tasso di esiti invalidanti. Sono stati proposti diversi tipi di trattamento per queste lesioni; i dati presenti in letteratura non sono univoci nella definizione della qualità della ripresa funzionale. Scopo di questo lavoro è presentare i risultati ottenuti nella nostra esperienza, confrontandoli con quelli presenti in letteratura al fine di definire un possibile algoritmo terapeutico. Sono stati inclusi solo pazienti con fratturalussazione o lussazione pura della Lisfranc, escludendo i politraumi e i casi con concomitanti lesioni a carico dell’arto inferiore o con esposizione. In base a quanto osservato, possiamo affermare che: le lesioni della Lisfranc andrebbero trattate con una riduzione a cielo aperto seguita da sintesi interna; la riduzione a cielo chiuso seguita dalla stabilizzazione percutanea è giustificata solo in caso di problemi cutanei o vascolari legati al trauma o a patologie preesistenti; l’artrodesi primaria rappresenta il trattamento di scelta nelle fratture altamente comminute. Riteniamo che l’ORIF continui a ricoprire il ruolo principale nel trattamento delle lesioni della Lisfranc, mentre l’artrodesi debba essere considerata prevalentemente come un intervento di salvataggio.
      PubDate: 2012-12-01
      DOI: 10.1007/s10351-012-0017-x
      Issue No: Vol. 18, No. 2 (2012)
       
 
 
JournalTOCs
School of Mathematical and Computer Sciences
Heriot-Watt University
Edinburgh, EH14 4AS, UK
Email: journaltocs@hw.ac.uk
Tel: +00 44 (0)131 4513762
Fax: +00 44 (0)131 4513327
 
Home (Search)
Subjects A-Z
Publishers A-Z
Customise
APIs
Your IP address: 54.210.158.163
 
About JournalTOCs
API
Help
News (blog, publications)
JournalTOCs on Twitter   JournalTOCs on Facebook

JournalTOCs © 2009-